Crea sito

Corso di cucina presso l’istituto alberghiero “Magnaghi” di Salsomaggiore Terme

L’ultima ciotola è stata lavata. L’ultima briciola di krapfen sparita. Il corso breve di cucina dell’Istituto alberghiero “Magnaghi” a Salsomaggiore Terme si è concluso, lasciando dodici persone (me compresa!) soddisfatti e più ricchi di esperienza e di ricette.

20140319_205936

L’obiettivo del corso è stato quello di guidare il lavoro di coloro che, per passione o per necessità, volevano migliorare le proprie conoscenze e le proprie capacità sui fornelli, avendo però a propria disposizione gli strumenti di una normale cucina casalinga.

Un corso all’insegna di profumi inebrianti, di sapori meravigliosi, di tecniche semplici e ripetibili, di persone garbate e simpatiche, di un professore competente e gentilissimo lo chef Confessore, non solo perché è stato sempre chiaro ed esauriente nell’esposizione, ma soprattutto perché dotato di grande pazienza!

20140409_194843

Tra racconti di cucina, qualche citazione storico-gastronomica, la smentita di ogni convinzione culinaria avuta fino a quel momento, leccate di spatole e padelle, e tanto buon cibo abbiamo passato dieci serate molto interessanti, utili, ma soprattutto all’insegna delle risate.

20140319_215843

20140331_210520

20140319_205924

Abbiamo iniziato proprio dall’ABC, dai tagli, scoprendo che posizionare correttamente le dita per evitare di tagliarsi maneggiando un tranciante non è poi così semplice come dicono, che utilizzare lo spilucchino può rivelarsi sempre molto utile.

Abbiamo imparato la differenza tra taglio a brunoise e taglio alla julienne, che il trito di sedano, carota e cipolla è chiamato mirepoix. Abbiamo disossato una coscia di pollo, sbarbato, squamato, sfilettato e pulito un branzino, pulito chili di cozze e gamberi, pelato a vivo un pompelmo e preparato impasti per pasta fresca, gnocchi, brioche e babà.

20140331_220628 20140409_223314 20140319_220837

Abbiamo imparato a fare un fondo bruno e una bisque perfetta, un coulis di lamponi e una riduzione di aceto balsamico; abbiamo temperato e pettinato il cioccolato e preparato una sacher divina.

20140402_230006 20140319_215500

20140409_230839

Adesso sappiamo che un piatto per risultare di buon gradimento deve avere: sapore, colore, croccantezza e altezza.

Abbiamo scoperto che il forno a vapore è un elettrodomestico dalle cotture meravigliose, provato la cottura sottovuoto ed utilizzato l’abbattitore: io personalmente mi sono innamorata dell’abbattitore e mi chiedo perchè non ne facciano una versione casalinga!

Trenta ricette, tantissime tecniche e soprattutto mille segreti svelati: il più importante? Che dietro a qualsiasi movimento, a qualsiasi ingrediente mescolato con altri ingredienti si nasconde un mondo fatto di reagenti e reazioni che insieme contribuiscono alla riuscita di un capolavoro.

img005

Il mio attestato di fine corso

4 Comments on Corso di cucina presso l’istituto alberghiero “Magnaghi” di Salsomaggiore Terme

  1. Fabrizio Maggi
    22 aprile 2014 at 16:33 (3 anni ago)

    Complimenti Sandra. veramente un bell’articolo
    Coinvolgente e realistico
    Brava

    Fabrizio

    • undolcesalato
      22 aprile 2014 at 18:53 (3 anni ago)

      Grazie mille Fabrizio! :)

  2. sandra
    30 aprile 2014 at 07:46 (3 anni ago)

    Ciao Sandra, anch’io volevo complimentarmi per il bellissimo articolo che magicamente mi ha riproiettata nel vivo dell’esperienza vissuta.
    Ciao, Sandra Abati

    • undolcesalato
      30 aprile 2014 at 08:35 (3 anni ago)

      Ciao Sandra
      Grazie a te di essere passata.
      Sandra