Pane con i rinfreschi lievito madre

 

Perché buttare i rinfreschi? E allora ho fatto questo pane avendo trovato fra i miei tanti appunti questa interessante nota, di un’utente di C.I.:
«Per utilizzare il lievito madre di scarto del rinfresco, quello che non ci sentiamo di buttare (dopo tanta fatica come si fa a buttare quel ben di Dio!), Valeria Simili suggeriva di conservarlo in frigo in un barattolo diverso dal quello del LM rinfrescato, e quando si raggiunge la quantità giusta si fa un grande rinfresco come sempre, che però in realtà é l’impasto)

Queste le quantità tra lievito madre e farina a fine rinfreschi

400 g lievito madre
400 g farina di forza
400 g di acqua circa (dipende da quanta ne assorbe la farina)

1 cucchiaino di sale

1 cucchiaino di miele

H 17- 1° rinfresco: LM + 200 g di farina, 200 g di acqua minerale naturale.
h 20- 2° rinfresco: tutto l’impasto lievitato + 200 g di farina, 200 g di acqua e 1 cucchiaino di miele e uno di sale.

Impastare sul programma impasto  nella Mdp,  lasciarlo lievitare (nel mio la lievitazione dura un’ora) e dopo un’ora mettere l’impasto in frigorifero in una ciotola, ben coperto.
La mattina togliere dal frigo e dopo circa 3 ore piegare in tre, come per la sfoglia, per due volte, con un intervallo di dieci minuti tra una piega e l’altra; poi coprire e lasciar lievitare un’ora.  Formare la pagnotta, coprire e far lievitare ancora circa 3 ore (deve raddoppiare) Fare una croce ed infornare a 250° per 10 minuti, poi abbassare la temperatura a 200° e cuocere per 40-50 minuti. Mettere nel forno un pentolino d’acqua calda.

Buonissimo, con la crosta croccante e la mollica soffice, proprio come piace a noi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

Info su terradiviolini

Casalinga ora a tempo pieno, mi piace cucinare soprattutto i piatti di famiglia.
Mi piace la musica pop, la classica,lavorare al chiacchierino, a maglia.

2 risposte a Pane con i rinfreschi lievito madre

  1. ottima idea! è un peccato buttare il mangiare! specie con questa crisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.