Involtini di porri con riso basmati, lenticchie mignon e Robiola

Scommetto che quando pulite i porri eliminate e buttate la foglia del rivestimento più esterno, quella più dura, coriacea e “bruttina”. Ho ragione vero? Ma dovete sapere che è proprio quella che contiene più sali minerali e vitamine. Se lavata con cura e cotta al vapore o nella pentola a pressione, questa foglia sempre scartata diventa deliziosamente morbida e saporita. E quale miglior utilizzo se non quello di utilizzarla per la preparazione di involtini di porri ? Il ripieno sarà semplice, con riso basmati, lenticchie e robiola.

Curiosità
Sapevate che se ferite potete applicare una foglia di porro, che funzionerà come un vero e proprio cerotto attivo?

Cucinare con la parte verde dei porri è divertente!

Involtini di porri con riso basmati, lenticchie mignon e Robiola
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:15 minuti
  • Cottura:10 minuti
  • Porzioni:2
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • 100 g Riso Basmati
  • 50 g Lenticchie mignon precotte
  • 6 Foglie esterne di porri
  • 50 g Robiola
  • 1 cucchiaio Olio extravergine d’oliva
  • q.b. Sale
  • q.b. Pepe

Preparazione

    1. Lavate e asciugate le foglie esterne di porri. Cuocetele in acqua bollente salata per 5 minuti, oppure in pentola a pressione o al vapore nel microonde per 8-10 minuti. Stendetele su un panno ad asciugare.
    2. In un’altra pentola cuocete il riso basmati per 15 minuti.
    3. Scolate il riso, unite le lenticchie, la robiola e, aiutandovi con un cucchiaio mettete il composto al centro di ciascuna foglia di porro.
    4. Richiudete a pacchetto e sigillate con dello spago da cucina.
    5. Cuocete gli involtini di porri a vapore per 6 minuti e servite con un filo di olio evo.

Note

I nutrienti sono nella parte verde dei porri

I porri forniscono la vitamina C quasi esclusivamente dalla parte verde, oltre che e vitamine B e K. Il potassio e il poco sodio sono i diretti responsabili delle sue proprietà diuretiche.

Zuppa di porri contro l’insonnia

Questa verdura “medicamentosa” se usata nelle minestre e consumata in particolar modo a cena, rappresenta un’ottima cura contro l’insonnia. Ecco una ricettina velo veloce: si affettano due piccoli porri a rondelle compresi della parte verde ovviamente e si fa sobbollire con qualche dadino di zucca e un po’ di sedano, aggiungendo sul finale una manciata di orzo biologico e portando a cottura.
Il porro può essere consumato anche crudo in pinzimonio o in insalata, ma attenzione: va tagliato al momento dell’uso, altrimenti si ossida e si scurisce.

I porri curano i calli e i duroni

Se soffrite di calli o duroni, provate a curarvi con i porri. Fate macerare le foglie nell’aceto per 24 ore e applicatele sulla zona da trattare e lasciate agire per una notte intera se potete.

 

Se ti piacciono le mie ricette

puoi ricevere direttamente la mia newsletter

(trovi il form in home page)

Oppure

seguimi sulla pagina Facebook e diventa Fan.

Mi trovi anche su Twitter Google+ Pinterest

Se vuoi vistare il nostro sito clicca su

cadalera.it

oppure seguici su 

Facebook

Twitter

Istagram

Torna alla home

Precedente Torta con farina di riso e scarto di centrifuga Successivo Tortine salate all'aglio orsino, con scarola, ortiche novelle e caprino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.