Maccheronata di fagioli – ricetta toscana

Maccheronata di fagioli - ricetta toscana

Maccheronata di fagioli…sì.
perché non sapevo come altro chiamarla.
chiamarla pasta e fagioli mi sembrava riduttivo e banale. soprattutto la pasta e fagioli è quella che si fa con i ditaloni.
Maccheronata di fagioli…sì.
non sono impazzita.
perché i maccheroni in toscana NON sono quelle specie di penne mozze che sono universalmente chiamati maccheroni in tutta italia.
i maccheroni in toscana sono quadrati. schiacciati. rustici.
delle mini-lasagnette o delle maxitagliatelle.
immaginateli come meglio vi torna.
se dovessi dirvi quale pasta in commercio ci si avvicina di più, direi sicuramente i Tacconelli della del Verde.
che è spesso la marca che adoperiamo noi, quando non ci va di fare i maccheroni a mano.
tipo questo volta!

Maccheronata di fagioli - ricetta toscana
Maccheronata di fagioli – ricetta toscana
Maccheronata di fagioli - ricetta toscana
Maccheronata di fagioli – ricetta toscana
Maccheronata di fagioli - ricetta toscana
Maccheronata di fagioli – ricetta toscana
Maccheronata di fagioli - ricetta toscana
Maccheronata di fagioli – ricetta toscana
Maccheronata di fagioli - ricetta toscana
Maccheronata di fagioli – ricetta toscana

la pasta e fagioli è un piatto davvero tipico della cucina toscana, cucinato con i maccheroni lo è ancora di più.
il segreto è cuocere la pasta un pochino di più del necessario.
perchè la pasta è buona al dente si sa.
ma con la pasta e fagioli ci vuole un po’ stracotta.
se sono maccheroni poi si devono sfare un po’ in bocca, e amalgamarsi con la cremosità dei fagioli passati.
e se poi in cottura, uno o due maccheroni si incollano, per effetto dell’amido, anche meglio.
perchè i piatti toscani devono essere rustici.
e la pasta e fagioli è buona anche la sera. o il giorno dopo.
quando la pasta ha assorbito tutta l’acqua e si è gonfiata. quando la crema di fagioli s’è rassodata ed è diventata densissima.
un piatto che non si butta via mai, neppure se avanza.
che più sta lì più migliora.
si “impolpa” come diciamo noi, come il legno che assorbe l’acqua, il piatto prende tutti i sapori, li fai suoi, li accorda in un’unica nota di sapore, perfettamente intonata.

Maccheronata di fagioli - ricetta toscana
Maccheronata di fagioli – ricetta toscana
Maccheronata di fagioli - ricetta toscana
Maccheronata di fagioli – ricetta toscana
Maccheronata di fagioli - ricetta toscana
Maccheronata di fagioli – ricetta toscana

Maccheronata di fagioli - ricetta toscana
Maccheronata di fagioli – ricetta toscana

Ingredienti  per circa 4 piatti di Maccheronata di fagioli – ricetta toscana:

  • 400 gr di fagioli essiccati
  • 240 gr di maccheroni
  • 2 spicchi d’aglio
  • 5 foglie di salvia
  • olio
  • sale
  • pepe
  • peperoncino
  • 1 dado

*la dose indicativa è 100 gr di fagioli a persona e 60 gr di maccheroni a persona, così potete agevolmente calcolare dosi minori o maggiori. la resa della minestra dipende molto da quanto decidete di farla liquida, se è molto densa basta per 4 piatti giusti giusti, se la fate molto brodosa anche per 5-6.

Procedimento:

La sera prima mettere a mollo i fagioli secchi. Il giorno successivo cuocerli con in pentola classica o a pressione.
Una volta cotti mettere in una pentola capiente l’aglio, il peperoncino e la salvia, aggiungere abbondante olio e far rosolare, stando attenti che l’aglio non bruci.
Passare quindi i fagioli e unire anche l’acqua di cottura. Non usarla tutta (ma tenerla da parte poichè servirà per allungare la minestra durante la cottura, esattamente come si fa con il riso). Quando avrete passato i fagioli con parte dell’acqua dovrete ottenere un brodo non troppo liquido, ma neppure troppo denso.
A questo punto, mettere sul fuoco, portare ad ebollizione e aggiungere i maccheroni.
Mescolare subito affinchè la pasta non si incolli, e poi mescolare spesso fino a cottura.
Durante la cottura aggiustare di sale,  aggiungere pepe e 1 dado per dare sapore.
Aggiungere l’acqua dei fagioli se vedete che la  minestra è troppo densa e i maccheroni non sono ancora cotti, alla fine però dovete ottenere una minestra piuttosto compatta (anche se la densità dipende molto dal gusto personale).
Quando la maccheronata è cotta, togliere da fuoco e servire calda, accompagnata da un abbondante giro d’olio a crudo e pepe appena macinato.