Crea sito

farina integrale

Buccellato di Lucca semi-integrale alle prugne secche

| contest, Dolci lievitati, Le ricette della tradizione italiana

Buona Domenica a tutti!
In quest’ultimo giorno di Gennaio 2016 vi propongo una ricetta della tradizione toscana rivisitata in minima parte: il Buccellato di Lucca.
Il Buccellato di Lucca è un pane dolce che si prepara nella città di Lucca profumato all’anice e arricchito di uvetta, e non è da confondersi con il Buccellato siciliano, che è una ciambella di pasta biscotto farcita di tanta e buona frutta secca.
Non so voi, ma per me l’anice rimane la spezia migliore per profumare un dolce, dato che è naturalmente dolciastra e fa festa, non so perché! 🙂
Una foto alla protagonista di oggi:
buccellato (7)Rispetto alla ricetta tradizionale che ho trovato su Wikipedia, ho voluto sostituire l’uvetta con le prugne secche, visto che si sposano divinamente anch’esse con l’anice, il burro con l’olio di semi e infine ho reso il pane dolce semi-integrale per mezzo della farina integrale in dose pari al 30% della dose totale di farina prevista dalla ricetta.
Eccovi quindi la ricetta del Buccellato di Lucca semi-integrale alle prugne secche.
A presto!!

Ingredienti
170 gr di farina integrale di frumento – 330 gr di farina 0
150 gr di zucchero (metà di canna e metà bianco) – un bicchiere di latte
40 ml di olio di semi di mais – 120 gr di prugne secche
7 gr di lievito di birra secco – 2 cucchiai di semi di anice
un cucchiaino di sale – un uovo

Preparazione
Tagliare le prugne secche in piccoli pezzi.
In un bicchiere sciogliere il lievito di birra secco in poco latte tiepido con un cucchiaino di zucchero e attendere che si attivi, ovvero che si formi una leggera schiuma superficiale, mentre nel restante latte tiepido aggiungere i semi di anice e lasciarli ammorbidire così.
In una ciotola setacciare le due farine (la crusca che rimane nel setaccio versatela naturalmente nella ciotola), aggiungere lo zucchero e mescolare con un cucchiaio di legno, praticare un foro al centro della ciotola e versare il lievito attivato disciolto nel latte tiepido e, sempre continuando a mescolare, versare il restante latte con i semi di anice ammorbiditi, l’olio di mais e l’uovo. Prima di impastare a mano, aggiungere il sale, quindi impastare a mano aiutandoci con della farina di supporto per evitare che l’impasto si appiccichi alle nostre mani; al termine della lavorazione, aggiungere le prugne secche e impastare ancora per farle integrare alla pasta.
Lasciar riposare l’impasto in una ciotola unta e coperta da pellicola trasparente fino al raddoppio del suo volume (2 ore abbondanti) in un luogo tiepido.
Raddoppiato il suo volume, prendere l’impasto e modellarlo a forma di filone di pane, praticare un’incisione sulla sua superficie dopo averlo disposto su una placca da forno coperto di carta da forno e lasciar rilievitare l’impasto per un’altra ora, trascorsa la quale va spennellato con del latte e fatto cuocere a 180°C in forno statico preriscaldato per 40/45 minuti.
Lasciar raffreddare il Buccellato cotto su una gratella per dolci prima di servirlo a tavola e tagliarlo.
buccellato (6)buccellato (5)buccellato (3)buccellato (1)
Con questa ricetta partecipo all’ 8° Raccolta: Amore Zucchero e Cannella di La Cascata dei Sapori in collaborazione con AntoCrea.
12498800_10208455603931720_1782339194_n

CON QUESTA RICETTA PARTECIPO AL CONTEST DI SABRINAINCUCINA “FESTEGGIA CON ME”
CONTEST FESTEGGIA CON ME

Con questa ricetta partecipo al contest di Kucina di Kiara e Villa Tilli: Colazioni Dolci e Salate
contest-colazioni-dolci-salate

8 Comments

Pizzo palumbo a.k.a. Ciambellone semiintegrale glassato al limone e mirtilli

| Ciambelloni, contest, Le ricette della tradizione italiana

Buon Lunedì pomeriggio a tutti!
Come avete passato la prima Domenica di Primavera 2016? Avete goduto dei primi raggi solari della stagione? 🙂
Pasqua si sta avvicinando e il dolce che vi presento oggi è una torta tipica del periodo pasquale che si prepara principalmente in Sud Italia, precisamente a Foggia e dintorni: il Pizzo palumbo.
Letteramente Pizzo palumbo significa Pezzo di colomba, e non è altro che la versione mooooltooo semplificata della regina dei dolci di questo periodo dell’anno, essendo una ciambella glassata al profumo di limone.
Il merito va tutto a Laura del blog La passione di Laura, visto che mi sono ispirato alla sua ricetta meravigliosa; tuttavia rispetto alla versione di Laura, io ho voluto rendere il Pizzo palumbo semiintegrale e ancora più soffice aggiungendo della fecola di patate. 🙂 Ah, dimenticavo: Laura ricopre il ciambellone con il naspro, ossia la glassa preparata con zucchero a velo e albume, io invece ho preferito glassare il dolce con una semplicissima glassa al succo di limone, non ho voluto insomma usare l’albume, sia per pigrizia 😛 sia perché ultimamente dalle uova crude dicono sia meglio stare alla larga. Nulla vi vieta di seguire il consiglio di Laura, visto che la tradizione lo “impone”. 😀
Basta così, ho scritto anche troppo! Ahahah ecco la ricetta, davvero speciale!
PS: Grazie, Laura! 🙂

Ingredienti (per uno stampo da 24 cm di diametro)
4 uova – 200 gr di zucchero semolato
100 ml di latte – 150 ml di olio di semi di mais
scorza di mezzo limone bio grattugiata – una bustina di vanillina
175 gr di farina 00 – 85 gr di farina integrale di frumento
65 gr di fecola di patate – 10 gr di lievito chimico per dolci
un pizzico di sale – 60 gr di mirtilli secchi
PER LA GLASSA AL LIMONE: 125 gr di zucchero a velo – succo di mezzo limone

Preparazione
In una ciotola mescolare l’olio con lo zucchero, aggiungere quindi un uovo e un cucchiaio di polveri (farine, fecola, lievito chimico, sale e vanillina) setacciate continuando a mescolare, e proseguire questa operazione fino a esaurire tutte le uova.
A questo punto unire il resto delle polveri da setacciare alternandole con il latte da aggiungere a filo.
Ottenuto un impasto liscio e senza grumi, unire i mirtilli secchi lasciati precedentemente rinvenire in poca acqua e poi scolati, amalgamare bene, quindi versare l’impasto nello stampo da ciambella precedentemente imburrato e infarinato.
Cuocere il Pizzo palumbo a 180°C per 40 minuti, confermando la cottura con la prova stecchino.
20160319_111154Una volta intiepidita, sformare la torta e lasciarla completamente raffreddare su una gratella per dolci.
20160319_111500Prepariamo la glassa mescolando lo zucchero a velo setacciato insieme al succo di limone, quindi glassare la ciambella oramai fredda.
20160319_14152420160319_143624Con questa ricetta partecipo al Contest torte di Pasqua dei Fratelli ai Fornelli
contest-easter-banner

6 Comments

Cantucci al Rosso Piceno, prugne secche e mandorle

| Biscotti, contest, Le ricette della tradizione italiana

There upon some distant shore
You’ll hear me say
Long as the day in the summer time
Deep as the wine dark sea
I’ll keep your heart with mine
Till you come to me PENELOPE’S SONG – LOREENA MCKENNITT

Il vino ha da sempre fatto parte della nostra cultura, non esclusivamente gastronomica, ma anche dal punto di vista intellettuale…non trovate? 🙂
Con i versi della stupenda canzone Penelope’s song dell’artista canadese Loreena Mckennitt voglio presentarvi la ricetta di un dolcetto a base di vino rosso: i Cantucci al Rosso Piceno, prugne secche e mandorle.
La scelta del Rosso Piceno è stata semplice, dato che sono marchigiano, quindi ho voluto omaggiare la mia regione proponendo un biscotto a base di Rosso Piceno per l’appunto, mentre l’abbinamento con le prugne secche mi è stato suggerito leggendo questo articolo, nel quale si sostiene che questo vino dell’area ascolana profuma di prugna, e devo dire che l’abbinamento è stato più che vincente!
Che altro dire…ah, ecco: ho imparato grazie al blog Le ricette di TerroreSplendore (che fra l’altro è toscano doc :P) che il segreto per ottenere dei cantucci friabili è quello di montare le uova con lo zucchero; io l’ho fatto e non me ne sono pentito, ma se volete potete non montare le uova e fare come abbiamo sempre fatto insomma.
La ricetta è la nostra solita ricetta supercollaudata e testata, con le sole modifiche dell’inserimento di una parte di farina integrale e del vino Rosso Piceno come parte liquida della preparazione.
Provateli e non ve ne pentirete! 🙂 A presto!

INGREDIENTI
130 gr di farina integrale di frumento – 270 gr di farina 00
250 gr di zucchero bianco – 60 gr di mandorle non pelate
60 gr di prugne secche – 2 uova
60 ml di Rosso Piceno – un cucchiaino di semi di anice
un pizzico di sale – 12 gr di lievito chimico per dolci

PREPARAZIONE
In una ciotola capiente montare le uova con lo zucchero, aggiungere quindi il Rosso Piceno e gradualmente le farine setacciate insieme al sale e al lievito; continuare a lavorare l’impasto usando le mani fino a ottenere un panetto simile alla pasta frolla. Integrare all’impasto i semi di anice e le mandorle e le prugne secche precedentemente tagliuzzate.
Dividere l’impasto in due parti e modellarli a mo’ di filone di pane, disporli quindi su una placca da forno rivestita di carta forno e cuocere i filoni a 190°C per 25/30 minuti.
Sfornare i filoni cotti e, una volta intiepiditi, formare i cantucci procedendo a tagliare i filoni stessi; disporre i cantucci sulla stessa placca del forno e lasciamoli biscottare a 180°C per 15 minuti.
cantucci vino (5)Lasciar raffreddare i cantucci completamente su una gratella per dolci prima di servirli.
cantucci vino (3)Deliziosi da servire con lo stesso Rosso Piceno. 🙂
cantucci vino (1)Con questa ricetta partecipo al Contest Ingrediente diVino del blog Enoitaca (visitate il blog e seguite la relativa pagina fb!! 🙂 )
Ingrediente divino

Commenti disabilitati su Cantucci al Rosso Piceno, prugne secche e mandorle

Banana bread

| contest, Plumcake

Buongiorno e buon Lunedì a tutti!
Perdonate l’assenza, sono stato molto occupato con gli esami!
Finalmente sono riuscito a fare il Banana bread! Sono anni che mi riprometto di prepararlo, ma non ne ho avuto occasione fino a quando mi è capitato il contest del blog Ricette da coinquiline.
Per chi ancora non conosce questo dolce, il Banana bread non è altro che un delizioso plumcake alla banana tipico dei paesi anglosassoni, presso cui si suole consumarlo specialmente a colazione, ma vi giuro che è ottimo anche come fine pasto!
La ricetta, come ho accennato prima, è del blog Ricette da coinquiline (che vi consiglio di andare a visitare 🙂 ), ma ho modificato giusto qualche ingrediente, il resto è tale a quale alla ricetta originale, davvero speciale.
Bene, credo di aver scritto tutto…passiamo alla ricetta del Banana bread!

INGREDIENTI
2 banane – 2 uova
200 gr di zucchero (nel mio caso 60 gr di zucchero di canna e 120 gr di zucchero bianco) – una bustina di vanillina
30 ml di olio di mais – 4 cucchiai di latte
100 gr di farina integrale di frumento – 240 gr di farina 00
11 gr di lievito chimico per dolci – 50 gr di granella di mandorle
un pizzico di sale

PREPARAZIONE
Riunire in una ciotola la polpa delle banana ridotta a purea e lo zucchero, quindi mescolare con un cucchiaio di legno; aggiungere l’olio di mais continuando a mescolare e, quando sarà ben integrato alla polpa di banana, procedere gradualmente con l’aggiunta delle uova e delle polveri (farina integrale, farina 00, lievito chimico, sale e vanillina) da setacciare, alternandola con i cucchiai di latte. Infine unire la granella di mandorle.
La consistenza da raggiungere è quella dei pancakes, piuttosto densa, ma non troppo per intenderci.
Versare l’impasto in uno stampo da plumcake precedentemente imburrato e infarinato, quindi cuocere il banana bread in forno preriscaldato statico a 180°C per un’ora, confermando la cottura con la prova stecchino.
20160220_112945Lasciar raffreddare il Banana bread completamente su una gratella per dolci prima di servirlo.
20160220_11374720160220_13573020160220_13591720160220_140047Con questa ricetta partecipo al #1 Contest anniversario di Ricette da Coinquiline.
tumblr_lsglzka4vs1r44mg0o1_500

Commenti disabilitati su Banana bread

Castagnole al limoncello

| Carnevale, Le ricette della tradizione italiana

Buongiorno e buon Martedì grasso a tutti!
Vogliamo rendere questo Martedì davvero grasso e calorico, ma dolcissimo? Eccovi uno dei dolci di Carnevale più famosi e apprezzati da grandi e bambini: le Castagnole.
Le Castagnole sono delle palline di pasta fritte e poi arrotolate nello zucchero a velo o nello zucchero semolato (io preferisco quest’ultimo) e la versione che vi propongo oggi è semi-integrale e profumata al limoncello, ma voi potete tranquillamente usare solo farina 00 o scegliere un altro liquore. 😉
Eccovi la ricetta e a presto!

INGREDIENTI (per circa 40 castagnole)
170 gr di farina 00 – 80 gr di farina integrale di frumento
2 uova – 60 gr di zucchero
30 gr di burro – 2 cucchiai di limoncello
un pizzico di sale – una bustina di vanillina
8 gr di lievito chimico per dolci – olio di semi per friggere q.b.

PREPARAZIONE
In una ciotola setacciare le due farine (la crusca che rimane nel setaccio versatela nella ciotola) e il lievito chimico, versare lo zucchero, la vanillina, il pizzico di sale e il burro tagliato a cubetti, che verrà sbriciolato insieme alle polveri con le punte della dita.
Aggiungere le uova e il limoncello e quindi impastare fino a ottenere un panetto morbido e liscio.
Formare le castagnole facendo tante piccole palline dai filoncini di impasto e friggerle in abbondante olio bollente per un paio di minuti, girandole di tanto in tanto.
Quando saranno ben dorate, far asciugare le castagnole sulla carta assorbente e, ancora calde, rotolarle nello zucchero semolato prima di servirle.

Castagnole (2)Castagnole (1)

Commenti disabilitati su Castagnole al limoncello