Bucatini all’Amatriciana

Bucatini all’Amatriciana sono un primo piatto presentato spesso sulla tavola domenicale della mia famiglia. Da piccola non ne conoscevo la corretta dizione e credo di averla pronunciata in tutti modi possibili,  scoprendo, da adulta, che Amatriciana non è altro che “..proveniente da Amatrice”, una piccola cittadina Laziale, in provincia di Rieti, al confine con l’Abruzzo. C’è da dire che la ricetta originale prevede rigorosamente gli spaghetti e non i bucatini, come è indicato nei cartelli Comunali all’ ingresso della città rietina: “Amatrice, Città degli Spaghetti all’amatriciana”. Giusto un po’ di storia: questo piatto era il pasto principale dei numerosi pastori che vivevano sulle montagne di Amatrice, ma la preparavano senza il pomodoro. I pastori portavano nei loro zaini, pezzi di pecorino, sacchette di pepe nero, pasta essiccata, guanciale e strutto.

Bucatini all'Amatriciana

 Ingredienti per 4 porzioni:

  • Bucatini 360/400gr.
  • Guanciale di Amatrice 250 gr.
  • Pomodori freschi maturi 500 gr. (preferibilmente San Marzano)
  • Olio 1 cucchiaio (la ricetta originale prevede lo strutto)
  • Peperoncino rosso n° 1
  • Sale q.b.

Preparazione Bucatini all’Amatriciana

Tagliate le fette di guanciale di Amatrice a striscioline lunghe, uniformi e possibilmente dello stesso spessore. Pelate i pomodori scottandoli preventivamente in acqua bollente, spellateli togliendo la parte centrale ed i semi, mettete in una ciotola i pomodori a pezzi insieme al loro succo. Grattugiate il pecorino di Amatrice.

Versate un cucchiaio di olio/strutto nella padella (se ne siete in possesso, usate una padella in ferro) in modo da ricoprirne completamente il fondo, e fatelo scaldare a fuoco vivo.

Abbassate il fuoco e fate rosolare il guanciale per un paio di minuti, finché non abbia raggiunto la giusta coloritura giallo dorato. Fermate la rosolatura versando il pomodoro già preparato in padella ed il peperoncino. Fate cuocere il sugo per circa 10 minuti, girandolo di tanto in tanto, finché non raggiunga il giusto grado di densità e fluidità. A cottura ultimata togliete il peperoncino e intanto scolate i  bucatiti al dente messi a cuocere in precedenza. Versate i bucatini nella padella e saltateli, aggiungendo, un pò alla volta il pecorino grattugiato. Versate gli spaghetti alla matriciana in un piatto, aggiungendo in superficie un pizzico di pecorino e serviteli caldi.

Un consiglio: Non usate la pancetta, è ricavata dalla pancia del maiale troppo salata, ne altera il sapore.

Precedente Cartocci di Merluzzo Sfiziosi Successivo Focaccia rustica ai datterini