La vera Cotoletta Milanese

DSC_2262

La vera Cotoletta Milanese

Oggi oltre alla ricetta voglio farvi un pò di storia sulla cucina milanese, a cui io tengo in modo particolare, per poter mantenere le mie tradizioni e trasmettere anche a chi non è milanese queste ricette.

Per qualche tempo i buongustai milanesi sono stati in dubbio se la loro città si meritasse la paternità della famosa COSTOLETTA IMPANATA (questo è il suo vero nome), c’era infatti chi sosteneva che la sua origine fosse in realtà viennese e che Milano l’avesse adottata importandola quando gli austriaci erano i nostri dominatori. Ma si trovò una lettera di RADETZKY che fugò tutte le incertezze: da Milano scriveva di aver gustato un piatto delizioso, era proprio la nostra COSTOLETTA. Furono quindi gli austriaci a copiarci.

Ora parliamo della nostra ricetta:

INGREDIENTI:

– 4 costolette di vitello – 1 uovo – 100 gr. di burro – pane grattuggiato – sale q.b.

PERPARAZIONE: Le costolette devono essere con l’osso, alte quanto questo e tagliate dal carrè di vitello. Battetele dolcemente, più volte, col batticarne bagnato, così scivola e non rovina la carne. Passartele poi nell’uovo sbattuto senza sale e quindi nel pane grattugiato (meglio se fatto al momento) premete bene per far aderire il pane. In una padella larga mettete a friggere il burro fino a quando sarà rosso e schiumante, ponete le costolette in modo che stiano belle larghe, piuttosto fatene una alla volta. Quando si sarà formata la crosta da una parte, voltatele, cuocetele ancora fino a quando saranno dorate anche dall’altra parte, poi abbassate il fuoco e lasciatele andare ancora un paio di minuti, in modo che cuociano bene anche dentro. Ora si possono salare e servire con il burro fumante (si può avvolgere l’osso con la carta stagnola, per permettere di rosicchiare vicino all’osso).

N.B. Si possono accompagnare con patate fritte o insalata. Sulla Costoletta se ne sono dette tante e c’è anche chi sostiene che debbano venire fritte in olio e burro in eguale quantità. Il risultato non è sgradevole, ma ne perde in delicatezza. A Milano l’olio si usa pochissimo tanto che si dice che i milanesi, se potessero, condirebbero col burro perfino l’insalata.

DSC_2263

DSC_2264

Cliccate qui per vedere meglio le foto di questa gustosa cotoletta.

Un saluto milanese da Mamma G.

Precedente Fusilli con Cipolle e Olive Successivo Mattonella di salmone con asparagi e uova

19 commenti su “La vera Cotoletta Milanese

  1. Non conosco tanta della storia dietro a questi piatti “storici”, per cui fa sempre piacere leggere un articolo del genere. E mi fa venir voglia di sperimentare per provare a fare, una volta, la vera milanese 😉 Brava! Un saluto

  2. Ciao! Eccomi… e non credere che mi sia fermata al primo post che ho trovato.. .e’ solo che Matte adora la milanese, e quindi DOVEVO condividere la tua ricetta, cosi’ rimane sulla mia pagina e la trovo facilmente.
    Ho idea che, appena smaltite le calorie di tutte le Wienerschnitzel che abbiamo sbafato a vienna la settimana scorsa, mi tocchera’ esibirmi con la tua ricetta!
    Ora continuo la navigazione.
    Ciao!

  3. Cosa c’è di più buono al pranzo della domenica dopo la pastasciutta? Ricordi di gioventù. Anche se noi non facevamo la costoletta, ma le fettine di vitella, ma di un buono buono e a noi piaceva molto quando la fettina veniva bagnata nell’uovo e impanata per due volte!
    Però a mia figlia a Milano ho fatto la costoletta!

    • unamammaincucina17 il said:

      Bene, così non avrai bisogno di venire a Milano per mangiarla, puoi farla a casa tua e vedrai che bontà 🙂
      La prossima volta che verrai, assaggererai un’altra specialità della cucina milanese 🙂 🙂 🙂 Ciao 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.