Crea sito

zucchero di canna

Cantucci al cacao e mandorle

| Biscotti, contest, Le ricette della tradizione italiana

Buongiorno e buon Lunedì a tutti!
Dopo circa un secolo finalmente ritorniamo a proporvi una ricetta, che fra l’altro abbiamo già riprodotto parecchie volte nel corso di quest’ultimo periodo: i Cantucci al cacao e mandorle.
Si tratta della versione al cacao dei Cantucci tradizionali senesi, di cui trovate la ricetta nel nostro blog. 😉
Questi cantucci al cacao nascono da un esperimento personale, ossia quello di rendere al gusto cacao i classici biscotti della tradizione toscana, e il risultato è stato sbalorditivo, ve lo assicuro, amici e parenti hanno gradito tantissimo la prima volta (lo scorso Novembre, come passa il tempo!), tanto da farmi decidere di proporli come regalino di Natale agli amici, insieme ai classici cantucci “bianchi”!
Questi biscotti sono deliziosi anche con le nocciole al posto delle mandorle, a voi la scelta insomma.
Come i cantucci tradizionali, i biscotti che sto per proporvi sono senza lattosio, visto che non possono contenere burro, guai a voi! 😀
Provateli e fatemi sapere cosa ne pensate perché, a mio avviso, sono anche più golosi degli originali!

Cantucci al cacao e mandorle (5)

INGREDIENTI (per circa 40 biscotti)
360 gr di farina 00 – 40 gr di cacao amaro in polvere
250 gr di zucchero (di canna/bianco o un mix dei due) – 100 gr di mandorle (o nocciole)
3 uova – 2 bustine di vanillina
2 cucchiaini di lievito chimico per dolci – un pizzico di sale

PREPARAZIONE
In una ciotola setacciamo la farina insieme al cacao amaro, al lievito per dolci, alla vanillina e al sale, mescoliamo le polveri, aggiungiamo lo zucchero, versiamo le uova sgusciate e iniziamo a impastare fino ad ottenere un panetto plastico (un po’ come la pasta frolla, per intenderci). Uniamo le mandorle (o le nocciole) precedentemente tostate in un padellino (alcune delle quali sminuzzate al coltello), impastiamo per farle integrare e dividiamo poi l’impasto in tanti piccoli panetti, che schiacceremo leggermente e adageremo su una placca da forno foderata di carta forno.
Cuociamo in forno statico preriscaldato a 190°C per 20/25 minuti; trascorso il tempo necessario, tagliamo i panetti e formiamo in tal modo i cantucci, che posizioneremo sulla stessa placca da forno e lasceremo biscottare per 10 minuti a 180°C (forno statico).
Una volta pronti, lasciamo raffreddare i cantucci su una gratella per dolci e buon appetito!

Cantucci al cacao e mandorle (1)

Cantucci al cacao e mandorle (4)

Con questa ricetta partecipo al contest di Vera “AMO I BISCOTTI” del blog “La Pasta Risottata”

Cuor di mela2a contest

9 Comments

Pasticciotti

| Crostate, Le ricette della tradizione italiana, Piccola pasticceria

Buonasera a tutti!
Vi va di venire con noi a Lecce? Prepariamo insieme i Pasticciotti, deliziosi dolcetti/crostatine di pasta frolla ripieni di crema pasticcera…una delizia!
Lo sappiamo, non è proprio la ricetta originale, la pasta frolla che abbiamo scelto è la solita, che non abbandoneremo mai, e non prevede lo strutto, ma sono comunque dei dolcetti davvero buoni, piaceranno a tutti, credeteci!
La ricetta della crema pasticcera è anch’essa la solita, a cui siamo ormai affezionati, di conseguenza non vi scriveremo il procedimento di esecuzione della pasta frolla e della crema pasticcera, ma semplicemente vi scriveremo le dosi e vi faremo un collegamento agli articoli nei quali esplichiamo proprio l’esecuzione di tali 2 basi della pasticceria.
Teniamo a precisare che abbiamo realizzato i Pasticciotti con gli appositi stampini, ma vi assicuriamo che verranno bene anche usando una teglia per muffin o semplicemente degli stampini usa e getta (5 Pasticciotti sono stati infatti creati proprio così :P).

Pasticciotti (2)

INGREDIENTI (per 11 pasticciotti circa)
PER LA PASTA FROLLA: 300 gr di farina 00 – 100 gr di zucchero (noi abbiamo fatto metà bianco e metà di canna)
150 gr di burro – un uovo
latte o acqua q.b. (se hai difficoltà a formare il panetto) – aromi (noi un po’ di scorza d’arancia grattugiata)
3/4 di cucchiaino di lievito chimico per dolci – un pizzico di sale

PER LA CREMA PASTICCERA: 4 tuorli – 500 ml di latte
150 di zucchero bianco – 40 gr di amido di mais (puoi anche usare la farina 00, ma con la maizena, secondo noi, la crema viene più liscia e vellutata)
aromi (noi un po’ di scorza d’arancia grattugiata)

PREPARAZIONE
Per la ricetta della pasta frolla clicca qui (cambiano solo le dosi), mentre per la ricetta della crema pasticcera clicca qui.
Stendi la pasta frolla piuttosto sottile, ritaglia dei rettangoli e rivesti gli stampi dei Pasticciotti, elimina la pasta che fuoriesce, bucherella il fondo degli stampi con i rebbi della forchetta, versa poi la crema pasticcera ormai fredda fino al bordo, e copri lo stampino così farcito di crema con un altro pezzo di pasta frolla stesa.
Cuoci i Pasticciotti a 180°C per 30 minuti, devono risultare dorati.

Pasticciotti (3)

Come vedi è molto semplice la ricetta, forse un po’ lunga, ma puoi anche fare la pasta frolla e la crema pasticcera il giorno prima, metterle in frigorifero e poi il giorno dopo fare i Pasticciotti, noi abbiamo fatto proprio così.

Pasticciotti (4)

 

13 Comments

Re-cake: Crostata di farina gialla e mirtilli

| Crostate, Re-cake

benedettaparodi-è-pronto

Buongiorno a tutti! Oggi inauguriamo una nuova rubrica, un nuovo orizzonte per il nostro blog: il re-cake!
Con re-cake intendiamo la volontà di riprodurre una ricetta tratta da un libro di cucina e poi trarne delle impressioni e darne un giudizio complessivo.
La ricetta in questione è la Crostata di farina gialla e miritilli tratta da uno degli ultimi libri di cucina di Benedetta Parodi, dal titolo È pronto!.
Abbiamo riprodotto la ricetta lo scorso sabato pomeriggio, insieme ai nostri amici, e vi comunichiamo subito che il risultato finale ci è piaciuto da impazzire, è buonissima questa crostata! Purtroppo non siamo riusciti a fare nemmeno una foto della crostata finita – ce la siamo spazzolata ancora tiepida ahahah – di conseguenza vi mettiamo la foto della crostata che la stessa Parodi aveva presentato durante una puntata del suo show di cucina “I menu di Benedetta”, per farvi capire di cosa stiamo trattando. 😉
crostata-farina-gialla-mirtilli

Di seguito troverete gli ingredienti ed il procedimento per realizzare questa crostata e, in neretto, noterete i cambiamenti personali che abbiamo apportato a questa ricetta.
INGREDIENTI (Benedetta indica uno stampo da 22 cm di diametro, ma noi ne abbiamo uno di 24 cm)
100 gr di farina 00
100 gr di farina di mais fioretto
50 gr di zucchero (noi abbiamo fatto un mix di zucchero di canna e zucchero bianco fino a raggiungere 60 gr)
mezza bustina di lievito chimico per dolci (noi solo un cucchiaino)
un pizzico di sale
una bustina di vanillina
100 gr di burro
1 uovo
PER IL RIPIENO
3 cucchiai di pangrattato
400 gr di mirtilli (sostituiti con 450 gr di frutti di bosco surgelati)
60 gr di zucchero
menta (omessa)
PER DECORARE
zucchero a velo vanigliato

PREPARAZIONE
Prepariamo la frolla inserendo in una ciotola la farina 00 setacciata insieme alla farina di mais fioretto, al lievito, al sale e alla vanillina, versiamo poi lo zucchero, il burro freddo tagliato a cubetti e iniziamo a sbriciolarlo e a pizzicarlo con le dita fino a raggiungere un composto sabbioso; aggiungiamo poi l’uovo ed impastiamo fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo, che andremo poi a coprire con la pellicola trasparente e a lasciarlo riposare in frigorifero per 30 minuti (noi, per velocizzare i tempi, 15 minuti in freezer).
Stendiamo 3/4 della frolla in maniera piuttosto sottile, adagiamola nello stampo, bucherelliamo il fondo con i rebbi della forchetta, distribuiamo i 3 cucchiai di pangrattato e infine versiamo i frutti di bosco lasciati scongelare dolcemente in frigorifero e mescolati allo zucchero, distribuendoli per bene.
Procediamo con la decorazione della crostata facendo le classiche striscioline ed inforniamo a 200°C per 30 minuti (forno statico), fino a quando risulterà bella dorata.
Lasciamo raffreddare un po’ prima di estrarla dallo stampo e poi serviamola con un po’ di zucchero a velo sulla superficie.

IMPRESSIONI
Ricetta promossa a pieni voti, davvero, ci è piaciuta tantissimo!
Ottima idea quella di usare metà farina bianca e metà farina di mais, in quanto risulta così una frolla piacevolmente croccante, e risulta geniale l’utilizzo del pangrattato in quanto assorbe tutta l’umidità che i frutti di bosco cacciano durante la cottura.
In tutta sincerità forse avremmo usato solo un tuorlo anziché un uovo intero nella preparazione della frolla, forse in questo modo la frolla sarebbe risultata ancora più croccante, ma va bene anche così insomma. 😉
Mezza bustina di lievito ci è sembrata eccessiva, un cucchiaino di lievito per dolci è più che sufficiente, fidatevi.

GIUDIZIO: PROMOSSA!

6 Comments

Crostata con farina di castagne, ricotta e mandorle

| Crostate

Buongiorno e buon Lunedì a tutti!
Autunno, quindi tempo di frutta secca e di castagne, di farina di castagne: ecco allora che vi proponiamo la Crostata con farina di castagne, ricotta e mandorle.
Si tratta di una pasta frolla preparata con parte di farina di castagne e parte di farina 00, con un morbido e delicato ripieno di ricotta e decorata poi con delle mandorle.
Se gradite un altro tipo di formaggio, sostituitelo pure alla ricotta, ci potrebbe stare divinamente il mascarpone, la robiola o, perché no, il formaggio fresco spalmabile.
Questa è stata la prima volta ad aver usato la farina di castagne, in generale ne siamo rimasti soddisfatti, anche se ci siamo resi conto che appiccica da morire, ma non preoccupatevi, tenete a disposizione vicino a voi della farina 00 quando andrete a stendere la frolla e problema risolto! 😉

Crostata con farina di castagne, ricotta e mandorle (5) blog

La farina di castagne non contiene glutine per cui, a coloro che ne sono intolleranti, consigliamo di sostituire la farina 00 con la farina di riso o con una miscela di farine senza glutine e, in tal modo, si otterrà una pasta frolla alle castagne gluten free (fateci sapere in caso se l’esperimento è riuscito! ;)).
Con la pasta frolla avanzata potete preparare dei frollini.

Crostata con farina di castagne, ricotta e mandorle (4)

Ingredienti (per una teglia da 24 cm di diametro)
PASTA FROLLA: 170 gr di farina 00 – 80 gr di farina di castagne
100 gr di zucchero (una piccola parte di zucchero di canna esalterà il sapore della castagna, vedrete) – 125 gr di burro
un uovo – mezzo cucchiaino di lievito chimico per dolci
un pizzico di sale
RIPIENO: 250 gr di ricotta – un tuorlo
80 gr di zucchero a velo (meglio se vanigliato) – un cucchiaino di maizena (o fecola di patate)
DECORAZIONE: mandorle spellate q.b.

Preparazione
Prepariamo la frolla versando in una ciotola la farina setacciata insieme alla farina di castagne (setacciatela, fa un sacco di grumi), al pizzico di sale e al lievito, lo zucchero e il burro tagliato a cubetti e iniziate a pizzicarlo con i polpastrelli e a farlo integrare agli ingredienti secchi. Ottenuto un composto sabbioso aggiungiamo l’uovo e impastiamo fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo; copriamo il panetto con la pellicola trasparente e lasciamolo riposare in frigorifero per almeno 30 minuti (potete anche preparare la pasta frolla la sera prima, come abbiamo fatto noi).
Occupiamoci del ripieno, versando in una ciotola la ricotta, il tuorlo e lo zucchero a velo setacciato insieme alla maizena e mescoliamo bene per sciogliere i grumi della ricotta.
Stendiamo la pasta frolla in maniera sottile (i 2/3 dell’impasto), adagiamola sulla tortiera, bucherelliamo il fondo con i rebbi di una forchetta, versiamo il ripieno di ricotta, livelliamolo per bene, facciamo un bordino con la pasta frolla e procediamo con la decorazione, ossia con le classiche striscioline di pasta frolla e con le mandorle spellate.
Cuociamo la crostata in forno preriscaldato (statico) a 180°C per 30 minuti, fino a quando sarà ben dorata in superficie.

Crostata con farina di castagne, ricotta e mandorle (2)Se volete riprovare questa ricetta e inviarci una foto della riproduzione a noi farebbe un immenso piacere e provvederemmo a caricarla in questo articolo e sul nostro profilo Google+ (con il vostro consenso)! ^_^

Crostata con farina di castagne, ricotta e mandorle (3)

 

Alicia del blog Kitchen Takeovers ha rifatto questa crostata in versione gluten free; andate a visitare la sua ricetta ed il suo meraviglioso blog! 🙂

Commenti disabilitati su Crostata con farina di castagne, ricotta e mandorle

Pecan pie

| Pie

Buon pomeriggio a tutti! Vi presentiamo una tipica ricetta made in USA, la Pecan pie.
L’ispirazione ci era sorta dal pacco di noci Pecan che abbiamo trovato in un cesto di Natale regalatoci: sono delle noci esteticamente bellissime, dal guscio liscio, con un bellissimo gheriglio (per questo motivo si prepara la Pecan pie disponendo i gherigli interi sulla base ;)), e da un sapore molto simile alla nostra noce nostrana, ma è più oleosa e meno amara.
Come tutte le pies americane, la base è di pasta brisé (chiamata anche pie crust), un impasto neutro di acqua, farina e burro perfetta per contenere un ripieno ricco e molto dolce come in questo caso.
Se nel vostro supermercato di fiducia non trovare le noci Pecan non preoccupatevi, usate le comunissime noci o un mix di frutta secca, come noci, mandorle e nocciole.
Piccolo appunto sul ripieno: le ricette originali americane prevedono l’utilizzo di ingredienti tipicamente americani, come lo sciroppo d’acero, o il golden syrup o il corn syrup o ancora la melassa nera, tutti ingredienti poco reperibili nei supermercati italiani (se fate acquisti online li troverete sicuramente ;)) e soprattutto molto costosi, per cui ci siamo affidati alla ricetta del sito Ricette di Anna.it, nella quale tutti questi sciroppi sono sostituiti dalla panna fresca liquida che troviamo in tutti i banco frigo dei supermercati, però dimezzato la dose dello zucchero di canna e quella delle noci pecan ;).
Invece la ricetta della pasta brisé è di GialloZafferano.
Questa torta è perfetta in qualunque momento, anche per colazione, uno di noi l’ha trovata ottima per iniziare al meglio la giornata.
Piccolo consiglio: se la gradite meno zuccherina, diminuite pure la quantità dello zucchero di canna. 😉
Infine vi ricordiamo che questa ricetta non contiene uova, per cui può essere un’idea valida a chi non può mangiarle.

Pecan Pie (4)

  • Ingredienti

PASTA BRISE’: 200 gr farina 00 – 100 gr di burro freddo – 70 ml di acqua molto fredda (mettete il bicchiere d’acqua per 1/2 minuti nel freezer) – un pizzico di sale
RIPIENO: 150 gr di noci Pecan – 150 gr di zucchero di canna – 2 cucchiai di miele – 200 ml di panna fresca liquida

  • Preparazione

Prepariamo la pasta brisé unendo il burro freddo insieme alla farina setacciata e al pizzico di sale fino ad ottenere una consistenza sabbiosa, aggiungiamo poco alla volta l’acqua molto fredda fino ad creare un panetto liscio che copriremo con la pellicola trasparente e lasceremo riposare in frigorifero per circa 30 minuti.
Occupiamoci del ripieno, scaldando la panna fresca in un pentolino insieme allo zucchero di canna e al miele, lasciamola sul fuoco fino a quando lo zucchero ed il miele si saranno completamente sciolti e la panna avrà assunto un bel colore ambrato; quando il composto si sarà raffreddato, uniamo i gherigli di noci pecan e lasciamolo riposare per un po’, il tempo per stendere la pasta brisé.
Prendiamo uno stampo a cerniera da 24 cm (se avete la pie dish è ancora meglio ;)), imburriamolo e adagiamoci la pasta brisé stesa con il mattarello, bucherelliamo la base, versiamoci il composto di panna, zucchero di canna e noci, togliamo i bordi in eccesso e cuociamo in forno preriscaldato a 180°C per circa 50 minuti.
Serviamola quando si è raffreddata completamente.

Pecan Pie (3)

 

Con questa ricetta partecipiamo al contest “Un anno di colazioni: la Colazione Internazionale” di Letizia in Cucina in collaborazione con FIMOra.

Banner colazioni

4 Comments

Divine cake

| Torte

Buonasera a tutti!
La Divine cake altro non è che una golosissima torta al cioccolato farcita di crema pasticcera al caffè…non potete immaginare la magia che cioccolato e caffè creano insieme, il paradiso!
Dovrebbe avere origini americane, ma non ne siamo sicuri, voi sapete nulla di più riguardo all’origine di questa torta? 🙂
La versione che vi proponiamo è il frutto della combinazione di 2 ricette già collaudate e molto apprezzate; infatti per la base abbiamo sfruttato la ricetta (a cui abbiamo apportato le nostre immancabili modifiche 😛 ) della Torta al supercioccolato di Antonella Clerici (fidatevi, è la torta al cioccolato più buona che abbiamo mai assaggiato).
Eccola alle prese con la torta al supercioccolato 😀
clerici
Mentre per la crema pasticcera ci siamo affidati alla ricetta che seguiamo sempre e che non ci delude mai, con la sola differenza che al posto di una parte di latte abbiamo inserito il caffè espresso.
Si tratta in fondo di un’ottima torta per un compleanno, perché è semplice ma di indubbio effetto!
Passiamo alla ricetta della Divine cake! 😉

Ingredienti
PER LA CREMA PASTICCERA
Divine Cake (2)3 tuorli – 100 gr di zucchero semolato
30 gr di maizena – una bustina di vanillina
2 tazzine di caffè espresso + latte q.b. fino a raggiungere 375 ml

PER LA TORTA (diametro 24 cm)
Divine Cake (1)110 gr di farina 00 – 25 gr di maizena (o fecola di patate)
25 gr di cacao amaro – 100 gr di zucchero semolato (vi consigliamo di inserire una piccola parte di zucchero di canna)
2 uova – 40 ml di olio di semi (arachide/mais/girasole)
65 gr di latte – un cucchiaio di caffè ristretto
150 gr di cioccolato fondente – una bustina di vanillina
un cucchiaino di lievito chimico per dolci – un quarto di cucchiaino di bicarbonato di sodio
un pizzico di sale

Preparazione
Per la crema pasticcera seguite la ricetta che vi abbiamo già proposto (la sola cosa che cambia è la presenza di una parte di caffè al posto del latte 😉 ).
Sciogliamo a bagnomaria il cioccolato fondente e lasciamolo intiepidire.
In una ciotola montiamo le uova insieme allo zucchero fino a rendere chiare e spumose, aggiungiamo poi l’olio a filo ed il cioccolato fuso continuando a frullare.
A questo punto aggiungiamo gradualmente la farina setacciata insieme al cacao amaro, alla maizena, alla vanillina, al sale, al bicarbonato di sodio e al lievito chimico per dolci, alternando con l’aggiunta del latte e del cucchiaio di caffè ristretto.
Ottenuto un bel composto denso versiamolo in uno stampo da 24 cm di diametro precedentemente imburrato ed infarinato e cuociamo la torta a 180°C per 30 minuti in forno statico, confermando la cottura con la prova stecchino.
Lasciamo raffreddare la torta cotta su una gratella per dolci, successivamente dividiamola a metà, farciamola con la crema pasticcera al caffè ormai fredda e poi lasciamo raffreddare la torta farcita ed assemblata in frigorifero per almeno 2 ore (o tutta la notte che è la cosa migliore 😉 ).
Prima di servirla, se volete, spolveratela di zucchero a velo.

Divine Cake (7)

 

Divine Cake (4)

 

Con questa ricetta partecipiamo al contest ”La torta di compleanno la porto io!” del blog SorrinCucina.

La-Torta-di-Compleanno-la-Porto-Io-2

9 Comments

Apple pie vegana

| La cucina fra le pagine dei libri (e non solo), Pie

Buongiorno e buon Lunedì a tutti!
La ricetta che vogliamo proporvi oggi è un classico della pasticceria anglosassone, ovvero la Apple pie che, probabilmente, è anche il dolce più famoso con le mele, protagonista di parecchi film e non solo.

Biancaneve e i sette nani (1937)
Biancaneve e i sette nani (1937)

 

American Pie (1999)
American Pie (1999)

 

 

 

 

 

 

La nostra versione è vegana, nessuna traccia di uova, latte, burro, miele…insomma, niente di origine animale e la scelta è stata dettata dal fatto che, visto che questo dolce prevede un ripieno privo di tutti gli elementi appena elencati, allora sarebbe risultato ancora più stimolante e giusto

Nonna Papera con le apple pies
Nonna Papera con le apple pies

optare anche per un guscio vegan, per la precisione una pasta matta che prevede l’uso dell’olio extravergine d’oliva.

E’ un dolce molto leggero, lo potrete mangiare senza troppi sensi di colpa, e poi vi consigliamo di consumarlo in questo periodo visto che le mele sono di stagione!
Abbiamo scelto le mele golden, ma sul web ci sono ricette che prevedono l’uso di qualsiasi mela, per cui a voi la scelta!
Non amiamo molto le spezie, lo confessiamo, per questo abbiamo aggiunto dei mirtilli rossi al ripieno per renderlo più goloso, ma, se può piacervi, aggiungete pure un po’ di cannella e di noce moscata alle mele.

Ingredienti (per una teglia di 24 cm di diametro)
PER LA PASTA MATTA: 200 gr di farina 00 – 50 gr di farina di mais FIORETTO (sostituibile con la farina 00)
25 ml di olio extravergine d’oliva – 75 gr di zucchero semolato
un pizzico di sale – acqua fredda q.b.
un cucchiaino di lievito chimico per dolci (se la preferite più friabile e meno croccante)

PER IL RIPIENO: 500 gr di mele golden (circa 3) – succo e buccia di mezzo limone
50 gr di zucchero di canna (o un mix di zucchero bianco e zucchero di canna) – 25 gr di pane grattuggiato
una manciata di mirtilli rossi (o altra frutta disidratata)

Preparazione
Prepariamo la pasta matta inserendo in una ciotola le farine setacciate, lo zucchero, il pizzico di sale e l’olio extravergine d’oliva e con le dita creiamo delle briciole amalgamando l’olio insieme alle polveri (come faremmo con il burro per una pasta frolla o brisè); ottenuto un composto sabbioso, aggiungiamo, poco per volta, l’acqua fredda (meglio se di frigorifero) fino a formare un panetto liscio e ben lavorato, che andremo poi ad avvolgere nella pellicola trasparente e a lasciar riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
Occupiamoci del ripieno, sbucciando, tagliando e riducendo a cubetti le mele; successivamente in un pentolino versiamo il succo del mezzo limone e lo zucchero e attendiamo che il composto inizi a bollire (fiamma media) prima di aggiungere i cubetti di mela, che andranno cotti per soli 3 minuti, il tempo necessario affinché si ammorbidiscano.
Spegniamo la fiamma e aggiungiamo il pangrattato (conserviamone un cucchiaio che ci servirà successivamente), mescoliamo e versiamo in una ciotola il ripieno per farlo intiepidire più velocemente; una volta raffreddato, aggiungiamo la scorza del mezzo limone grattugiata e i mirtilli rossi precedentemente lasciati rinvenire in un bicchiere d’acqua e poi scolati. Il ripieno è pronto.
Stendiamo 2/3 della pasta matta in modo sottile e foderiamo il fondo della teglia precedentemente unto con un filo d’olio evo, distribuiamo il cucchiaio di pangrattato e versiamo poi il ripieno livellandolo per bene e procediamo con le strisce d’impasto per la decorazione finale.
Cuociamo la Apple pie vegana a 180°C per 40 minuti in forno statico preriscaldato.

Apple pie (1)

Apple pie (2)

Con questa ricetta partecipiamo al contest “I EAT VEG!” di Quasicuoche.it

I eat veg

2 Comments

Ciambellone al cacao e pere

| Ciambelloni

Buongiorno a tutti e buon Lunedì!
Vi mostriamo il dolce che abbiamo fatto ieri, in occasione del pranzo della Domenica, si tratta di un semplice ma gustosissimo Ciambellone al cacao e pere.
Si sa, pere e cacao/cioccolato si sposano meravigliosamente, lo dolcezza di questo frutto si lega all’intensità/amarezza del cacao, combinandosi armoniosamente in bocca.
Per la base al cacao abbiamo seguito la ricetta della Torta al cacao con cuore di cocco, di cui abbiamo postato qualche mese fa la ricetta, e poi abbiamo aggiunto una bella pera tagliata a cubetti e qualche mandorla ridotta a granella.
Un consiglio: la pera è molto succosa, per cui vi consigliamo di tagliarla a cubetti e poi di lasciarla ad “asciugare” sopra ad un foglio di carta assorbente, in questo modo il vostro ciambellone non verrà troppo umido! Questo è un consiglio valido per ogni frutto da inserire in una torta. 😉

Ciambellone al cacao e pere (4)

  • Ingredienti (per uno stampo per ciambelloni da 24 cm di diametro)

    125 gr di farina 00 – 20 gr di cacao amaro
    80 gr di zucchero (vi consigliamo un mix di zucchero bianco e zucchero di canna) – 2 uova
    60 ml di olio di semi (arachidi/mais/girasole) – 25 ml di latte + q.b. per ammorbidire l’impasto
    2 cucchiaini di lievito chimico per dolci – la punta di cucchiaino di bicarbonato di sodio
    una pera – 50 gr di mandorle
    un pizzico di sale – una bustina di vanillina

  • Preparazione

    Sbucciamo, tagliamo e riduciamo la pera a cubetti e lasciamola ad asciugare sopra un foglio di carta assorbente.
    Separiamo i tuorli dagli albumi, montiamo a neve gli albumi in una ciotola con un pizzico di sale, successivamente montiamo i tuorli con lo zucchero fino a renderli gonfi e spumosi. Aggiungiamo a filo, continuando ad usare le fruste, l’olio e poi gradualmente la farina setacciata insieme al cacao amaro, al lievito, al bicarbonato e alla vanillina; durante questa operazione aggiungiamo il latte (potrebbero servire più di 25 ml, per cui tenete a portata di mano del latte per ammorbidire l’impasto e consentire alle polveri di integrarsi per bene ai tuorli montati).
    Ottenuto un composto piuttosto denso, aggiungiamo poco per volta gli albumi montati a neve, incorporandoli dall’alto verso il basso per non farli smontare.
    Come ultimo passaggio aggiungiamo i cubetti di pera asciugati e cosparsi di un velo di farina (in questo modo evitiamo che vadano sul fondo della torta) e le mandorle precedentemente tostate e ridotte a granella.
    Versiamo l’impasto nello stampo precedentemente imburrato ed infarinato, livelliamo la superficie e cuociamo il nostro ciambellone in forno preriscaldato a 190°C per 25/30 minuti, confermando la cottura con uno stecchino.

Ciambellone al cacao e pere (2)

CON QUESTA RICETTA PARTECIPIAMO AL CONTEST “LA CIAMBELLA PERFETTA DI GIOCHI DI ZUCCHERO E A TUTTO PEPE

PicsArt_1408525416632

Commenti disabilitati su Ciambellone al cacao e pere

Pan del pescatore

| Biscotti, Le ricette della tradizione italiana

Ciao a tutti! Perdonate la lunga, lunghissima assenza…questo periodo di silenzio e di smarrimento è durato anche fin troppo, è ora di rimettersi in carreggiata ;).
Chi non ama i biscotti? Semplici, veloci, buonissimi ed economici! La ricetta che vogliamo proporvi oggi è quella del Pan del pescatore, i biscotti di uvetta e di frutta secca che sono molto diffusi in Toscana e anche nella nostra regione, le Marche.
La ricetta originale è tratta da La creatività e i suoi colori, uno splendido blog gestito da Sabrina, una signora marchigiana come noi la quale, leggendo il suo articolo dedicato a questi biscotti, afferma che in origine questi biscotti venivano preparati dalle mogli dei pescatori, e quindi è facilmente intuibile il motivo per cui questi dolcetti si chiamano in questo modo!
Come sempre abbiamo personalizzato la ricetta facendone una versione personale.

  • Ingredienti (per circa 30 biscotti)

400 gr di farina 00 – 100 gr di burro
180 gr di zucchero (vi consigliamo una piccola parte di zucchero di canna) – 2 uova
un cucchiaio di liquore (ad es. limoncello) – 2 cucchiaini di lievito chimico per dolci
un pizzico di sale – 100 gr di mandorle intere (o altra frutta secca o un mix)
50 gr di uvetta (o mirtilli rossi che sono buonissimi)

  • Preparazione

In un’ampia ciotola versiamo la farina setacciata insieme al sale e al lievito chimico per dolci, lo zucchero e il burro freddo tagliato a cubetti e iniziamo a sbriciolare il burro con le dita insieme agli ingredienti secchi. Ottenuto un composto sabbioso, aggiungiamo le uova, il cucchiaio di liquore e impastiamo fino ad ottenere un impasto omogeneo e compatto; successivamente aggiungiamo la frutta secca e l’uvetta (o i mirtilli rossi :P) lasciata rinvenire in una tazzina d’acqua e poi scolata per bene (potrebbe essere necessaria una manciata di farina in più in questa fase).
Formiamo tante palline leggermente schiacciate e disposte abbastanza distanziate fra di loro su una leccarda da forno coperta di carta forno e cuociamo il Pan del pescatore in forno preriscaldato a 170°C per circa 20 minuti, o fino a quando risulteranno dorati.
Una volta cotti, lasciamoli raffreddare su di una gratella per dolci.

Biscotti Pan del pescatore

6 Comments

Cheesecake alla zucca

| Cheesecake

Buongiorno e buona domenica a tutti! Passato un bello e stregato Halloween? Speriamo di sì ;). Oggi vi presentiamo la ricetta della Cheesecake alla zucca, molto diversa dalla classica New York Cheesecake, ma ugualmente buona; ha un sapore molto particolare, decisamente speziato ed ha la particolarità di usare una verdura di stagione, la zucca!
La ricetta originale è di GialloZafferano, abbiamo però solo omesso fra gli ingredienti lo zenzero in polvere, perché al supermercato era esaurito.

Cheesecake alla zucca (5)

  • Ingredienti

PER LA BASE: 250 gr di biscotti secchi – 150 gr di burro – 2 cucchiai di zucchero di canna
PER LA CREMA: 250 gr di polpa di zucca – 500 gr di formaggio fresco spalmabile
2 uova intere + 2 tuorli – 200 gr di zucchero
200 ml di panna fresca – 3 cucchiai di succo di limone
un cucchiaino di cannella in polvere – mezzo cucchiaino di zenzero in polvere (non inserito)
un pizzico di sale

  • Preparazione

Sbricioliamo i biscotti secchi molto finemente, aggiungiamo lo zucchero di canna e il burro fuso, mescoliamo per bene e distribuiamo l’impasto sia sulla circonferenza sia sulla base di uno stampo a cerniera di 24 cm coperto da carta forno. Poniamo in frigorifero per almeno mezz’ora lo stampo.
Nel frattempo prepariamo la crema, mescolando il formaggio fresco spalmabile insieme alle uova e ai tuorli, allo zucchero, al succo di limone, alle spezie, alla panna, al sale e alla polpa di zucca lessa e ridotta a purea.
Trascorsi i 30 minuti, estraiamo la base di biscotti dal frigorifero, versiamo la crema alla zucca ed cuociamola in forno statico a 190°C per circa 50 minuti; una volta cotta, lasciamola raffreddare per una decina/ventina di minuti in forno spento prima di estrarla e lasciarla raffreddare completamente prima a temperatura ambiente e poi in frigorifero.

Cheesecake alla zucca (2)

6 Comments

1 2 3