Crea sito

Chiacchere di carnevale

Era da un po di tempo che cercavo una ricetta per ottenere delle chiacchere leggere e friabili come quelle che si trovano solo in pasticceria e finalmente l’ho trovata grazie a una bravissima blogger, Simona, di www.tavolartegusto.it che con le sue ricette non mi delude mai.
Con questa ricetta davvero semplice da realizzare e seguendo dei piccoli accorgimenti otterrete delle chiacchere super leggere che sembreranno fatte al forno, non unte e molto friabili ma soprattutto il giorno dopo saranno come appena fatte.
Grazie ancora a Simona per questa ricetta!

  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 300 gFarina 00
  • 40 gZucchero
  • 2Uova medie
  • 60 glatte
  • 30 gburro fuso
  • 2 cucchiaigrappa o liquore a scelta
  • buccia grattuggiata di 1 limone bio
  • 1 pizzicosale
  • q.b.olio di arachide per friggere
  • q.b.zucchero a velo per spolverare

Preparazione delle chiacchere di carnevale:

  1. In una ciotola mescolare la farina con lo zucchero e il pizzico di sale, fare un buco al centro e aggiungervi le uova, il burro fuso, la buccia del limone grattuggiata, il liquore scelto e con l’aiuto di una forchetta incorporare la farina dai lati verso il centro fino a completo assorbimento.

  2. Una volta che la farina ha assorbito tutti gli ingredienti aggiungere il latte e continuare a lavorare proseguendo poi a mano fino ad ottenere un impasto sodo che non appiccica. Formare una palla, coprire con pellicola e lasciare riposare a temperatura ambiente per 20/30 minuti.

  3. A questo punto si procede con la formatura delle sfoglie, operazione che puo’ essere fatta sia a mano che con la macchinetta della pasta anche se consiglio per chi ne avesse, una la seconda opzione.

    A mano: dividere l’impasto in tre parti, tirare la sfoglia ripiegandola più volte su sé stessa e finire stendendola il più sottile possibile infarinando all’occorrenza sia sfoglia che mattarello.

    Con la macchina della pasta: dividere l’impasto in tre parti e iniziare a tirarlo impostando la macchinetta con lo spessore più grande, ripiegare più volte la sfoglia su se stessa e finire usando la penultima tacca o ultima se volete delle chiacchere ancora più sottili.

    Dopo aver ottenuto la prima sfoglia ritagliare le chiacchere con l’apposita rotellina per una grandezza di circa 8x12cm e man mano che si procede a stendere il resto dell’impasto disporre le chiacchere già pronte su un canovaccio infarinato coperte da pellicola trasparente per non farle seccare.

  4. Una volta terminata la formatura delle chiacchere mettere a scaldare in un tegame piccolo e dai bordi alti l’olio di semi. Vanno bene sia quello di girasole che quello di mais ma il migliore per le fritture é quello di arachidi che ha un punto di fumo più alto (180°contro i 130°dell’olio di girasole e i 160° per quello di mais) quindi più difficile da raggiungere e si ottiene un fritto più leggero e profumato.

    Cuocere una o due chiacchere per volta al massimo a una temperatura di 170°/175° monitorando costantemente la temperatura dell’olio con un termometro (quello a immersione in questo caso é il più indicato).

Note e consigli

La temperatura dell’olio é fondamentale per ottenere delle chiacchere leggere, friabili e che si riempiranno di bolle; se l’olio é troppo caldo le chiacchere cuoceranno e scuriranno subito senza gonfiarsi per bene e il giorno dopo saranno piuttosto dure mentre se l’olio è a una temperatura troppo bassa le chiacchere impiegheranno troppo tempo a cuocere e assorbiranno tanto olio risultanto unte e pesanti. Purtroppo l’uico modo per tenere la temperatura costante e ottenere delle chiacchere cosi leggere e friabili è utilizzare un termometro a immersione, é possibile ovviamente procedere anche senza ma il risultato non potrà essere lo stesso.

Altro aspetto importante è lo spessore delle sfoglie, più saranno sottili piu si gonfieranno e avrete delle chiacchere asciutte che si sciolgono in bocca, al contrario avrete delle chiacchere piuttosto croccanti per questo meglio procedere con una macchina per la pasta.

Con questa ricetta avrete delle chiacchere che il giorno dopo saranno come appena fatte e se dovessero avanzare chiudetele in un sacchetto di plastica per alimenti per conservarle fino a 5 giorni.

Grazie ancora a Simona di www.tavolartegusto.it per questa fantastica ricetta!

Seguimi anche su https://www.facebook.com/ZenzeroVaniglia-417481908818828/

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.