Crea sito

Consigli

Plumcake alle mandorle e pere

| Consigli, contest, Plumcake, Su di noi

Buonasera a tutti!
Oggi parliamo del pasto della giornata che preferisco, o meglio, che vivo con particolare e maggiore emozione: la colazione.
Ebbene sì, proprio la colazione, il pasto con cui inauguriamo una nuova giornata e con cui auguriamo a noi stessi di dare il massimo nel mondo che ci aspetta e che dobbiamo affrontare a testa alta una volta usciti di casa. In questi anni ho imparato a non sottovalutare la colazione, perché l’energia che ci fornisce questo pasto deve guidarci durante almeno l’arco mattutino della giornata, sia se dobbiamo andare “semplicemente” a lezione all’università, sia se dobbiamo sostenere un esame o andare a lavorare.
Lungi da me dare consigli su come gestire questo pasto, dato che non ho la competenza di un nutrizionista, tanto meno sono un salutista, ma ciò che mi sento di suggerirvi è di non uscire da casa a stomaco vuoto, perché più energia abbiamo in corpo, più siamo in grado di reagire positivamente a ciò che ci aspetta una volta chiuso il portone di casa.
Vi starete chiedendo: perché questo squilibrato sta trattando della colazione?
La risposta è semplice, tranquilli! 😀
Ho deciso di partecipare al contest indetto dal blog Pentagrammi di farina, gestito da 5 bravissime ragazze, in occasione del suo primo compleanno. Tanti auguri!! 😀
Per partecipare bisogna rispondere a un test creato dalle ragazze e formulare una ricetta in base al risultato ottenuto; sono risultato “maniaco” della colazione, mi è andata bene tutto sommato! 😀
alessia_maniaca-colazione2
Non so voi, ma secondo me colazione significa tagliare a fette qualcosa, magari un dolce fatto con le proprie mani e servirlo con una tazza fumante di tè o di latte e caffè; c’è qualcosa di magico in questo semplice ed elementare gesto, eppure significa per me condivisione, speranza, buon auspicio, augurio, fiducia.
Ah, che sia chiaro, la colazione per me va vissuta insieme ad un’altra persona, che sia un familiare, o un amico, perché ad ogni morso deve corrispondere una buona parola e un consiglio su come affrontare la giornata, ma anche se siamo da soli, questo pasto non deve essere sottovalutato, viviamolo come un momento di introspezione e di carica interiore. 😉
A mio avviso il dolce per eccellenza da consumare a colazione è il Plumcake, così soffice, così profumato e delicato che deve risultare al palato come una carezza sul nostro volto; sì, la dolcezza non deve mai mancare, per questo mi risulta difficile configurare il salato durante la colazione, ma, come dicono gli antichi Romani, “de gustibus non disputandum est”.
Il Plumcake alle mandorle e pere che voglio proporvi è un dolce molto delicato, profumato e senza lattosio, per cui ideale anche a coloro che non possono assumere latticini nella propria dieta o per chi magari si accorge di non avere il burro in frigorifero, ma solo dell’olio di semi in dispensa.
Una versione ideale anche per i celiaci? Provate a sostituire la farina 00 con la farina di riso, dovrebbe funzionare, in caso fatecelo sapere con un commento. 🙂
Un consiglio sulle pere: se è grande, ne basta una sola, altrimenti usatene 2, purché siano ben mature, in tal modo diventeranno cremose in cottura e doneranno ancora più sofficità al plumcake. Ho letto sul web che le pere migliori da scegliere per un dolce sono le pere abate, ma se disponete di altre tipologie di pere a casa, usate pure quelle senza problemi.
Non vi piacciono le pere? Sostituitele con le mele.
Non avete mandorle a casa? Provate con le nocciole! In verità questo dolce si ispira ad una vecchia ricetta di torta alle nocciole che avevo sul mio quaderno delle ricette, ma l’ho voluta modificare sensibilmente, a partire dalle dosi, dagli ingredienti e soprattutto dalla scelta della frutta secca protagonista.
Se non avete la farina di mandorle a casa, usate le mandorle intere e frullatele insieme a un cucchiaio di zucchero con il frullatore ad immersione, vedrete che in un attimo otterrete una farina di mandorle ottima. Cercate inoltre di preferire le mandorle non spellate, perché il tegumento è fonte di fibra, il che non guasta. 😉
Possono essere un’aggiunta golosa all’impasto delle scaglie o delle gocce di cioccolato fondente.
Basta, ho scritto anche troppo! XD
Passiamo alla ricetta, che vi consiglio caldamente, dato che a casa è stato spazzolato! 🙂

INGREDIENTI
70 gr di mandorle pelate – 140 gr di farina 00
40 gr di fecola di patate (o altro amido) – 3 uova
80 ml di olio di semi di mais (o di un altro seme) – 150 gr di zucchero (meglio se metà semolato e metà di canna)
8 gr di lievito chimico per dolci – un pizzico di sale
una pera abate grande (o 2 piccole) – 2 cucchiai di rum
una bustina di vanillina

PREPARAZIONE
Tostate le mandorle in una padella e frullatele insieme a un cucchiaio di zucchero dei 150 totali con un frullatore ad immersione fino a ottenere una polvere fine.
Sbucciate e tagliate 3/4 della pera a cubetti e il resto a fettine (altrimenti tutta a cubetti, come preferite), e mescolate i cubetti di pera insieme a un cucchiaio di farina dei 140 totali, in modo tale da farli rimanere sospesi nell’impasto del plumcake durante la cottura e quindi che non vadano sul fondo del dolce.
In una ciotola mescolate gli zuccheri insieme all’olio, aggiungete poi un uovo e un cucchiaio di polveri setacciate insieme (farina, lievito, farina di mandorle, fecola di patate, vanillina e sale), fino ad esaurire le uova.
Aggiungete il rum e unire il resto delle polveri ben setacciate, in modo tale da evitare la formazione di grumi.
Ottenuta una pastella densa, aggiungete i cubetti di pera infarinati, mescolate delicatamente e trasferite l’impasto nello stampo per plumcake imburrato (o oleato se siete intolleranti al lattosio) e infarinato, adagiate poi sulla superficie la pera tagliata a fettine e cuocete il plumcake alle mandorle e pere a 180°C in forno statico per 40 minuti, confermando la cottura con lo stecchino.
Plumcake mandorle e pere (9)Una volta intiepidito, togliete il plumcake cotto dallo stampo e lasciatelo raffreddare completamente sulla gratella prima di servirlo.
Plumcake mandorle e pere (8)20151122_120249

Un'idea di presentazione
Un’idea di presentazione

Con questa ricetta partecipo al contest Le personalità in cucina di Pentagrammi di farina.
1compleanno_instagram

Commenti disabilitati su Plumcake alle mandorle e pere

AAA Cercasi ispirazione! :)

| Consigli

SONDAGGIO: Sarete voi a decidere per noi la prossima ricetta da proporvi (preferiamo una ricetta dolce o un lievitato, sia dolce sia salato indifferentemente). Aspettiamo le vostre idee ed i vostri suggerimenti! 🙂

Cerchiamo l’ispirazione dalla vostra partecipazione e dal vostro sostegno, cari lettori! 🙂

3 Comments

Limonata vs Limeade: che la sfida abbia inizio!

| Consigli

Buongiorno a tutti e buon lunedì a tutti!
Questa mattina vi proponiamo la sfida fra due versioni di una delle bevande più gustose e tipicamente estive, ossia la limonata; più precisamente la sfida è fra la limonata classica con i limoni e la limonata “esotica”, prodotta coi lime, e prende il nome di limeade!

da inserire nel blog

 

LIMONATA

  • Ingredienti

3 limoni grandi – 4 cucchiai di zucchero
500 ml di acqua minerale

  • Preparazione

Spremere i limoni e filtrarne il succo, nel quale scioglierete per bene i 4 cucchiai di zucchero; a questo punto aggiungere l’acqua minerale (magari fresca di frigorifero), mescolare e gustare!

Ricetta originale presa da La cucina antica di Viky ,che ringraziamo!

LIMEADE (Limonata con i lime)

  • Ingredienti

4 lime piccoli – 3 cucchiai di zucchero
500 ml di acqua minerale

  • Preparazione

Spremere i lime e filtrarne il succo, nel quale scioglierete i 3 cucchiai di zucchero; in seguito aggiungere l’acqua minerale fresca, mescolare per bene, servire e gustare!

Commenti disabilitati su Limonata vs Limeade: che la sfida abbia inizio!

Lezione di…meringhe!!

| Consigli

Oggi a lezione di meringhe!!

meringhe (3)

Dall’albume dell’uovo montato con lo zucchero si creano questi dolcetti tanto invitanti quanto irresistibili. Rappresentano una salvezza quando vuoi preparare qualcosa di dolce ma non hai nulla in dispensa…con pochi ingredienti si riescono a fare qualcosa di davvero soddisfacente 😉 .

3 sono le tipologie di meringhe che conosciamo (2 delle quali sono italiane): la meringa FRANCESE (che abbiamo fatto e per la ricetta cliccate qui) che è anche il metodo più semplice per farla, montando a neve gli albumi con metà dello zucchero e qualche goccia di limone e, quando si raggiungerà un composto piuttosto denso ma lucido, aggiungere il restante zucchero senza usare le fruste.

meringhe (2)

Poi conosciamo (ma non abbiamo mai provato a fare a causa del procedimento un po’ lungo e piuttosto professionale) la meringa ITALIANA la quale, a differenza di quella francese, ha lo zucchero cotto che viene fatto sciogliere in un po’ di acqua fino a raggiungere una determinata temperatura, e poi aggiunto, a filo, agli albumi che montano…insomma, un procedimento un po’ lungo, ma necessario se non vogliamo correre rischi con le uova crude!

Infine, molto interessante e che non ha nulla da invidiare alle precedenti tipologie di meringa, è la meringa SARDA, una meringa arricchita di scorza di limone e di scaglie di mandorle, croccanti fuori e fondenti dentro.

Va ricordato che, a differenza della meringa sarda che va cotta per poco tempo, a solo 15 minuti a 180°, la meringa classica va solo asciugata, non cotta, a temperatura bassa per un’ora, per evitare che diventino scure quando sono in forno!!

La ricetta base della meringa è perfetta per tante altre preparazioni, pensate ai macarons o alla lemon meringue pie solo per fare qualche esempio!

Conoscete altri tipi di meringhe?? Non esitate a farcelo sapere!! 🙂

Commenti disabilitati su Lezione di…meringhe!!

Disastri in cucina?!

| Consigli, La cucina fra le pagine dei libri (e non solo)

Ciao a tutti!! Anche voi come il povero sfortunato ma simpaticissimo Paperino avete combinato disastri in cucina? Confondere sale con zucchero? Scambiare un ingrediente con un altro? Bruciato qualche torta? Insomma se siete coraggiosi raccontateci qualche vostro piccolo disastro che avete fatto vicino ai fornelli!! Buon week-end a tutti!

0

12 Comments

Piccoli suggerimenti sulla preparazione di un dolce

| Consigli

Buongiorno a tutti!

Oggi ci sentiamo di darvi qualche piccolo suggerimento sulla preparazione di un dolce, spero possa farvi piacere 🙂

  •  SETACCIARE INSIEME TUTTE LE POLVERI siamo soliti setacciare tutte le polveri e le farine insieme, in modo tale che si possano mescolare ed uniformare in modo migliore. Oltre alla farina, alla fecola o al cacao, noi setacciamo insieme anche anche il lievito chimico (o il bicarbonato) e la vanillina o eventuali spezie, come cannella o zenzero. Setacciare in generale è fondamentale in un dolce, perché così si evita che si formino sgradevoli grumi.
  • AGGIUNGERE SEMPRE UN PIZZICO DI SALE  questo suggerimento sicuramente già lo conoscete e lo applicate 😀 Il pizzico di sale aiuterebbe anche gli albumi a montare a neve, dovrebbe “invecchiarli” (un albume di un uovo troppo fresco non monterebbe correttamente)
  • SOSTITUIRE IL BURRO CON L’OLIO questo esperimento è riuscito quasi al 100% bene: nelle ricette in cui si prevede l’uso di burro a pomata o addirittura di burro fuso, noi lo sostituiamo con dell’olio. Navigando su Internet, abbiamo scoperto che 100 grammi di burro equivalgono a 80 grammi di olio per cui, facendo una semplice equazione, si può trovare la quantità esatta di olio da sostituire al burro in una ricetta (es: se in una ricetta sono previsti 150 grammi di burro fuso, facendo questa equazione, x:150 = 80:100, troviamo la quantità di olio che possiamo usare al posto del burro, che, in questo caso, è 120 grammi). L’olio naturalmente è meno profumato del burro, eppure renderà i dolci più soffici, meno “pesanti” e, soprattutto, meno umidi. Ci sentiamo di sconsigliare l’olio di oliva perché è troppo invasivo, e quindi suggeriamo di usare l’olio di mais o di arachide o di girasole. Ad ogni modo ci sono ricette in cui il burro non può essere sostituito con l’olio, specialmente in quelle ricette dove sia richiesta la “sabbiatura” e quindi l’utilizzo del burro freddo, come nelle paste frolle, o nei biscotti.

E voi, avete qualche suggerimento da darci? Fateci sapere 🙂

6 Comments