Canederli di barbabietola su fonduta di zola con salvia croccante

Dal bisogno di riciclare il pane avanzato ad un piatto super prelibato!

 

 

Quando si parla di barbabietola, molte persone storcono il naso e devo ammetere che anni fa era così anche per me! Poi qualcuno mi disse “Tieni i tuoi amici vicini e i tuoi nemici ancor più vicini” e rielaborando questa teoria a modo mio, ho cominciato ad avvicinarmi agli ingredienti chiave di questo piatto: barbabietola e gorgonzola! Anni fa odiavo entrambi, ora non ne posso più fare a meno! Il gorgonzola d’altronde o lo si odia o lo si ama! E la barbabietola non è da meno. Oggi la mangio molto spesso ed oltre ad avere un colore che adoro e che contagia ogni piatto nel quale è presente, è davvero molto gustosa! Mi piace abbinarla soprattutto ai formaggi, quelli belli saporiti come il taleggio (visto QUI ) ma anche sotto forma di crema, come abbiamo visto in questa ricetta oppure anche qui!

In questa ricetta, l’ho trasformata in canederli, quei gustosi gnocchetti di pane, una specialità tipica tirolese, che mi ritrovo a fare quando ho un bel po’ di pane raffermo in casa!  Della serie: la necessità aguzza l’ingegno! Provateli anche voi, sono davvero squisiti!


Ingredienti per 2 persone

 

Per i canederli:

Pane raffermo 150 gr

Latte 150 ml

Uova 1

Barbabietola 150 gr

Sale q.b.

Pepe nero q.b.

Noce moscata q.b.

Formaggio grattugiato 20 gr

Farina 1 cucchiaio

Per il condimento:

Gorgonzola 100 gr

Latte 20 ml

Pepe nero q.b.

Salvia qualche fogliolina

Olio per friggere q.b.


Ridurre la barbabietola in purea con il mixer.

Tagliare il pane in pezzetti di piccoli dimensioni e metterlo in ammollo nel latte per almeno 20 minuti, poi strizzarlo bene e mettere il pane in una ciotola.

Aggiungere il sale, pepe, noce moscata, l’uovo, la farina, il formaggio grattugiato e la purea di barbabietola.

Mescolare bene fino a quando gli ingredienti saranno ben amalgamati.

A questo punto, con le mani inumidite, iniziare a formare i canederli e disporli su un piano coperto di carta forno. Farli riposare per circa 30 minuti.

Nel frattempo mettere a bollire abbondante acqua salata.

A parte, friggere le foglioline di salvia nell’olio bollente.

In un altro pentolino, sciogliere il gorgonzola nei 20 ml di latte.

Quando l’acqua bolle, tuffarci i canederli e abbassare il fuoco. Cuocere quindi per circa 10 minuti, scolarli con la schiumarola e servirli sulla fonduta di zola, guarnendo con la salvia fritta.

Buon appetito!

(Visited 203 times, 1 visits today)
Precedente Flan di asparagi con uovo in camicia su fonduta di parmigiano e crumble di taralli e mandorle aromatizzato al pepe rosa e timo Successivo Scaloppine di vitello al curry