Confettura di Mirtilli

La confettura di mirtilli è un must in piena estate, molto semplice da preparare ed estremamente genuina, visto che non necessita di alcun addensante per riuscire al meglio. La mia versione è 90% frutta e pochissimo zucchero aggiunto, quindi si può definire tranquillamente confettura extra! La mattina è perfetta sulle gallette di mais a colazione, ma è anche ideale per preparare crostate di frutta e per abbinamenti più azzardati con formaggi stagionati o su delicati cheescake.

confettura di mirtilli

Ingredienti

dose per tre vasetti da circa 180/200 gr l’uno.

  • 1.2 kg di mirtilli
  • 100 ml di acqua
  • 120 gr zucchero di canna
  • succo di un limone

Preparazione

La preparazione di questa confettura è molto semplice, quasi banale. La parte più complessa a cui prestare particolare attenzione è la sterilizzazione dei vasetti, specie se se ne vuole preparare una dose abbondante che possa essere conservata. A questo proposito, prima di procedere alla preparazione della confettura di mirtilli sterilizzate i contenitori in vetro (prima di riempirli) facendoli bollire per circa 30 minuti in acqua.

Per calcolare la quantità di confettura da preparare tenete conto che i mirtilli hanno una resa di circa il 50%. Ovvero, da un kg di mirtilli otterrete circa 500gr di confettura.

Pulite molto bene i mirtilli e disponeteli in una casseruola ampia, con un 10% di zucchero di canna ed un 10% circa di acqua e con il succo di un limone. Portate ad ebollizione il composto finchè vedrete che i mirtilli inizieranno a sfaldarsi. Lasciate bollire la confettura a fuoco medio-basso per circa 30 minuti.

confettura di mirtilli

Io preferisco fermare la cottura quando la i mirtilli non sono completamente sfaldati perché mi piace la consistenza più rustica, con i frutti che ancora si percepiscono. Se invece preferite una consistenza più liscia continuate altri 5-10 minuti la cottura finché tutti i mirtilli si saranno completamente sfaldati ed aiutatevi con un mestolo di legno per schiacciare eventuali grumi.

Riempite i vostri vasetti precedentemente sterilizzati con la confettura e capovolgeteli per lasciarli raffreddare, in modo che all’interno del vasetto si crei il vuoto. Per una maggior tranquillità tuttavia, specie per lunghe conservazioni, dopo aver riempito i vasetti con la confettura ancora bollente e  dopo averli chiusi con apposito tappo per conserve, fateli bollire nuovamente, completamente immersi in acqua per altri 20 minuti e poi lasciateli nella pentola fino a completo raffreddamento.

 

 

Precedente Quiche Gorgonzola e Pere Successivo Calamarata Autunnale