Mandorlara: Finale “Il piatto dell’eccellenza” Primo classificato il Ristorante Villa Maijsa con lo Chef Giuseppe Moscato

Ieri mercoledì 6 Marzo presso l’Istituto alberghiero Nicolò Gallo di Agrigento con Mandorlara si è svolta la finale del concorso “Il piatto dell’eccellenza”. 

Ospite del concorso il gruppo folk della Moldavia presente in città per il Festival del Folklore, che ha allietato ed entusiasmato la platea di spettatori presenti all’auditorium dell’Istituto scolastico. 

Tre i ristoranti giunti alla finale: “Officina del Gusto” con lo Chef Antonio Bellanca; Kokalos con lo Chef Nabil Amor; Villa Maijsa con lo Chef Giuseppe Moscato. 

Presente al concorso il Testimonial di Mandorlara il noto Chef Peppe Giuffrè siciliano di Trapani, tenace, determinato, umile, di un’infinita simpatia e autoironia, che ama definirsi un cuciniere e non uno Chef – “sin dall’inizio della mia carriera ho sempre indossato un grembiule”. 

Lo chef ha parlato di Sicilianità, dell’amore viscerale che ha per questa terra e per il suo cibo. – quando parliamo di cucina dobbiamo partire dal 300 A.C con  Ippocrate: “Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”.

Giuffrè è uno Chef di grande fama nazionale e internazionale, la sua cucina da sempre ricercata da personalità di spicco Capi di Stato, Reali e Vip – cosa cucino ai reali? Cose semplici – più in alto si va più semplici si diventa. 

Lo Chef cosiglia ai ristoratori agrigentini di catalogare il proprio territorio con creazioni di ricette uniche e vincenti. 

Rivolgendosi agli studenti ha definito la cucina “una cosa importantissima”. Concludendo: -Ragazzi non abbandonate i vostri sogni sappiate che i sognatori sono pericolosi perché sognano anche di giorno e si rischia che poi i sogni si realizzano. 

Tornando al concorso, per l’occasione una giuria di esperti d’eccezione, oltre allo Chef Giuffrè, Gianfranco Latino Presidente di CNA Sicilia Alimentari, Max Ballarò Giudice Internazionale WACS, Bernardo Campo Presidente dell’Ente Parco Valle dei Templi , Gioacchino Sensale Giudice internazionale WACS nonché Ambasciatore del Gusto, Nicolò Severino Delegazione AIS Agrigento. 

Di seguito i piatti in gara: 

Primavera agrigentina” Ristorante Officina del gusto (Chef Antonio Bellanca)

 Lampuga (Capone) scottato in padella con mandorle, macaron alle mandorle con mouse di robiola di capra girgentana emulsione di latte di mandorla, favette, olio evo nocellara, riduzione di fichi. 

Abbinamento vino Inzolia e Chardonnay Calanica Duca di Salaparuta

Miseria e nobiltà agrigentina” Ristorante Kokalos (Chef Nabil Amor)

Gamberone cotto a vapore in crosta di nero di seppia e mandorle, involtino di sarda beccafico con mandorle in cottura a vapore, aria di mandorle con paprika, sferificazione di menta e mandorle. 

Abbinamento vino Inzolia Tenute Cuffaro

Triglia con cuore di ricotta girgentana su vellutata di lenticchie di Pantelleria e arance sciroppate” Ristorante Villa Maijsa (Chef Giuseppe Moscato) Triglia rossa scottata con cuore di ricotta alle mandorle tostate, alici, vongole e finocchietto. 

Abbinamento vino Grillo e Inzolia Adenzia Baglio del Cristo di Campobello

Lo Chef Giuffrè prima del verdetto finale si  è complimentato con gli Chef in competizione

-per me hanno vinto tutti e tre. 

La Giuria ha decretato vincitore del 5’ concorso “Il Piatto dell’eccellenza” il Ristorante Villa Maijsa e con il suo Chef Giuseppe Moscato con la sua Triglia con cuore di ricotta di capra girgentana. 

Lo Chef Moscato entusiasta per la vittoria ottenuta ha ringraziato la giuria e il proprio staff   – Dedico questa vittoria al nostro territorio che ha bisogno sempre più di essere promosso e valorizzato. 

Secondo classificato al concorso il ristorante l’Officina del gusto con lo Chef Antonio Bellanca, terzo classificato il ristorante Kokalos con lo Chef  Nabil Amor.

Presente ed intervenuta al concorso la Preside dell’Istituto Alberghiero Dottoressa Girolama Casà che ha usato parole di incoraggiamento verso i ragazzi invitandoli a pensare già da adesso ad un proprio progetto di vita per il futuro attraverso lo studio.

Presente ed intervenuto il Presidente del Consorzio Turistico Valle dei Templi Emanuele Farruggia che ha parlato del consorzio delle 50 aziende che ne fanno parte tra hotel, ristoranti, tour operator, guide turistiche tutti accumunati dalla voglia  di migliorare il turismo e il territorio.

Nei 12 ristoranti che hanno aderito al progetto Mandorlara è ancora possibile degustare i menu a tema mandorla sino a giorno 10 Marzo piatti dei finalisti compresi. 

Mandorlara continua con la sua programmazione non perdetevi i prossimi appuntamenti. 

Gerlando Carratello Food Blogger presso 

TAVULA MISA E PANI MINUZZATU

 

Precedente Tortino di Sgombro a beccafico con cuore di cipolla in agrodolce su crema di patate allo zafferano Successivo Chef Awards Legue a Gela: Il campione d’Italia di Cous cous Antonio Bellanca a rappresentare la provincia di Agrigento