Babà dolce napoletano e le due comari

Buongiorno! potevo non presentarvi il babà dolce napoletano? classico, al rum, con panna e fragole per decorazione e con pasta madre!

Babà dolce napoletano e le due comari

Fatto più spesso con il lievito di birra, questa volta ho voluto provare con  il lievito madre, non avete idea del profumino!! appena lo sforni sa di pane, di buono.. Il 24 è stato  il compleanno di mio padre e abbiamo festeggiato ieri, per cui mi sono attrezzata 😀 mia sorella il pan di spagna e io ho optato per il babà dolce napoletano.. e 2 belle pagnotte di pane casareccio.. me la sono cavata eh?

” Donna Concetta era in cucina a preparare il pane, sul tavolo, farina, criscito (lievito madre) sale, acqua..

..Buongiorno Cuncettì vaggio purtat l’ov frisc frisc! ..

Bongiorn ‘Onna Margarì, trasite, venite venite, mettit n’gopp a tavola, sto facenn o pane, assettatev, prepar o caffè.. attrament, araprite doie ove dint a nu piatt, aggia fa na frittat pu criatur.. è debbole abbisogn e rinforz..

..E’ over Cuncettì, l’aggio vist aier sic sic… comm sta sciupat! ma c’a passat??

…Eh Margarì che t’aggia dicère.. sarà stat u matrimonio ra figlia e donna Filumen! devi sapere che la figlia ha fatto preparare nu menù cu i frutt e mar! sarann stat chill! u criatur na mangiat assaje e s’è s’ntut mal pe’ duie juorn! pur l’uocchie a vuttat for! belle e mammà.. stev ciuott ciuott e s’è fatt sicc sicc!…

Arriva il figlio.. 20 anni..in sovrappeso..

…Mammà i teng famm! bongiorno onna Margarì avit purtat l’ove e rinforz?

…Si si bell ra zia! fresc fresc accussì mammà te fa na bella frittat e a mett miezz o pan frisc frisc, accussì t’arrepiglie nu poc ca staie tropp sciupat!

…avite ragione! me sent tropp stanc me mancan i forz pe faticà.. ce vo nu mes e ripos!

…Aspett belle e mammà, mo te prepar tutt cos, assittete, pigliat o caffè, è buon!

Donna Concetta si alza e accidentalmente rovescia il piatto con le uova nell’impasto del pane..

..U marò! è mo? me so carute  l’ov dint o pane! comm aggià fa!..

…Mammà.. mettitece u zuccher e facita na tort! nu bell dolce ca ce sta buon!

… e chi sap comm ven mo!  ce sta u criscet, sarrà comm a nu casatiell!

…Donna Concetta vostro figlio ha ragione! facite facite!

Donna Concetta aggiunge lo zucchero, finisce l’impasto e lo mette a lievitare accanto al focolare…Tra una chiacchiera e l’altra passano diverse ore.. si fa quasi l’ora di pranzo..

..Donna Cuncè mo debbo andare a casa, e criature anna magnà.. ma u dolce? a che sta? verit! verit! … è crisciut! è bell bell!! mo’ o vott dint o furn e verimm nu poc se esce buon!

Donna Margherita si trattiene ancora, curiosa più che mai di sapere come sarà il dolce.. tra un caffè e una chiacchiera passa mezz’ora e donna Concetta sforna il dolce..

..i c’addòr Cuncettì!!

…mammà o voglie assaggià!

… aspettat è cucent! fa mal!! però io u vec tropp sic, asciutt, chist è buon dint o latt! .

..Cuncettì e si u bagn cu nu poc e liquor ?

… mmm teng nu poc e rum ca m’hann regalat quann me so spusat! sarrà buon!? ..pruvamm pruvamm!! ….

i che babbà!

TRADUZIONE Donna Margherita era in cucina e stava preparando il pane, sul tavolo gli ingredienti, acqua, farina e lievito madre..

..buongiorno Concetta ti ho portato le uova fresche fresche!

buongiorno donna Margherita, entra, vieni, vieni, mettete sulla tavola, sto facendo il pane, sedetevi, preparo il caffè, nel frattempo aprite due uova dentro un piatto,  devo fare una frittata per il bambino.. è debole, ha bisogno di rinforzo..

E’ vero Concettina, l’ho visto ieri magro magro.. come è sciupato? cosa gli è successo?

Eh Margherita! che ti devo dire, sarà stato il matrimonio della figlia di donna Filomena! devi sapere che la figlia ha fatto preparare un menù con i frutti di mare, saranno stati quelli! Il bambino ne ha mangiati tanti e si è sentito male per due giorni! ha vomitato anche gli occhi! bello di mamma! era in carne ed è diventato magro magro!

Arriva il figlio.. 20 anni..in sovrappeso..

..Mamma ho fame! Buongiorno donna Margherita, avete portato le uova di rinforzo?

Si, si bello di zia! così la mamma ti prepara una bella frittata e la mette in mezzo al pane fresco fresco così ti riprendi un  po’ perchè sei troppo sciutpato!

-avete ragione! mi sento troppo stanco, mi mancano le forze per  lavorare, ci vorrebbe un mese di riposo!

-aspetta bello di mamma! ora ti preparo tutto, siediti, prendi il caffè è buono!

Donna Concetta si alza e accidentalmente rovescia il piatto con le uova nell’impasto del pane.. e ora? mi sono cadute le uova nel pane! come devo fare?!

Mamma, metteteci lo zucchero e fate una torta! un  bel dolce, che ci sta bene!

E chi lo sa come viene ora! c’è il lievito madre, sarà come un casatiello!

Donna Concetta vostro figlio ha ragione! fate, fate!

Donna Concetta aggiunge lo zucchero, finisce l’impasto e lo mette a lievitare accanto al focolare… Tra una chiacchiera e l’altra passano diverse ore.. si fa quasi l’ora di pranzo..

Donna Concetta ora devo andare a casa, i bambini devono mangiare! ma il dolce? a che punto è? vedete, vedete! ..è cresciuto! E’ bello! ora lo inforno e vediamo un po’ se è buono!

Donna Margherita si trattiene ancora, curiosa più che mai di sapere come sarà il dolce.. tra un caffè e una chiacchiera passa mezz’ora e donna Concetta sforna il dolce..

..che odore Concetta!!

mamma lo voglio assaggiare!

aspettate è bollente! fa male! però io lo vedo troppo asciutto! questo è buono nel latte!

Concettina e se lo bagni con un po’ di liquore?

….mmm ho il rum di quando mii sono sposata..sarà buono?!

.proviamo, proviamo!

che bel babà!

Sono impazzita??? no 😀 era una simpatica introduzione al babà.. ho immaginato come sarebbe potuto nascere il babà a Napoli, con la pasta madre 🙂 due comare che chiacchierano e si distaggono.. il babà in realtà è un dolce polacco, inventato dal re Stanislao Leszczinski che pare abbia bagnato nel Madeira il suo dolce preferito, kugelopf, il dolce austriaco ermafrodito, cioè mezzo panettone e mezzo brioche, e che da allora lo abbia sempre voluto così. La sua passione per la cucina portò a nuove e più ricche elaborazioni con l’impasto lievitato tre volte e sbattuto per ottenere una pasta più leggera. La forma diventa quella della cupola di Santa Sofia, il nome scelto è Ali Babà, il protagonista de “Le Mille e una notte” perderà poi alì.. A Napoli arriva grazie a Maria Carolina figlia dell’ imperatore d’ Austria e di Maria Teresa d’ Asburgo, legata a  sedici anni nel 1768 per procura a Ferdinando IV di Borbone.. rivale di Maria Antonietta e curiosa più che mai manda di continuo suoi emissari a Parigi per scoprire le ultime tendenze dei sarti e della cucina.. e tutto il resto viene da se 🙂

Con questa storia e ricetta partecipo alla Singolar tenzone di Sonoiosandra  e del blog  Bambinigolosi  Babà dolce napoletano e le due comari ricetta dolce vickyart arte in cucinaBabà dolce napoletano e le due comari ricetta dolce vickyart arte in cucina

Babà dolce napoletano e le due comari
Recipe Type: Dessert
Cuisine: Italian
Author: Vickyart
Prep time:
Cook time:
Total time:
Serves: 6
Babà dolce napoletano, ricetta tradizionale, dolce tipico napoletano
Ingredients
  • N.b. la ricetta è per uno stampo piccolo tipo da bavarese per 250 gr di babà
  • 220 grammi farina 00
  • 12 grammi lievito di birra o 100 grammi di pasta madre
  • 80 grammi circa di latte o 50 se usate pasta madre (io ho messo acqua)
  • 3 uova
  • 50 grammi zucchero
  • 200 grammi zucchero per bagna
  • 70 grammi burro (potete sostituire con margarina)
  • 1 pizzico sale
  • 500 grammi acqua
  • 1 buccia limone
  • 1 buccia arancia
  • q.b. rum
  • 100 grammi di panna per dolci
  • una fragola
Instructions
  1. Se usate il lievito di birra mescolate un cucchiaio d’acqua, un cucchiaino di zucchero e 25 grammi di farina e lasciar lievitare finché non raddoppia di volume..
  2. Con la pasta madre:
  3. grammi di farina, 100 grammi di pasta madre, un cucchiaino di zucchero e 50 grammi di acqua, o latte, impastate e lasciate lievitare, l’ho preparato la sera tardi e ho lasciato tutta la notte.
  4. Versare nella ciotola del robot il lievitino, lo zucchero, la restante farina (120 grammi nel caso di pasta madre e 195 gr nel caso di ldb), il latte, uova e successivamente il burro ammorbidito (se troppo liquido aggiungere farina, io 3-4 cucchiai) e lasciate lavorare per 30 minuti a velocità media, dopodichè coprite e lasciate lievitare… (l’impasto risulta morbido)
  5. Preparare la bagna:
  6. bollire 450 grammi d’acqua, 200 di zucchero, la buccia di limone e di arancia poi lasciarlo raffreddare e aggiungere la quantità di rum che preferite..
  7. Prelevare l’impasto e sistemarlo nella forma, lasciate lievitare circa 15 minuti e infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti…
  8. Appena raffreddato immergere li babà nello sciroppo e lasciarlo in ammollo, poi prelevarlo con delicatezza e sistemarlo nel piatto da portata.
  9. Montate la panna e con una sac à poche divertitevi con le decorazioni..
  10. Bon appétit..

 

 

21 thoughts on “Babà dolce napoletano e le due comari

  1. Sono esterrefatta, senza parole….. e guarda che lasciare senza parole me è assai difficile!!! Storia bellissima, esilarante e meravigliosa scritta in dialetto!!! La ricetta? Un must? Ma che must, mi hai fatto venire fame mia hai fatto! Guarda che bellezza!
    In bocca al lupo per il contest e grazie per aver partecipato, UN ONORE!!!!
    sANDRA

  2. Chissà se è nato davvero così il babà, tante grandi ricette sono nate per caso da un errore 🙂 ma qualunque sia stata la sua vera origine, il tuo oggi è una visione paradisiaca. Caspiterina che bel compleanno ha festeggiato il tuo babbo 😀 Un bacione, buona giornata

  3. Per prima cosa vorrei fare gli auguri al tuo papa’ anche se in ritardo,immagino che bella soddisfazione deve aver provato nel vedere cosa gli hai preparato!Che meraviglia e che introduzione veramente divertente che hai pensato!Brava!

  4. Mi stai facendo svenire tesoro!!! E’ bellissimo e non oso immaginare quanto è bbono ..ce non voglio immaginare se no corri il rischio di trovarmi da te e SUBITO!!! Carinissima anche l’introduzione..:D
    Per ora ho gli stampi per i babà, il resto verrà perchè mi piacciono e voglio provare anche io a farli!!
    Baci baci cara! E tanti auguri al tuo papà anche se in ritardo!

  5. Ha ha ha ha che fantasia Vicky 😀 sai si racconta che il signorotto, isolato dalla sua amata Francia, amava il cibo, era la sua unica vera grande passione. Però lo chef non era bravissimo e gli faceva sempre questo pane spugnoso. Un giorno lui, stanco di vedere questa “mollica dolce” lo lanciò contro il muro, si rovesciò il rhum e lui, goloso anche degli alcolici, non aveva nulla da perdere. Assaggiò e nacque uno tra i dolci più importanti della nostra bella città! Ciao carissima un bacione! :-*** splendide foto!!!!

  6. Il Babà è uno dei miei dolci preferiti, amo i lievitati e da napoletana nn posso che amare profondamente questo dolce, era nei miei pensieri in questi giorni.. e da questo post ne respiro il profumo! semplicemente meraviglia!:)

  7. dodo_dj il said:

    Ciao e complimenti per il babà…
    Siccome uso anche io il lievito naturale volevo sapere come mai usi un rapporto di di 1 (lievito) a 2 (farina)?
    usi questo rapporto indiscriminatamente o solo per questa ricetta?
    Io ad esempio uso un rapporto di 1 a 4 o 5

    • vickyart il said:

      allora ho una pm ancora giovane, non ha un mese, per il babà avevo paura ke nn mi lievitasse sinceramente, invece è stato perfetto… più o meno uso anke io 120-130 grammi di pm per 4-500 grammi di farina dipende da cosa devo preparare, grazie 🙂

  8. spassoso il racconto del babà in dialetto..le ho proprio immaginate le due comari in cucina ah aha
    ma sai che ho provato anche io a farlo e quello con il ldb è venuto buonissimo(l’ho bagnato con uno sciroppo alla vaniglia)…ho provato col lm ,ma non sono rimasta molto soddisfatta 🙁 devo riprovare la prossima volta che rinfresco il lm 🙂 ciao cara e buona serata

  9. Buongiorno, io e Arianna vorremmo ringraziarti per aver partecipato alla nostra sfida: senza di te non sarebbe stata la stessa cosa. Abbiamo eletto i vincitori, vieni a vedere….. Siamo veramente contente del successo che ha avuto la sfida visto la richiesta anche dello scritto oltre che della ricetta, quindi: GRAZIE!!!
    Alla prossima sfida..
    Sandra e Arianna
    La singolar tenzone
    http://sonoiosandra.blogspot.it/2012/05/vincitori-singolar-tenzone.html

  10. Stefania il said:

    E la ricetti a per fare un babà’ grande? Io uso quella del bimby ma mio padre dice che non È un vero babà’. Grazie

Lascia un commento