Brioche con il tuppo siciliane lunga lievitazione

INGREDIENTI per 12/14 brioche

500 GR FARINA 00

300 ML LATTE INTERO

80 GR ZUCCHERO SEMOLATO

70 GR BURRO

2 GR LIEVITO DI BIRRA IN POLVERE ( 6 GR fresco)

3 GR SALE

1 VANILLINA (bustina)

CANNELLA (pizzico)

1 UOVO INTERO

TEMPO DI LIEVITAZIONE (maturazione)

15/20 ore frigorifero/ambiente

COTTURA

Forno statico 200 gradi 10/12 minuti ( in base alla potenza del vostro forno)

PROCEDIMENTO

All’interno di un contenitore capiente aggiungete la farina setacciata unite lo zucchero e gradualmente il latte a temperatura ambiente e iniziate ad impastare.

In un bicchiere sciogliete il lievito con il latte in ricetta e unite all’impasto.

Quando l’impasto avrà preso consistenza aggiungete il sale, la vanillina, il pizzico di cannella e continuate ad impastare per 10 minuti circa sino al totale assorbimento del latte.

Tagliate il burro a piccoli pezzi e incorporatelo nell’impasto continuate ad impastare per ulteriori 10 minuti ( a mano o con l’aiuto di una planetaria) con dei movimenti dal basso verso l’alto ripiegando continuamente l’impasto su se stesso facendo sì che incameri aria (lievitazione meccanica).

Dovrete ottenere un impasto liscio, morbido e omogeneo al quale darete la forma di una palla.

Lasciate l’impasto nello stesso contenitore sigillate la parte superiore con pellicola o con  coperchio e mettetelo a lievitare (e maturare) in frigorifero per 12/18 ore.

Passate le ore in frigorifero fate lievitare fuori per circa 2 ore, successivamente formate dei panetti rotondi da 50 gr e dei panetti rotondi più piccoli da 10 gr (per il tuppo).

Adagiate i panetti più grandi su una teglia foderata da carta da forno e sovrapponete a ciascuno di essi praticando una pressione i panetti più piccoli per far sì che si crei il famoso tuppo.

Spennellate la parte superiore delle brioche con l’uovo intero precedentemente sbattuto.

Fate lievitare sino al raddoppio, tempo che può variare a seconda della temperatura esterna (dalle 2 alle 4 ore) e infornate.

Per un soddisfacente risultato finale dovrete ottenere delle brioche con il tuppo soffici, morbide e profumatissime ideale da assaporare con una freschissima granita siciliana. 

Buon appetito

Nb1 ricordatevi che la fretta è nemica della panificazione;

Nb2 Poco lievito e lunga lievitazione vi consentiranno di ottenere un prodotto organoletticamente superiore, leggero e più digeribile.

Nb3 Quando sovrapponete il panetto più piccolo al più grande se trovate difficoltà ungetevi le mani con un po’ d’olio o burro e applicate la pressione lentamente con le quattro dita della mano unite.

Gerlando Carratello Food Blogger presso

TAVULA MISA E PANI MINUZZATU

 

 

 

Precedente “Le Calandre” 3 Stelle Michelin: Marco Chiarenza e la realizzazione di un sogno Successivo Comitini: 2^ “Sagra del Cacciatore”