MARMELLATA DI ARANCE. PER CHI AMA LE COSE BUONE

MARMELLATA DI ARANCE
MARMELLATA DI ARANCE

LA RICETTA DELLA MARMELLATA DI ARANCE

Eccomi qui a presentarvi la ricetta delle marmellata di arance. Dovete sapere che io e le marmellate ci amiamo da sempre. La mia colazione preferita consiste in una bella tazza di thè accompagnata da due fette di pane tostato con della squisita marmellata. Era da un po’ di tempo che nella mia testa si era insinuata l’idea di fare la marmellata fatta in casa, anche se non vi nascondo che la cosa destava in me non poca preoccupazione: in primo luogo ero ossessionata dalla sterilizzazione dei vasetti e, in secondo luogo, temevo che non si creasse il sottovuoto.

Tuttavia, durante l’estate, ho riletto per la duecentesima volta uno dei mie libri preferiti, ossia Sotto il sole della Toscana. La protagonista del libro si cimenta nella preparazione della marmellata di pesche che gusta spalmata su delle fragranti fette di pane toscano, nella magica atmosfera della sua Bramasole. Ebbene  la lettura di questo passo ha fatto nascere in me una irrefrenabile voglia di preparare la marmellata.

La marmellata di arance non è la prima che preparo, ma credo sia quella per cui ho faticato di meno. 🙂 Innanzitutto, fare la marmellata richiede serenità, tranquillità e un lasso di tempo abbastanza lungo. Io, ad esempio, preparo la marmellata quando avverto la necessità di staccare il cervello dal mondo esterno e non pensare a niente e nessuno, poi, come per magia, mi ridesto quando sigillo ermeticamente tutti i miei vasetti. Qui di seguito vi illustrerò i passaggi che dovete seguire per confezionare la marmellata di arance, come anche le altre confetture che vi piacciono di più.

INGREDIENTI PER LA MARMELLATA DI ARANCE

  • 10-12 arance bio (è all’incirca un chilo e mezzo di arance pesate senza la buccia)
  • 700-800 g di zucchero di canna
COSA OCCORRE PER FARE LA MARMELLATA DI ARANCE: Vasetti di vetro per le conserve con relativo coperchio, una pentola in acciaio o in rame (mi raccomando non antiaderenti), un pelapatate, un asse di legno, coltello, una schiumarola, un minipimer (se preferite la marmellata in pezzi potete non usarlo), un cucchiaio di legno…più pazienza, serenità e tranquillità. 🙂

PROCEDIMENTO PER LA STERILIZZAZIONE

La prima cosa che occorre fare quando si vuole fare la marmellata di arance, o qualsiasi altro tipo di confettura, è la sterilizzazione dei vasetti di vetro. Dovete acquistare gli appositi vasetti che si trovano nei supermercati con i relativi tappi: i vasetti li potete riciclare per la marmellata successiva, mentre i tappi vanno cambiati tutte le volte. Per sterilizzarli dovete:

  • Sciacquare bene i vasetti sotto l’acqua corrente.
  • Metterli in una pentola molto capiente e ricoprirli di acqua. L’acqua deve superare l’orlo dei barattoli di 3 cm. Se volete potete inserire, fra un vasetto e l’altro, un canovaccio: in questo modo i vasetti non si urteranno l’uno con l’altro.
  • Accendete il fuoco e aspettate che l’acqua cominci a bollire.
  • Fate bollire l’acqua (e i vasetti) per 20 minuti.
  • Passati i 20 minuti aggiungete anche i tappi e fate bollire il tutto per altri 10 minuti.
  • Nel frattempo accendete il forno a 180°C.
  • Una volta che barattoli e tappi avranno finito di bollire prelevateli dalla pentola con l’aiuto di una pinza. Inseriteli nel forno ad asciugare: in questo modo eviterete che nei tappi o nei barattoli rimangano tracce di umidità che potrebbero compromettere l’ottimale conservazione del prodotto.
  • Al termine dell’asciugatura ponete i vostri vasetti e i tappi su di un asciugamano a raffreddare.

PROCEDIMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLA MARMELLATA DI ARANCE

  1. Lavate e asciugate le arance con molta cura.
  2. Prendete tre delle vostre arance e, con l’aiuto di un pelapatate, prelevate la scorza cercando di evitare la parte bianca.
  3. Tagliate la buccia a striscioline sottili.
  4. Fate bollire dell’acqua in un pentolino piccolo e lasciate bollire le scorze per 3-4 minuti.
  5. Ripetete questa operazione per tre volte.
  6. Nel frattempo sbucciate tutte le arance e prelevate i semi.
  7. Pesate la quantità ottenuta: vi servirà per regolarvi con la dose di zucchero.
  8. Tagliate a pezzettini le vostre arance e mettetele in una pentola di acciaio.
  9. Fate sobbollire per circa 6 minuti, poi aggiungete lo zucchero di canna.
  10. Prelevate l’eventuale schiuma con la schiumarola.
  11. Quando frutta e zucchero si saranno sufficientemente amalgamati frullate il tutto con il minipimer, poi aggiungete le scorzette.
  12. Continuate la cottura della marmellata a fuoco dolce. Girate di tanto in tanto, per circa 45-50 minuti, o fino a che non si sarà addensata. Provate a farla colare su un piattino freddo: se non scivola via allora la marmellata è pronta.
  13. Inserite la marmellata bollente nei vasetti e poi chiudete ermeticamente con i tappi.
  14. Capovolgete i barattoli e lasciateli in quella posizione fino a che non si saranno completamente raffreddati.
  15. Girateli, controllate che si sia creato il sottovuoto, e poneteli a riposare, per almeno un mese, in un luogo fresco e asciutto, possibilmente al riparo della luce.
  16. Passato il lasso di tempo potete gustarvi la vostra marmellata.

Con 10-12 arance io ho riempito tre vasetti da 250 ml, più uno da 200 ml ottenendo, all’incirca, un chilo di marmellata. Adesso i miei barattoli stanno riposando in cantina, ma non vedo l’ora di aprirli per provare la marmellata di arance con il pane tostato o su una bella crostata. Non vi resta che andare a comprare le arance e dedicare il vostro tempo alle marmellate.

Buona Sweet therapy a tutti!!! 🙂

Vi ricordo che potete stampare o salvare la ricetta della marmellata di arance cliccando sull’icona “Print Friendly”.
Print Friendly, PDF & Email