Crea sito

Cipolla Rossa di Tropea: figlia del Sud

cipolla rossa di Tropea

Esistono numerose varietà di cipolle: bianche, giallo-dorate, sferiche e ovali. La più pregiata però è la cipolla rossa di Tropea, che è famosa per il suo inconfondibile colore rossaceo intenso ed è apprezzata in cucina per il sapore dolce e delicato, la carnosità e la croccantezza.  La particolare dolcezza non è data da una maggiore presenza di zuccheri né da una minore concentrazione di componenti aromatiche e ricche di zolfo, responsabili della piccantezza, bensì dal perfetto equilibrio tra questi elementi.

Tropea, città della cipolla rossa

Adagiata su una roccia a picco sul mare, la città di Tropea colpisce per la sua bellezza, le  sue stradine strette e viste mozzafiato. Tropea si trova in provincia di Vibo Valentia, nella regione di Capo Vaticano. In suo clima mite e temperato è interrotto raramente dalla pioggia. Ed ecco nascere, grazie a queste caratteristiche uniche, uno dei prodotti più tipici della zona: la cipolla rossa di Tropea, apprezzata in tutta Italia e in tutto il mondo per il suo sapore dolce e delicato.

[banner network=”altervista” size=”468X60″ corners=”rc:0″]

 Cipolla rossa di Tropea: storia e zone di produzione

Cipolla Rossa di TropeaLa cipolla rossa di Tropea non è nata in Calabria. L’hanno portata i navigatori Fenici, alcuni secoli prima della nascita di Cristo. Secondo alcuni reperti storici intorno a Vibo Valentia, erano i Greci a commercializzarla. A partire dal ‘600 la fama di questa cipolla è arrivata fino alla Francia e all’Inghilterra per merito di curiosi viaggiatori arrivati alla scoperta dell’Italia meridionale e delle sue delizie. Da qui la coltivazione della cipolla si diffuse lungo gran parte della costa tirrenica, beneficiando di un terreno caldo, soffice e accogliente e di un clima stabile anche d’inverno, senza grandi sbalzi di temperatura. La coltivazione della cipolla, oggi è estesa a tutto il territorio compreso tra la costa di Vibo Valentia e il golfo di Sant’Eufemia-Lamezia. Coltivata in un’ampia fascia costiera, è però diventata famosa con il nome di una sola località. Un tempo, infatti, le casse per la sua esportazione venivano lasciate nella stazione ferroviaria di Tropea, fin dall’antichità uno dei centri  più fiorenti della costa tirrenica calabrese, da cui raggiungevano varie destinazioni. Oggi è coltivata e raccolta come una volta. I bulbi vengono piantati a novembre e raccolti tra la fine di giugno e tutto luglio. La raccolta, fatta esclusivamente a mano viene fatta dalle donne, che poi trasportano le cipolle in sacchi da dieci chili, in luoghi in cui verranno fatte essiccare al sole dopo essere state legate nella forma tipica di treccia.

Caratteristiche della cipolla rossa di Tropea

Cipolla Rossa Già i medici latini dicevano di mangiare le cipolle per avere un colorito sano e mantenersi in buone condizioni fisiche. Le cipolle rosse di Tropea, in particolare, contengono un’elevata quantità di vitamina C e sono ricche di sali minerali, ferro, potassio, calcio, fosforo e fluoro. L’uso della cipolla è molto antico e frequente in erboristeria. Pensate che gli Egiziani le consideravano miracolose contro il mal di testa, morsi di serpenti e ragni e come costituente dopo ubriacature o intossicazioni. L’eccezionale qualità di questa cipolla deriva dal clima e dal terreno in cui nasce: una terra sabbiosa e fresca che permette al bulbo di crescere lentamente e in continuazione, anche d’inverno. Il tipico colore rosso è dato dalla presenza di sostanze che funzionano come coloranti naturali, gli antociani e i flavonoidi. La cipolla rossa di Tropea ha un nucleo bianco che sfuma verso il lilla verso la parte esterna, la parte interna ha molto strati sodi e carnosi, definite tuniche, ed è ricoperta da sfoglie finissime e secche di colore rosso-viola.

[banner size=”468X60″ type=”default” corners=”rc:0″]

La cipolla rossa in cucina

La delicata fragranza del gusto la rende adatta ad essere mangiata a crudo, impreziosite solo da un filo di olio evo o aceto. E’ ottima anche cotta, come la gustavano i nobili calabresi nel Medioevo e nel Rinascimento. Si può comunque mangiare in tutti i modi: in zuppa, fritta, bollita, in insalata, al forno e nell’immancabile soffritto.

Salute e cipolla rossa

Numerose ricerche riconoscono il valore della cipolla rossa per la salute: possiede, infatti, proprietà antisclerotiche, prevenzione contro l’obesità, infarto e malattie cardiovascolari. Agisce anche contro le emorragie ed è aiuto per tonificare e rinforzare vene e arterie. Ha anche un’azione diuretica e purificante e può curare i reumatismi cronici.

Pubblicato da mara

a tutto c'è un perchè..il mio è vino e cucina.e a ciascuno il suo....

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.