CROSTATA DI PASTA FROLLA SENZA UOVA E MARMELLATA AI LAMPONI

Crostata di pasta frolla senza uova
CROSTATA DI PASTA FROLLA SENZA UOVA

 

LA RICETTA DELLA CROSTATA DI PASTA FROLLA SENZA UOVA

Qualche settimana fa ho provato la ricetta della pasta frolla senza uova che ho utilizzato per preparare una deliziosa crostata con marmellata ai lamponi. Il mese appena trascorso ci ha regalato delle giornate meravigliose, talmente belle che era un peccato starsene chiusi in casa. Infatti, un giovedì pomeriggio, complici le temperature miti e l’assenza di impegni, mi sono concessa una passeggiata !ungo la riva del fiume per rilassare la mente alla fine di una settimana molto frenetica. Durante il tragitto, ammirando i colori degli alberi, ho constatato che, nonostante tutto, questo mese di ottobre è stato proprio bello e mi ha riservato tante sorprese e soddisfazioni.

Volevo portare a casa con me un po’ di bellezza autunnale per conservare il ricordo di quel pomeriggio e ho raccolto le foglie che vedete nella foto: non ne avevo mai viste di così belle. Per rendere quella giornata ancora più magica ho deciso di preparare questa crostata di pasta frolla senza uova che volevo provare da un po’ di tempo. La ricetta della base l’avevo adocchiata sul blog “La manina golosa” che trovate QUI. Il risultato è una frolla morbida e profumata ideale da abbinare alla marmellata di lamponi che io adoro.

Ingredienti per la crostata di pasta frolla senza uova

  • 200 g di farina 00
  • 60 g di fecola di patate
  • 120 g di zucchero a velo
  • 130 g di burro
  • 50 ml di latte
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • Una bustina di vanillina
  • Un pizzico di sale
  • Confettura di lamponi q.b.
Cosa occorre per fare la crostata di pasta frolla senza uova: uno stampo da crostata con il diametro di 24 cm, carta da forno, un mattarello, formine per biscotti…un pomeriggio d’autunno da non dimenticare.

Procedimento per fare la pasta frolla senza uova

  1. Per prima cosa disponete la farina a fontana su di una spianatoia.
  2. Successivamente aggiungete gli altri ingredienti: la fecola di patate, il burro, il latte, lo zucchero a velo, il lievito per dolci, la vanillina e, infine, il pizzico di sale.
  3. Impastate fino a ottenere un panetto liscio e omogeneo.
  4. Avvolgere il panetto di pasta frolla senza uova in un tovagliolo e fatela riposare in frigorifero per almeno un’ora.
  5. Trascorso il tempo di riposo preriscaldate il forno a 180°C.
  6. Stendere la frolla su un foglio di carta da forno fino a ottenere uno spessore di 5 mm e trasferite la nello stampo da crostata.
  7. Bucherellate il fondo della crostata e ricoprite con la marmellata.
  8. Decorate la superficie della crostata come più vi piace.
  9. Infornate la crostata di pasta frolla senza uova a 180°C per circa 30 minuti.
Potete utilizzare la ricetta della pasta frolla senza uova per fare dei biscotti o delle crostate di frutta.
Vi ricordo che potete salvare o stampare la ricetta della pasta frolla senza uova cliccando sull’icona “Print friendly”.

CROSTATA SPEZIATA CON CONFETTURA DI FRAGOLE

CROSTATA SPEZIATA CON CONFETTURA DI FRAGOLE
CROSTATA SPEZIATA CON CONFETTURA DI FRAGOLE

Eccovi, direttamente dall’Alto Adige con dolcezza, la crostata speziata con confettura di fragole. Questa è la seconda ricetta che vi propongo per il periodo natalizio. Sapete bene che amo le crostate e voglio proporvi questa versione speziata che racchiude in sè tutti i meravigliosi profumi del Natale. La base della crostata speziata è una frolla particolare perchè alla farina ho aggiunto una buona dose di mandorle che conferiscono una morbidezza in più a questa frolla.

Per aromatizzare la frolla ho utilizzato tutti i profumi tipici del Natale: la cannella, i chiodi di garofano, la vaniglia e, infine, l’arancia. L’arrivo del Natale lo percepisco dai meravigliosi profumi che si sentono nell’aria, in particolar modo quello della cannella, spezia che io uso tantissimo durante tutto l’anno. Questa crostata speziata è una vera coccola: ideale da mangiare davanti all’albero di Natale accompagnato da un brulè di mele caldo o una bella tazza di tè nero alla vaniglia. E’ impossibile resistere…

 

INGREDIENTI per la crostata speziata con confettura di fragole

  • 200 g di farina 00
  • 65 g di mandorle o farina di mandorle
  • 125 g di zucchero di canna
  • 100 g di burro
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere (io ne ho messa un po’ di più perchè l’adoro)
  • 3 chiodi di garofano
  • la buccia grattugiata di un’arancia (in alternativa potete usare anche la buccia del limone)
  • i semi di una bacca di vaniglia o una bustina di vanillina
  • mezzo cucchiaino di cacao amaro in polvere
  • 1 pizzico di sale
  • mezza bustina di lievito per dolci (8 grammi)
  • marmellata di fragole q.b.
  • Per guarnire: zucchero a velo

 

COSA OCCORRE PER FARE LA CROSTATA SPEZIATA CON CONFETTURA DI FRAGOLE: Una tortiera con il diametro di 24 cm, carta forno, formine per biscotti per guarnire la superficie della crostata speziata, un mattarello, un tritatutto…e voglia q.b. di lasciarvi travolgere dal profumo del Natale 🙂

 

PROCEDIMENTO

  1. Frullate le mandorle fino a ottenere una sorta di farina; in alternativa utilizzate la farina di mandorle.
  2. Frullate anche lo zucchero di canna insieme ai chiodi di garofano.
  3. Ponete la farina su una spianatoia e aggiungete tutti gli altri ingredienti: il burro, l’uovo, lo zucchero aromatizzato ai chiodi di garofano, la farina di mandorle, la buccia dell’arancia, una spolverata generosa di cannella, la vaniglia, il sale, il lievito per dolci, il cacao amaro in polvere e, infine, il pizzico di sale.
  4. Impastate tutti gli ingredienti fino a ottenere una panetto liscio e omogeneo.
  5. Avvolgete la frolla speziata nella pellicola e fatela riposare per almeno un’ora.
  6. Trascorso il tempo di riposo riprendete la frolla e preriscaldate il forno a 180°C.
  7. Stendete parte della frolla con l’aiuto di un mattarello fino a ottenere uno spessore di 5 mm. Lasciatene una parte che userete per decorare la superficie.
  8. Trasferite l’impasto in uno stampo da crostata con il diametro di 24 cm, che avrete precedentemente foderato con carta da forno.
  9. Bucherellate il fondo della crostata speziata con i lembi di una forchetta e ricoprite con abbondante confettura di fragole.
  10. Riprendete la pasta e avanzata e, con l’aiuto dei taglia biscotti, ricavate delle formine che utilizzerete per ricoprire la superficie. In alternativa potete fare delle semplici strisce. Io ho utilizzato le stelline perchè richiamano il Natale.
  11. Infornate la crostata speziata a 180°C per 40-45 minuti.
  12. A fine cottura estraete la crostata speziata dal forno, lasciatela raffreddare e guarnite, a piacere, con zucchero a velo.

Con le dosi indicate io ho fatto una bella crostata accompagnata da 20 biscottini. Per realizzarli ho semplicemente steso la pasta frolla con il mattarello e ho ricavati tanti biscottini utilizzando le formine. Li ho cotti a 180°C per 12-15 minuti!

Buona sweet therapy a tutti! 🙂

…e Sweet Christmas!!! 🙂

CROSTATA SPEZIATA CON CONFETTURA DI FRAGOLE
CROSTATA SPEZIATA CON CONFETTURA DI FRAGOLE

MERINGHE PROFUMATE ALLA VANIGLIA

MERINGHE PROFUMATE ALLA VANIGLIA
MERINGHE PROFUMATE ALLA VANIGLIA

LA RICETTA DELLE MERINGHE PROFUMATE ALLA VANIGLIA

La parola d’ordine oggi è PAZIENZA. Sto aspettando con trepidazione una mail di F. che, purtroppo, non arriva. F., se non l’aveste capito, è l’uomo di cui sono innamorata, ma lui non lo sa…o forse fa finta di non saperlo. E’ tutto il giorno che fisso lo schermo del cellulare che non si illumina: è più nero di un buco nero intergalattico. E’ arrivato il momento di distrarmi. Devo preparare un dolce, ma non uno qualsiasi. Mi serve una preparazione semplice che richieda al contempo molta pazienza (quella che sto perdendo in questo momento). Ed ecco l’illuminazione. Preparerò le MERINGHE PROFUMATE ALLA VANIGLIA. Ho giusto gli albumi avanzati dalla crema pasticcera preparata per la torta della nonna, e una dose industriale di bacche di vaniglia che sostano nella mia credenza.

Le MERINGHE PROFUMATE ALLA VANIGLIA hanno una preparazione molto semplice: il segreto della loro riuscita sta tutto nella cottura o, ancora meglio, nell’ “asciugatura”. Le meringhe non devono cuocere, ma asciugare a temperatura moderata nel forno per lungo tempo, fino a che non diventano croccanti e friabili. E’ bellissimo vedere due ingredienti così diversi fra loro, come gli albumi e lo zucchero, unirsi e dare vita a dei dolci buonissimi che danno il buonumore. Vigilare attentamente sulla loro cottura, per lo meno, mi distrarrà dai miei continui e infiniti pensieri.

Ingredienti per circa 30 meringhe profumate alla vaniglia

  • 150 g di albumi
  • 330 g di zucchero a velo
  • i semi di una bacca di vaniglia o una bustina di vanillina
  • 1 pizzico di sale
  • qualche goccia di succo di limone

COSA OCCORRE PER FARE LE MERINGHE PROFUMATE ALLA VANIGLIA: Uno sbattitore elettrico, una ciotola, una spatola per dolci, una tasca da pasticcere o una siringa per dolci, carta da forno…e poi attenzione e pazienza q.b. per controllare la cottura 🙂

Procedimento per le meringhe profumate alla vaniglia

  1. Preriscaldate il forno a 80-100 °C
  2. Ponete gli albumi, a temperatura ambiente, in una ciotola dopo averli separati perfettamente dai tuorli.
  3. Iniziate a sbattere gli albumi aggiungendo metà dello zucchero a velo e il pizzico di sale.
  4. Montate gli albumi con lo zucchero a neve fermissima fino a che, capovolgendo la ciotola, il composto non cade.
  5. Incorporate con la spatola, dal basso verso l’alto, l’altra metà dello zucchero a velo, la vanillina (o i semi di una bacca di vaniglia), e il succo di limone.
  6. Inserite il composto ottenuto in una siringa per dolci e formate, su una teglia foderata con carta da forno, delle meringhe con una diametro di circa 6-7 cm.
  7. Ponete le meringhe profumate alla vaniglia nel forno e lasciatele asciugare per almeno due ore.

Il tempo di cottura può variare in base alla grandezza delle meringhe e alla temperatura del forno. Io le lascio asciugare fino a tre ore a una temperatura di 85-90°. Passate le due ore apro leggermente la porta del forno per fare uscire l’eventuale umidità. Se prolungate i tempi di cottura eviterete che, all’interno delle meringhe, si crei il cuore morbido. Se vi dovesse avanzare dell’impasto procedete con un’altra infornata.

Quelle che vedete nella foto sono le meringhe profumate alla vaniglia sopravvissute alla mia abbuffata. Vi posso dire una cosa: adesso che le vedo lì mi sento molto meglio, non solo perchè sono, a mio modo di vedere, bellissime e profumate di vaniglia, ma perchè sono buone e mangiarle mi fa provare una grande soddisfazione. Conservate le vostre meringhe in una scatola a riparo dell’umidità…sempre che non le mangiate una dopo l’altra 🙂

Buona Sweet therapy a tutti!!! 🙂

Vi ricordo che potete salvare o stampare la ricetta delle meringhe cliccando sull’icona “Print Friendly”.