Gnocchi di ceci e gambi di carciofi alla birra

gnocchi di ceci e birra 800

Stufi dei soliti piatti o della solita pasta? Allora gnocchi! Ma rigorosamente vegan e gluten free. Adatti a tutti, antispreco, veloci e facili da preparare, gli gnocchi di ceci e gambi di carciofi alla birra sono un primo piatto perfetto per una cena tra amici. Ricetta vegan e gluten free.

Vedi anche:


GNOCCHI DI CECI E GAMBI DI CARCIOFI ALLA BIRRA

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 kg di patate
  • 300 g di farina di ceci
  • 80 g di farina di riso
  • 3 cucchiai di paté di gambi di carciofi (la ricetta qui)
  • la parte verde di un porro
  • 3 dl di birra chiara
  • 1 cucchiaino di margarina
  • 3 cucchiai di panna di soia
  • noce moscata
  • peperoncino rosso dolce
  • parte verde del cipollotto
  • sale
  • pepe

Preparazione:

  1. Sulla spianatoia versate la farina di ceci a fontana.
  2. Cuocete le patate possibilmente a vapore. Pelatele e passatele nello schiacciapatate ancora calde facendole cadere direttamente sulla farina di ceci. Regolate di sale e aggiungete la noce moscata a piacere.
  3. Impastate velocemente con le mani, fino ad ottenere un composto sodo ed omogeneo.
  4. Lasciate riposare l’impasto sulla spianatoia per 20 minuti circa.
  5. Dividete l’impasto a fette dello spessore di 2 cm e arrotolatene ognuna ricavandone dei cordoncini che taglierete a loro volta in pezzetti sempre di 2 cm circa e incideteli aiutandovi con l’attrezzo apposito, i rebbi di una forchetta o il retro di una grattugia.
  6. Preparate la salsa.
  7. Tritate finemente la parte verde del porro e fatelo appassire a fuoco dolce con il cucchiaio di margarina e poca acqua.
  8. Bagnate con la birra e lasciate evaporare.
  9. A parte preparate il paté di gambi di carciofi (la ricetta qui) e aggiungete ai porri. Unite anchela panna di soia e mescolate. Regolate di sale e di pepe.
  10. Cuocete gli gnocchi di ceci e patate in abbondante acqua salata eraccoglieteli con la schiumarola appena vengono a galla.
  11. Spadellate gli gnocchi di ceci velocemente in padella e serviteli decorati con rondelle di peperoncino rosso dolce e rondelle di foglie di cipollotto.
  12. Nella foto gli gnocchi di ceci sono presentati in cestino di pasta fillo.

Ceci e dieta: accoppiata vincente
Tratto da dietando.it

Chi vuole dimagrire, spesso, evita i ceci perché ritiene che gonfino la pancia e che siano molto calorici. Non c’è nulla di più sbagliato.
I ceci danno un apporto calorico diverso secondo se sono crudi, cotti o in scatola. Un etto di ceci secchi contiene 361 calorie, mentre nella stessa quantità di prodotto cotto, ce ne sono 120.
La differenza fra una tipologia e l’altra di ceci è davvero notevole: quasi il triplo. I ceci in scatola di calorie ne contengono 100. La farina di ceci ne ha 315, mentre nella farinata le calorie si riducono a 116.

Come si può notare i ceci non sono molto calorici. Probabilmente l’equivoco nasce dal fatto che, fra i legumi, sicuramente i ceci sono quelli che contengono più calorie, ma questo non significa che ci troviamo davanti a un alimento ipercalorico.

Tra l’altro i ceci hanno anche un indice glicemico basso perciò, oltre a essere consigliati ai diabetici, diventano un piatto fondamentale per la buona riuscita di qualsiasi dieta dimagrante.
I legumi in generale, infatti, sono ottimi alleati delle diete dimagranti. Anche i ceci, dunque, si possono mangiare durante la dieta. Ecco perché.
Al contrario degli altri legumi, i ceci sono più digeribili perciò non danno origine a fastidiosi gas intestinali.
In più questi legumi svolgono un’azione drenante perciò contrastano la formazione sia di accumuli di grasso localizzati, sia dell’antiestetica cellulite.
Tra l’altro, essendo ricchi di fibre, i ceci aiutano il nostro organismo a eliminare sostanze nocive e a mantenere basso nel sangue i livelli di glucosio e trigliceridi.

Appunti e spunti

  • Cucina moderna
  • Dietando.it

Mara Toscani

Precedente Paté di gambi di carciofi, pinoli e semi di canapa Successivo Baci di dama alle arachidi e vegnutella

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.