Funghi porcini sott’olio

porcini sott'olio

Il periodo per darsi da fare a cercare funghi nel bosco è quasi finito. Ma è adesso che arriva il momento di consevarli per gustarsi durante il resto dell’anno. I funghi porcini sott’olio sono una prelibatezza e facilissimi da preparare. Bastano pochi ingredienti e un po’ di pazienza.

Funghi porcini: “la carne dei poveri”

I funghi porcini, come tutti i loro affiliati, rappresentano un alimento abbastanza completo, con un ottimo valore energetico e anche non pesante da digerire. Come molti tipi di verdure sono composti per la gran parte di acqua (in media 88%), idrati di carbonio, sostanze azotate, cellulosio, ceneri e grassi (0,4%). Sono un alimento quasi completo in quanto ricchi delle diverse sostanze necessarie ad un normale nutrimento dell’organismo umano; per questo motivo sono stati anche chiamati la “carne del povero”.

Vedi anche:

 

 

Ingredienti per 4 vasetti piccoli:

  • 1,5 di funghi porcini piccoli
  • 400 ml di olio d’oliva
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • 1/2 bicchiere di aceto di vino bianco
  • 1 litro di acqua q.b.
  • 4 foglie di alloro ben pulite
  • sale

Preparazione:

  1. Pulite i funghi porcini molto accuratamente con uno strofinaccio umido cercando di eliminare tutto il terriccio, molto delicatamente, e se necessario passateli sotto l’acqua corrente fredda ma molto velocemente e facendoli poi asciugare bene, anche se di solito non dovrebbe essere fatto.
  2. Tagliateli a metà o in quarti se fossero piuttosto grossi ed eliminate la pelle dai gambi, altrimenti risulterebbero duri.
  3. Portare a bollore l’acqua con il sale, aggiungete l’aceto, il vino bianco e, una volta ripreso il bollore versate i funghi e fate cuocere a fiamma moderata per 10 minuti, mescolando spesso con un cucchiaio di legno delicatamente, spegnete e scolate bene i funghi su di un strofinaccio pulito e lasciateli asciugare perfettamente.
  4. Mettete i funghi nel vaso precedentemente sterilizzato, insaporite con le foglie di alloro e il pepe in grani.
  5. Coprite con l’olio d’oliva e lasciate riposare per una settimana circa, rabboccando l’olio nel caso in cui il livello nel vaso cali.

Ecco come sterilizzare i vasi:

Sterilizzate i vasi mettendoli in una pentola con acqua fredda.
Quando il bollore è raggiunto, contate 30 minuti dal bollore e lasciate raffreddare completamente nella pentola e riponetele in luogo buio e fresco.

Foto e ricetta di Mara Toscani

Precedente Carbonara con foglie di sedano Successivo Ravioli di borragine e noci con burro al basilico

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.