Crea sito

Crostata

Crostata di amaretti, cacao e mandorle

| contest, Crostate, Le ricette della tradizione italiana

Buonasera e buona Domenica a tutti!
Eccoci di nuovo qui (dopo un po’ di giorni di assenza) a presentarvi una crostata deliziosa: la Crostata di amaretti, cacao e mandorle.
Erano secoli che non mi mettevo a preparare una crostata, forse perché l’ultima che avevo cucinato non mi era piaciuta molto a livello estetico, stavolta invece sono soddisfatto del risultato finale, visto che sono riuscito finalmente a fare la griglia tipica delle crostate in modo decente. 🙂
La ricetta non è mia ma di Lucia del blog Tra Cucina e PC, la quale ci informa che questa crostata è tipica della città di Parma; l’unica variazione riguarda l’aromatizzazione della pasta frolla, infatti io ho scelto di aromatizzarla alla vanillina, ma potete usare tranquillamente la scorza di limone, come suggerisce Lucia.
Un piccolo consiglio prima di presentarvi la ricetta: il sapore della farcitura è molto intenso e “cacaoso”, per cui se non siete appassionati del sapore del cioccolato amaro, vi consiglio di aumentare la dose di zucchero o di optare per il cacao zuccherato.
Eccovi la Crostata di amaretti, cacao e mandorle. 🙂 A presto!

Ingredienti (per uno stampo da 26 cm)
PASTA FROLLA
300 gr di farina 00 – 150 gr di zucchero
100 gr di burro – un uovo intero + un tuorlo
mezza bustina di lievito chimico per dolci – un pizzico di sale
una bustina di vanillina (o scorza di limone)
FARCITURA
100 gr di zucchero – 100 gr di cacao amaro
100 gr di amaretti sbriciolati – 100 gr di mandorle tritate
una tazzina di caffè – una tazzina di rum (o di latte)
un albume

Preparazione
In una ciotola setacciare la farina insieme al lievito, alla vanillina e al sale, aggiungere il burro freddo tagliato a cubetti e lo zucchero e procedere con la sabbiatura. Ottenuto un composto sbricioloso, aggiungere l’uovo intero e il tuorlo e impastare fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo, che verrà coperto con pellicola trasparente e lasciato riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
Montare l’albume a neve con un pizzico di sale, in un’altra ciotola invece mescolare lo zucchero insieme al cacao amaro setacciato, agli amaretti sbriciolati e alle mandorle tritate grossolanamente, versare il caffè e il rum e amalgamare bene. Incorporare dunque delicatamente l’albume montato a neve e se dovesse risultare troppo asciutto, aggiungere un po’ di latte o rum per rendere il ripieno più morbido.
Stendere 2/3 della pasta frolla raffreddata in modo sottile e disporla su uno stampo leggermente imburrato, bucherellare il fondo e distribuire il ripieno (aiutatevi con un cucchiaio bagnato d’acqua, risulterà più facile così l’operazione) e decorare la superficie della crostata con le strisce tipiche.
Cuocere la crostata di amaretti, cacao e mandorle in forno preriscaldato statico a 180°C per 30 minuti, deve risultare dorata.
20160116_111752Lasciar intiepidire la crostata nello stampo prima di estrarla e servirla.
20160116_13452020160116_134657Con questa ricetta partecipo al Contest Quale ti piace di più? di Lu.C.I.A. – Tra cucina e PC.
banner_Quale-ti-piace-di-più

2 Comments

Re-cake: Crostata di farina gialla e mirtilli

| Crostate, Re-cake

benedettaparodi-è-pronto

Buongiorno a tutti! Oggi inauguriamo una nuova rubrica, un nuovo orizzonte per il nostro blog: il re-cake!
Con re-cake intendiamo la volontà di riprodurre una ricetta tratta da un libro di cucina e poi trarne delle impressioni e darne un giudizio complessivo.
La ricetta in questione è la Crostata di farina gialla e miritilli tratta da uno degli ultimi libri di cucina di Benedetta Parodi, dal titolo È pronto!.
Abbiamo riprodotto la ricetta lo scorso sabato pomeriggio, insieme ai nostri amici, e vi comunichiamo subito che il risultato finale ci è piaciuto da impazzire, è buonissima questa crostata! Purtroppo non siamo riusciti a fare nemmeno una foto della crostata finita – ce la siamo spazzolata ancora tiepida ahahah – di conseguenza vi mettiamo la foto della crostata che la stessa Parodi aveva presentato durante una puntata del suo show di cucina “I menu di Benedetta”, per farvi capire di cosa stiamo trattando. 😉
crostata-farina-gialla-mirtilli

Di seguito troverete gli ingredienti ed il procedimento per realizzare questa crostata e, in neretto, noterete i cambiamenti personali che abbiamo apportato a questa ricetta.
INGREDIENTI (Benedetta indica uno stampo da 22 cm di diametro, ma noi ne abbiamo uno di 24 cm)
100 gr di farina 00
100 gr di farina di mais fioretto
50 gr di zucchero (noi abbiamo fatto un mix di zucchero di canna e zucchero bianco fino a raggiungere 60 gr)
mezza bustina di lievito chimico per dolci (noi solo un cucchiaino)
un pizzico di sale
una bustina di vanillina
100 gr di burro
1 uovo
PER IL RIPIENO
3 cucchiai di pangrattato
400 gr di mirtilli (sostituiti con 450 gr di frutti di bosco surgelati)
60 gr di zucchero
menta (omessa)
PER DECORARE
zucchero a velo vanigliato

PREPARAZIONE
Prepariamo la frolla inserendo in una ciotola la farina 00 setacciata insieme alla farina di mais fioretto, al lievito, al sale e alla vanillina, versiamo poi lo zucchero, il burro freddo tagliato a cubetti e iniziamo a sbriciolarlo e a pizzicarlo con le dita fino a raggiungere un composto sabbioso; aggiungiamo poi l’uovo ed impastiamo fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo, che andremo poi a coprire con la pellicola trasparente e a lasciarlo riposare in frigorifero per 30 minuti (noi, per velocizzare i tempi, 15 minuti in freezer).
Stendiamo 3/4 della frolla in maniera piuttosto sottile, adagiamola nello stampo, bucherelliamo il fondo con i rebbi della forchetta, distribuiamo i 3 cucchiai di pangrattato e infine versiamo i frutti di bosco lasciati scongelare dolcemente in frigorifero e mescolati allo zucchero, distribuendoli per bene.
Procediamo con la decorazione della crostata facendo le classiche striscioline ed inforniamo a 200°C per 30 minuti (forno statico), fino a quando risulterà bella dorata.
Lasciamo raffreddare un po’ prima di estrarla dallo stampo e poi serviamola con un po’ di zucchero a velo sulla superficie.

IMPRESSIONI
Ricetta promossa a pieni voti, davvero, ci è piaciuta tantissimo!
Ottima idea quella di usare metà farina bianca e metà farina di mais, in quanto risulta così una frolla piacevolmente croccante, e risulta geniale l’utilizzo del pangrattato in quanto assorbe tutta l’umidità che i frutti di bosco cacciano durante la cottura.
In tutta sincerità forse avremmo usato solo un tuorlo anziché un uovo intero nella preparazione della frolla, forse in questo modo la frolla sarebbe risultata ancora più croccante, ma va bene anche così insomma. 😉
Mezza bustina di lievito ci è sembrata eccessiva, un cucchiaino di lievito per dolci è più che sufficiente, fidatevi.

GIUDIZIO: PROMOSSA!

6 Comments