Patè di melanzane e noci

Ancora una volta vi lascio una ricetta per realizzare una conserva che vi tornerà molto gradita questo inverno! Vi ho già fatto vedere il mio patè di melanzane che ormai è un must e che ad ogni banchetto tiro fuori… oppure solo per insaporire un sugo, o, ancora meglio, da spalmare sui crostini, beh, stavolta ho voluto un po’ variare, per spezzare la monotonia! 🙂

Questa volta ho sostituito un’ ingrediente e ne ho aggiunto un altro, a voi lascio l’incombenza di notare le differenze!

  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Melanzane tonde 2/3
  • Sale grosso q.b.
  • Aceto di vino bianco q.b.
  • Aglio 2/3 spicchi
  • Basilico 10/15 foglie
  • Noci 50/80 g
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione

  1. Pulire le melanzane e sbucciarle, quindi tagliarle a fette spesse e a listarelle. Alternare con manciate di sale in uno scolapasta e lasciarle spurgare per un paio di ore.

  2. Trascorso il tempo lavare sotto acuq corrente le melanzane per far perdere il sale in eccesso, quindi immergerle in una soluzione composta da pari peso di acqua e aceto messa a bollire.

  3. Far prendere il bollore e lasciar cuocere per alcuni minuti (al massimo una decina). Scolare e appena sono maneggiabili strizzarli.

  4. Nel frattempo che le melanzane cotte si raffreddino un po’, preparare il pesto di noci e basilico inserendo le foglie lavate e asciugate insieme alle noci pulite e all’ aglio nel boccale del bimby, tritare il tutto con pochi colpi di turbo e raccogliere sul fondo.

  5. Unire quindi le melanzane strizzate e frullare fino ad ottenere una crema più o meno omogenea. Aggiungere qualche cucchiaio di olio EVO per rendere l’operazione più facile e per raggiungere un grado di morbidezza desiderato.

  6. Infine invasare in vasetti sterilizzati, coprire con olio a filo e tappare dopo un paio di ore (in questo modo l’olio si infiltrerà negli eventuali buchi lasciati). Far bollire per una 20ina di minuti (o 30 se i vasetti sono grandi), quindi conservare una volta freddi.

Note

Che dire, questo patè è più delicato del precedente, manca il peperoncino (che però potrebbe starci divinamente se si vuole…) e le noci donano quel senso di “croccantezza” che non ti aspetteresti in un patè… Lo consiglio!

Antipasti, bimby, conserve e marmellate, contorni

Informazioni su Lu.C.I.A. - tracucinaepc

Ciao! Io sono Lucia, Rofranese (SA) adottata Parmigiana con una grande passione per la cucina, soprattutto per la pasticceria... e con un occhio di riguardo all' home made. Nella mia cucina raramente (e in genere solo per provare) sono entrati piatti pronti (di quelli che tanto vanno di moda adesso...), io preferisco impiegare mezza giornata in cucina, ma preparare da sola qualsiasi cosa mio marito o io abbiamo voglia di provare! Come quella volta che, lui preso da un attacco improvviso di golosità mi ha chiesto se sapevo fare le piadine....... E la mia risposta è stata "Non le ho mai fatte, ma che ci vuole?" e nel giro di un' oretta eravamo a tavola a mangiare la mia prima piadina!!! :-) Ecco, questa sono io, non esistono sfide impossibili (almeno in cucina)...

Precedente Patate lesse e purè al micronde Successivo Conservare il prezzemolo

Lasciami un commento :-)