RAVIOLI ALLE BARBABIETOLE

IMG_1493

VOTO:

8

 

DIFFICOLTA:

BASSA

 

COSA SERVE per 4 persone

500g di sfoglia all’uovo fresca tirata sottile

600g di barbabietole rosse cotte al forno

3 cucchiai di pangrattato

40g di semi di papavero

100g di ricotta tipo piemontese

120g di burro

2 uova

40g di grana grattugiato

Cannella in polvere

Pepe

Sale

 

COME SI FA:

Ho pelato le barbabietole, tagliate a dadini e frullate brevemente, poi ho fatto rosolare il frullato ottenuto in  una padella con 20g di burro, mescolato e cotto finché non si è asciugato. Ho trasferito il frullato ristretto in una ciotola e fatto raffreddare, poi ho incorporato 2 uova e la ricotta sgocciolata, il sale ,il pepe, insaporito con un pizzico di cannella e metà dose del grana. Ho soffritto in una padella con 20g di burro il pangrattato per 1 minuto e fatto intiepidire, poi l’ho aggiunto al ripieno e amalgamato. Ho messo il ripieno in frigo finché non ho fatto i ravioli. Ho ritagliato la sfoglia di pasta in dischi di 6cm di diametro e spennellati con l’albume mescolato a poca acqua. Ho distribuito il ripieno sulla metà inferiore dei dischi, ripiegati sopra l’altra metà, fatto aderire bene gli orli e sigillati premendo con i rebbi di una forchetta. Ho lessato per 5 minuti i ravioli in abbondante acqua bollente salata. Ho rosolato i semi di papavero con 80g di burro per 30 secondi. Ho scolato i ravioli allargati nel piatto e spolverizzati col grana rimasto, poi ho versato sopra il burro fuso bollente con i semi papavero e serviti.

 

COSTO:

BASSO

 

TRATTA DA:

LA CUCINA INVERNALE

primi, VOTO 8

Informazioni su votiallericette

La mia missione è quella di cucinare le ricette che trovo nei miei libri e dare un voto, riuscirò nel mio intento?Sono ricette quindi testate da me e votate dal mio compagno. Ogni mese circa scegliamo le ricette facciamo la lista e compriamo gli ingredenti. Buona lettura. Se hai piacere puoi lasciare un commento con o senza registrazione ma ricordati di frimarlo per favore. Grazie!

Precedente TONCO DE PONTESEL Successivo ORATA ALLA PROVENZALE