Crea sito

Ciambellone

Ciambellone stracciatella con amaretti

| Ciambelloni, contest

Buon pomeriggio e buona Domenica a tutti!
Come state?
Come ho già spiegato nell’introduzione al Ciambellone con farina di segale e uvetta, i miei dolci preferiti sono semplici, con pochi ingredienti e dal sapore “casalingo”, per questo oggi ho intenzione di presentarvi un’altra delle mie ricette preferite: il ciambellone allo yogurt.
Non so voi, ma secondo me lo yogurt è uno dei migliori alleati in cucina, perché dona alla nostre preparazioni un gusto e una consistenza straordinari.
Il Ciambellone che sto per proporvi prende spunto dalla base della torta di mele e yogurt, che ho voluto arricchire aggiungendo tanto cioccolato fondente a scaglie e tanti amaretti, che mi sono avanzati dall’ultima ricetta e che si sposano divinamente con il cioccolato; in definitiva oggi vi presento il Ciambellone stracciatella con amaretti.
Eccovi la ricetta, semplice semplice.

INGREDIENTI (per uno stampo da ciambella di 24 cm di diametro)
200 gr di farina 00 – 50 gr di fecola di patate
2 uova – 125 gr di zucchero (metà di canna e metà bianco)
80 ml di olio di semi di mais – un vasetto (125 gr) di yogurt alla stracciatella (o del gusto che preferite)
8 gr di lievito chimico per dolci – 100 gr di scaglie di cioccolato fondente
100 gr di amaretti sbriciolati – un pizzico di sale

PREPARAZIONE
In una ciotola mescolare l’olio con lo zucchero, aggiungere quindi un uovo e un cucchiaio di polveri (farina, fecola, sale e lievito) setacciate insieme alla volta; esaurite le uova, alternare la farina con lo yogurt, fino a raggiungere un composto piuttosto denso, ma ben amalgamato.
Unire a questo punto gli amaretti sbriciolati (lasciamone da parte una manciata) e le scaglie di cioccolato, facciamoli integrare per bene, quindi versare l’impasto del ciambellone nello stampo apposito precedentemente imburrato e infarinato, livellare la superficie del dolce, distribuirci dunque il resto degli amaretti sbriciolati e cuocere la torta in forno statico preriscaldato a 180°C per 35/40 minuti, confermando la cottura con la prova stecchino.
20160123_110320Lasciar raffreddare completamente il ciambellone su una gratella prima di servirlo.
20160123_13540820160123_135554Con questa ricetta partecipo al contest Il mio piatto preferito! di Sorrincucina
contestnew1-e1447797658345

Con questa ricetta partecipo al contest di Kucina di Kiara e Villa Tilli: Colazioni Dolci e Salate
contest-colazioni-dolci-salate

10 Comments

Pizzo palumbo a.k.a. Ciambellone semiintegrale glassato al limone e mirtilli

| Ciambelloni, contest, Le ricette della tradizione italiana

Buon Lunedì pomeriggio a tutti!
Come avete passato la prima Domenica di Primavera 2016? Avete goduto dei primi raggi solari della stagione? 🙂
Pasqua si sta avvicinando e il dolce che vi presento oggi è una torta tipica del periodo pasquale che si prepara principalmente in Sud Italia, precisamente a Foggia e dintorni: il Pizzo palumbo.
Letteramente Pizzo palumbo significa Pezzo di colomba, e non è altro che la versione mooooltooo semplificata della regina dei dolci di questo periodo dell’anno, essendo una ciambella glassata al profumo di limone.
Il merito va tutto a Laura del blog La passione di Laura, visto che mi sono ispirato alla sua ricetta meravigliosa; tuttavia rispetto alla versione di Laura, io ho voluto rendere il Pizzo palumbo semiintegrale e ancora più soffice aggiungendo della fecola di patate. 🙂 Ah, dimenticavo: Laura ricopre il ciambellone con il naspro, ossia la glassa preparata con zucchero a velo e albume, io invece ho preferito glassare il dolce con una semplicissima glassa al succo di limone, non ho voluto insomma usare l’albume, sia per pigrizia 😛 sia perché ultimamente dalle uova crude dicono sia meglio stare alla larga. Nulla vi vieta di seguire il consiglio di Laura, visto che la tradizione lo “impone”. 😀
Basta così, ho scritto anche troppo! Ahahah ecco la ricetta, davvero speciale!
PS: Grazie, Laura! 🙂

Ingredienti (per uno stampo da 24 cm di diametro)
4 uova – 200 gr di zucchero semolato
100 ml di latte – 150 ml di olio di semi di mais
scorza di mezzo limone bio grattugiata – una bustina di vanillina
175 gr di farina 00 – 85 gr di farina integrale di frumento
65 gr di fecola di patate – 10 gr di lievito chimico per dolci
un pizzico di sale – 60 gr di mirtilli secchi
PER LA GLASSA AL LIMONE: 125 gr di zucchero a velo – succo di mezzo limone

Preparazione
In una ciotola mescolare l’olio con lo zucchero, aggiungere quindi un uovo e un cucchiaio di polveri (farine, fecola, lievito chimico, sale e vanillina) setacciate continuando a mescolare, e proseguire questa operazione fino a esaurire tutte le uova.
A questo punto unire il resto delle polveri da setacciare alternandole con il latte da aggiungere a filo.
Ottenuto un impasto liscio e senza grumi, unire i mirtilli secchi lasciati precedentemente rinvenire in poca acqua e poi scolati, amalgamare bene, quindi versare l’impasto nello stampo da ciambella precedentemente imburrato e infarinato.
Cuocere il Pizzo palumbo a 180°C per 40 minuti, confermando la cottura con la prova stecchino.
20160319_111154Una volta intiepidita, sformare la torta e lasciarla completamente raffreddare su una gratella per dolci.
20160319_111500Prepariamo la glassa mescolando lo zucchero a velo setacciato insieme al succo di limone, quindi glassare la ciambella oramai fredda.
20160319_14152420160319_143624Con questa ricetta partecipo al Contest torte di Pasqua dei Fratelli ai Fornelli
contest-easter-banner

6 Comments