Catering, organizzazione cene, feste ed eventi

Devi festeggiare un compleanno? Vuoi fare una cena gourmet? Devi organizzare una festa? Contattami e verrò incontro ad ogni esigenza a prezzi concorrenziali . Dai uno sguardo alle foto dell’eventuale location! Preparo cene sfiziose con ogni menu e organizzo buffet ricercati o rustici, secondo le esigenze. Cercami su google con la dicitura “gruppo facebook zucchero e peperoncino” e ti apparirà il link https://www.facebook.com/groups/223508357754620/

dove accederai al mio gruppo Facebook “Zucchero e peperoncino” con foto dei miei piatti. Sono nella provincia di Roma , zona Castelli Romani. 

cena in giardino

cena in giardino

Festa in giardino

Festa in giardino

Atmosfera in giardino

Atmosfera in giardino

Buffet

Buffet

Buffet

Buffet

Particolari del buffet

Particolari del buffet

Fonduta & altro

Fonduta & altro

Buffet

Buffet

festa

festa

Relax nella campagna romana

Soggiorni in campagna in completo relax a soli 20 minuti da Roma! Possibilità di pranzi con prodotti genuini e cene gourmet tra ulivi e fiaccole in un’atmosfera unica.

https://www.airbnb.it/rooms/5214562

Relax nella campagna romana

Relax nella campagna romana

Cene tra ulivi e fiaccole

Cene tra ulivi e fiaccole

Giardino di sera

Giardino di sera

Tagliolini al ragù fresco di polpo e pesto di pachino

Viste le belle giornate oggi mi sono dilettata in una ricetta che è sempre un successo assicurato, i tagliolini al ragù fresco di polpo e pesto di pachino : una vera esplosione di gusto e sapori. Quello che io consiglio quando si prepara questo piatto, è di cuocere il polpo nella sua stessa acqua ovvero come si dice a Napoli “O purpo s’adda cocere cu’ l’acqua soja”. Quindi io lo metto così com’è, senza nessuna aggiunta, nella pentola a pressione e lo faccio cuocere circa 12-15 minuti (secondo la grandezza).                 Questo gustoso piatto è tuttavia facile e veloce. Perfetto per una cena con gli amici.

tagliolini al ragù fresco di polpo e pesto di pachino

tagliolini al ragù fresco di polpo e pesto di pachino

Ingredienti

400gr tagliolini freschi
1 polpo medio
300gr pachino
1 piccolo limone biologico
1 cucchiaio di capperetti
Basilico
Prezzemolo
Olio extravergine d’oliva

Cuocere per circa 15 minuti il polpo nella pentola a pressione senza acqua . Spellarlo e tagliarlo a tocchetti piccoli.
Nel frullatore mettere: il limone spremuto e un po’ della sua buccia grattata, basilico, capperetti, pachino e l’olio. Aggiungere due cucchiai del polpo a pezzettini e frullare di nuovo fino ad ottenere un pesto dalla consistenza granulosa.
Mentre si cuociono i tagliolini, riscaldare in una padella un po’ d’olio e peperoncino; poi soffriggerci il rimanente polpo a tocchetti per circa 5 minuti.
Scolare i tagliolini, mantecarli nella padella con il polpo, spengere il fuoco e aggiungere la salsa preparata.
Quando si prepara il piatto versare all’ultimo sopra i tagliolini un altro po’ di olio a filo e prezzemolo tritato per decorare.

 

Sformatino di robiola su crema ricca di spinaci e bacon croccante

Dicono che un piatto deve avere un po’ di morbidezza, un po’ di croccantezza, un po’ di dolcezza e un po’ di sapidità…. Beh, in questo sformatino di robiola su crema ricca di spinaci e bacon croccante mi sembra che ci siano tutte queste caratteristiche ed il risultato è qualcosa di gustoso, ma con delicatezza. Il bacon croccante che rilascia un po’ di se sullo sformato è un piacere senza uguali.

Sformatino di robiola su crema ricca di spinaci e bacon croccante

Sformatino di robiola su crema ricca di spinaci e bacon croccante

Ingredienti:

200 g di robiola                                                                                                                    300 g di spinaci lessati                                                                                                           2 uova intere e 1 tuorlo                                                                                                         150 g di panna                                                                                                                       250 cl di brodo                                                                                                                         100 g di bacon                                                                                                                         1 cucchiaio di pecorino grattuggiato                                                                                     olio evo, peperoncino, pepe q.b.

Amalgamare la robiola con la panna, un uovo intero e due tuorli; aggiustare di sale e pepe e  imburrare degli stampini di alluminio per versarvi il composto di robiola. Cuocere in forno ventilato a 180 gradi per circa 30 minuti. Tenere in caldo. Frullare gli spinaci lessati con un po’ di brodo, il pecorino, del peperoncino e poco olio evo, fino a fare una crema. Rosolare il bacon e impiattare versando due cucchiai di crema di spinaci sul piatto, adagiandovi sopra il budino e guarnendo con il bacon croccante e una spolverata di pepe nero..

 

Gnocchi di patate viola ripieni di stracciatella su fonduta

Quando riesco ad acquistare le patate viola, scateno la mia fantasia alla ricerca di una ricetta particolarmente gourmet. Le adoro fritte, ma stavolta avevo desiderio di un piatto più succulento. Quindi, sempre dieci minuti prima di pranzo, decido di cimentarmi con questi gnocchi di patate viola ripieni di stracciatella su fonduta.

Gnocchi di patate viola ripieni di stracciatella su fonduta

Gnocchi di patate viola ripieni di stracciatella

Gnocchi di patate viola ripieni di stracciatella

Ingredienti x 4 persone

12 patate viola                                                                                                                         2 uova                                                                                                                                       Farina 00 q.b.                                                                                                                         50 gr burro                                                                                                                                 100 gr panna fresca                                                                                                             100 gr pancetta a fette sottili                                                                                               100 gr stracciatella                                                                                                              Sale e pepe nero

Lessate le patate viola con tutta la buccia. Spellatele ancora calde e passatele con lo schiacciapatate. Fatele raffreddare e nel frattempo preparate la fonduta. In un padellino sciogliere il burro , aggiungere la pancetta e dopo che è rosolata, aggiungere la panna.   Far sobbollire alcuni minuti e poi aggiungere il grana.  Aggiungere  alle patate  le uova e, mano a mano, la farina quanta ne prende per fare un impasto morbido e non troppo appiccicoso. Fare dei gnocchi grandi circa 2 cm dove dentro metterete mezzo cucchiaino di stracciatella. Lessate i gnocchi in acqua bollente salata e conditeli con la fonduta e una spolverata di pepe nero.

Gulasch di cervo con polenta bianca e patate bicolore

Adoro la carne di cervo. E questo gulasch è venuto talmente buono, che io ne ho mangiati due piatti…con tutti i conseguenti sensi di colpa per la dieta da iniziare! In realtà queste preparazioni con i sughetti che bagnano carboidrati sani, come la polenta o il riso basmati, sono ideali e molto indicati nella stagione invernale. Basta scegliere i migliori prodotti tipici della nostra terra, tipo questa polenta bianca, che è delicata e saporita nello stesso tempo.

Gulasch di cervo con polenta bianca e patate bicolore

Gulasch di cervo con tris di polenta bianca e patate bicolore

Gulasch di cervo con tris di polenta bianca e patate bicolore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ingredienti x 4 persone

800 gr bocconcini di cervo                                                                                                     250 gr di polenta bianca                                                                                                           3 piccole patate viola                                                                                                               3 piccole patate gialle                                                                                                               2 bicchieri di vino rosso (tipo Ripasso di Valpolicella o Nobile di Montepulciano)                   2 cucchiai di farina per addensare                                                                                     Olio evo, sale e pepe, 2 mestoli di brodo                                                                         Misto per soffritto, 4 foglie di alloro, rosmarino, 4 chiodi di garofano, un pizzico di cannella

Nella pentola a pressione mettere un bel po’ d’olio e il soffritto e far rosolare.  Poi aggiungere l’alloro ed il rosmarino e per ultimo i bocconcini di cervo. Salare e pepare. Una volta rosolati versare il vino, i chiodi di garofano e la cannella e far evaporare. Aggiungere qualche mestolo di brodo e chiudere la pentola. Far cuocere per 20 minuti con il classico fischio, dopodichè abbassare la fiamma tanto da farla diventare fievole,  in modo da lasciar andare dolcemente per altri 20 minuti.                                                                                 Nel frattempo cuocete la polenta in 1 litro e mezzo di acqua bollente e salata e bollite le patate con tutta la buccia per una ventina di minuti. Una volta che il gulasch di cervo è cotto, aspettare  che la pressione svanisca ed aprire la pentola; aggiungere la farina e far addensare un pochino il sughetto.                                                                                           Versare in un piatto grande un mucchietto di polenta bianca e ai lati altri 2 mucchietti di patate passate con l’apposito schiacciapatate a fori grandi. Versare sulle patate dell’olio, del sale e del pepe. Adagiate parallelamente alle patate e alla polenta i bocconcini di cervo con il loro sughetto e servire immediatamente.

Gulasch di cervo con tris di polenta bianca e patate bicolore

Gulasch di cervo con tris di polenta bianca e patate bicolore

Abbinamento vino: un buon Ripasso di Valpolicella accompagna bene con la sua dolcezza e la sua corposità questo delizioso piatto invernale.

 

 

Petto d’anatra con coulis di amarene e finto rostì di patate

Adoro il petto d’anatra! E, quando riesco a recuperarlo, mi faccio guidare dalle sensazioni del momento e provo accostamenti sempre diversi. Oggi è toccata alle amarene. E quello che ne è uscito fuori è stato un piatto davvero speciale. 

Petto d’anatra con coulis di amarene e finto rostì di patate 

Petto d'anatra con coulis di amarene e finto rostì di patate

Petto d’anatra con coulis di amarene e finto rostì di patate

Ingredienti per 4 persone

1 vasetto di amarene sotto spirito

30 gr di burro

4 patate

Sale, pepe e rosmarino

Incidere i petti d’anatra a temperatura ambiente con un coltello e metterli in una padella antiaderente fredda con la parte della pelle a contatto con il fondo.  Accendere il fuoco e far cuocere fino a che la pelle diventi croccante e comunque circa 5 minuti. Girarli e far rosolare per altri 2 minuti; poi prelevarli e metterli in una teglia calda su carta da forno e finire la cottura in forno ventilato a 200 gradi per circa 15 minuti.   Nel frattempo  fate sciogliere il burro in un padellino e far caramellare le amarene; dopo qualche minuto aggiungere il loro liquido e far addensare la salsa per altri 5 minuti.                                       Preparare le patate, sbucciandole e tagliandole a fiammiferi più sottili possibile e farli rosolare nella padella dov’è rimasto il grasso dei petti d’anatra. Appena fatta la crosticina, aggiungere sale e pepe e coprire con un coperchio di vetro per controllare la cottura.         Ora vedere se i petti d’anatra sono cotti perfettamente,  premendoli con un dito : il petto deve essere compatto, ma elastico (se è troppo morbida è ancora cruda). Farli riposare per 5 minuti su un tagliere ricoperti con dell’alluminio. Tagliare i petti a fettine di circa 1,5 cm ed impiattare versando sopra la coulis di amarene ed adagiando le patate accanto.

Abbinamento vino : potete servire questa delizia con un vino caldo e speziato con settori di confettura di frutta , come un  Ripasso di Valpolicella o un Amarone o un Nobile di Montepulciano.

Zuppa di pane e pecorino con salsiccia sbriciolata

Sono sempre alla ricerca di qualche ricetta nuova per un piatto caldo e corroborante ed oggi, dopo aver acceso il camino già di mattina presto, ho provato a fare una zuppa di pane con quello che mi proponeva il mio frigo! Questa zuppa è facile, veloce, economica, ma gustosissima!

Zuppa di pane e pecorino con salsiccia sbriciolata

Ingredienti per persone

Zuppa di pane e pecorino con salsiccia sbriciolata

Zuppa di pane e pecorino con salsiccia sbriciolata

8 fette di pane casareccio abbrustolito                                                                                     1 litro di brodo vegetale                                                                                                            300 gr di pecorino di pienza morbido  (o formaggio tipo galbanino)                                      2 salsicce                                                                                                                                 100 gr di pecorino romano grattuggiato                                                                                   olio evo, 100 gr di misto per soffritto, pepe   

Mettere le fette di pane in una ciotola di coccio, adagiando su ognuna delle fette fine di pecorino e un po’ di salsiccia sbriciolata con il suo sugo, precedentemente cotta in un padellino con l’olio ed il soffritto.                                                                                        Versare sopra il brodo bollente e spargere sopra un po’ di pecorino grattuggiato e una macinata leggera di pepe nero.

 

Minestra di pasta e patate in vasocottura

Necessità fa virtù! Cercavo un modo per portare a mio padre, che poverino sta all’ospedale, una minestra di patate bella calda, ma senza che si scuocesse…ed ecco qui che è nata la mia prima “vasocottura”! E’ stata facile, veloce e quindi assolutamente da ripetere. Si conserva fino al giorno dopo senza problemi. Basta scaldare il vasetto ed il gioco è fatto!

Minestra di pasta e patate in vasocottura

Minestra di pasta e patate in vasocottura

Minestra di pasta e patate in vasocottura

Ingredienti x 3 vasetti da circa 500 ml

4 patate grandi                                                                                                                          170 gr pasta tipo mezze maniche                                                                                            100 gr pancetta dolce a cubetti                                                                                          100 gr di grana grattuggiato                                                                                                   1 cucchiaio di concentrato di pomodoro                                                                                 olio evo, aglio, rosmarino, peperoncino 

Tagliare le patate a cubetti ( 2 a cubetti molto piccoli in modo che si squaglino e 2 a cubetti di circa un centimetro) e farle soffriggere in olio evo con uno spicchio d’aglio e del rosmarino. Aggiungere la pancetta e dopo alcuni secondi un cucchiaio di concentrato di pomodoro. Infine aggiungere acqua quanto basta per cuocere le patate.                               Quando le patate sono cotte, versare la pasta e farla cuocere metà del tempo indicato sulla confezione.  Nel frattempo avrete preparato i barattoli con chiusura ermetica perfettamente puliti ed una pentola capace di contenerli con un canovaccio sul fondo e tanta acqua per coprirli fino ai 3/4 dei barattoli stessi.                                                      Quando la pasta è a metà cottura, unire il grana grattuggiato e versarla nei barattoli. Mettere i barattoli nella pentola con l’acqua già bollente e cuocere a bagnomaria sul fornello per i minuti rimanenti.    Fare molta attenzione a toglierli dalla pentola (aiutandosi con dei canovacci) e aprirli solo dopo che si sono leggermente raffreddati.  Mio padre l’ha mangiata la sera, dopo circa quindi 8 ore, ed era buonissima !

Vasocottura

Vasocottura

15966032_10210356983179874_8662364807645225329_n 15941277_10210356984739913_4158470666239839502_n

 

Fettuccine gamberi e porcini

E anche Natale è già passato! Quest’anno per accontentare mia sorella, alla quale non piacciono vari tipi di pesce, ho preparato queste “Fettuccine gamberi e porcini” che solo a ripensarci mi viene l’acquolina! Facili e veloci da preparare, sono davvero gustose, anche se si utilizzano i porcini congelati. Provatele e mi direte!

Fettuccine gamberi e porcini

 

Fettuccine gamberi e porcini

Fettuccine gamberi e porcini

Ingredienti x 4 persone

500 gr fettuccine fresche                                                                                                          12 gamberi grandi                                                                                                                      400 gr porcini a cubetti congelati                                                                                              250 gr pachino                                                                                                                          100 gr panna fresca                                                                                                                   aglio, olio evo, peperoncino, pepe, prezzemolo

In una padella soffriggere l’aglio con l’olio ed il peperoncino e dopo unire i porcini a cubetti. Continue reading