Pane con farina Buratto del Molino Marino

pane buratto

Questo pane fatto con farina Buratto del molino Marino, é un pane, da provare sicuramente, perché il primo posto delle nostre priorità spetta alla salute.Le sue qualità vengono descritte molto bene nel paragrafo più sotto, dalla stessa ditta Marino.

“La Buratto è una farina biologica di grano tenero tipo 2, ottenuta senza l’aggiunta di conservanti, stabilizzanti o altri additivi, particolarmente apprezzata per essere un prodotto naturale e crudo; quest’ultime qualità sono dovute alla leggerissima parte di fibra e germe del chicco che permangono in seguito alla lavorazione e la caratterizzano rispetto alle altre farine.”

La ricetta é di Paoletta
Ingredienti:

500 g di farina buratto del Molino Marino
500 g di acqua
7 g di lievito di birra fresco (io ho usato 5 g di lievito liofilizzato)
11 gr di sale

Procedimento:

Ingredienti presi dal totale
Poolish

200 g di acqua

2 g di lievito liofilizzato

200 g di farina
Nella ciotola dell’impastatrice versare 200 g di acqua, 2 g di lievito,e  farlo sciogliere; aggiungere 200 g di farina setacciata e impastare brevemente con una forchetta fino a che acqua e farina si siano amalgamati.

Coprire la ciotola con pellicola trasparente e lasciar lievitare per 5 ore, fino a quando si vedreanno sulla superficie del poolish le classiche bollicine.A questo punto versare i 300 g di acqua rimasta dopo aver fatto sciogliere i restanti 3 g di lievito; con la foglia impastare a bassa velocità qualche minuto, unire il resto un po’ di farina fino ad ottenere un impasto denso cremoso, aggiungere il sale ed il resto della farina setacciata. Attendere qualche minuto e poi aumentare la velocità dell’impastatrice per 12/15 minuti.Quando l’impasto comincia a staccarsi dal fondo, versarlo in un contenitore unto di olio.Coprire e far lievitare un’ora.Dopodiché infarinare molto bene il piano di lavoro, rovesciare l’impasto sulla farina e, con una spatola, fare  le pieghe di sovrapposizione, queste, le prime.

Rimettere l’impasto piegato nel contenitore con la piega sotto.
Attendere ancora 1h.

Fare di nuovo le pieghe, rimettere in ciotola con la piega sotto, coprire e porre in frigo a 4°/6°, tutta la notte.

Al mattino ( io il pomeriggio)togliere l’impasto dal frigo, lascialo a temperatura ambiente per un’ora,poi rovesciarlo sulla spianatoia molto infarinata, e stringerlo delicatamente a palla.
Coprilo a campana per circa 20′.

Nel frattempo preparare un canovaccio ben infarinato e un cestino, io ho usato quello del pane a fondo arrotondato,capovolgere il pane con la chiusura sopra e far lievitare un’ora.
Nel frattempo accendere il forno alla massima temperatura posizionando a metà forno la leccarda di ferro.Trascorso il tempo di lievitazione capovolgere il pane sulla leccarda caldissima, abbassare la temperatura a 230°  ed cuocere per 20 minuti.

Riabbassare la temperatura a 215° per altri 20 minuti ed infine riabbassare di nuovo a 200° per una decina di minuti con lo sportello del forno leggermente aperto.

per avere questa croccante gli ultimi dieci minuti accendere il forno ventilato con il grill.

 Se vuoi la crosta croccante questi ultimi 10′ accendi il grill e usa il ventilato.

Il pane è pronto quando, bussandolo sotto, suona vuoto.

Un po’ laborioso, ma facile e con un po’ di pazienza si otterrà un pane sano, genuino e che dura qualche giorno.

 


 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “Pane con farina Buratto del Molino Marino

  1. Capperi che bello!!

    Sembra facile ma le pieghe quando è idratato molto ti fanno sudare!!!

    Una domanda: il passaggio in frigo serve per fargli fare la “famosa maturazione” all’impasto?

    Grazie mille
    Luciano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*