Mini burger di quinoa con edamame

Mini burger di quinoa con edamame

Edamame edamame cos vorrà dire?E’ un nome giapponese eda che significa rami e mame che siginifica chicchi.
Gli edamame sono dei fagiolini verdissimi di soia acerba, molto usati in Giappone dove vengono messi nelle zuppe o nelle insalate o mangiati come snack.

mini burger quinoa edamame

Qui si trovano congelati nei più forniti supermercati  La provenienza rigorosamente italiana, priva di Ogm.

Mi piace il loro colore verdissimo e il loro sapore delicato.

Mi piacciono perchè sono ricchi di vitamina C, di vitamina E, di magnesio e potassio e hanno 11 gr. di proteine per 100 grammi di fagiolini.

Come si cucinano? In un attimo, si tuffano nell’acqua bollente salata per 5 minuti e si scolano.

Oggi ho fatto questi mini burger di quinoa e edamame, e tutti hanno gradito.

Si possono servire sia come finger food se piccini piccini o come secondo piatto salutare.

 

Mini burger di quinoa con edamame

 

 

 

Ingredienti:

  • 100 gr. di quinoa tricolore
  • 200 gr. di edamame cotti
  • 7/8 pomodorini secchi bio
  • qualche rametto di erbette varie
  • 40 gr pane grattato o per gli intolleranti o qualche cucchiaio di mais fioretto per legare gli ingredienti.
  • sale e pepe
  • un pò di farina di riso o pangrattato per passare le polpette.
  • un filino ino di olio extravergine per oliare la padella.

mini burger

Preparazione Mini burger di quinoa con edamame

  1. Lavare bene bene la quinoa sotto l’acqua corrente,
  2. Cuocere la quinoa  pe assorbimento  1:2 cioè, con il doppio dell’acqua , perciò mettere in un pentolino 200 gr. di acqua, salare, e quando bolle buttare la quinoa, abbassare la fiamma e dopo 15 minuti quando si vede che il chicco è diventato trasparente e si è aperto, è cotta.
  3. Tuffare gli edamame congelati in acqua salata e cuocere 5 minuti,
  4. Scolare gli edamame.
  5. Nel mixer  o Bimby, mettere gli edamame,i pomodorini, le erbette e frullare con l’aggiunta di un filo d’olio, aggiungere la quinoa, regolare di sale e pepe, aggiungere pan grattato (o farina di mais fioretto) il tanto che  diventi comodo assemblare le polpettine.
  6. Passarle poi nella farina di riso o pangrattato.
  7. Cuocere in una padella unta d’olio per pochi minuti per parte, oppure se si preferisce, passare in forno caldo 20 minuti.

 

 

 

 
Precedente Cuoricini ai fiocchi d'avena vegan Successivo Cupoline di miglio alle verdure

Lascia un commento