Filetti di baccalà con peperoni e olive

Filetti di baccalà con peperoni e olive

Filetti di baccalà con peperoni e olive

Anche nelle abitudini alimentari ci sono mode, richiami ed esagerazioni in ogni senso. Personalmente e nella mia famiglia abbiamo sempre seguito l’ autentica tradizione mediterranea con quelle piccole variazioni che, senza alterare i sapori originari rendono alcuni piatti più leggeri o più facili da eseguire. Fare una buona cucina, infatti, non significa innovazione a tutti costi, ne’ vuol dire strabiliare con accostamenti improbabili , manipolazioni eccessive, pasticciacci complicati, ingredienti strani ed esotici a tutti i costi.
La buona cucina, a mio avviso, non solo pensa alla salute dei commensali evitando tutte le esagerazioni, ma rispetta i sapori naturali degli ingredienti senza camuffarli.

Una volta il baccalà era considerato un cibo povero, una sorta di ripiego per chi non poteva permettersi il pesce fresco, tanto che i napoletani usavano dire ” il baccalà pure e’ pesce “.
Da un po’ di tempo è stato riscoperto ed anche il sano, antico e buonissimo baccalà sta seguendo la moda; a quanto ho constatato girando sul Web, viene utilizzato in numerose ricette veramente strane, con l’ aggiunta di prodotti del tutto estranei alla nostra cultura alimentare ed i risultati sembrano destinati sicuramente a strabiliare i commensali, ma non sono certa che potranno salvarne lo stomaco.
Gli eccentrici però saranno appagati quando, a posteriori, potranno riempirsi la bocca con quei nomi strani, insieme a quello del ristorante ” alla moda” che ha svuotato i loro portafogli!
Veramente a me il baccalà è sempre piaciuto, oggi come in passato, indipendentemente da costi e mode e oggi l’ ho semplicemente abbinato a peperoni nostrani freschi e polposi ed alle olive nere!
Morale della storia: fare una buona cucina, non significa innovazione a tutti costi, ne’ vuol dire strabiliare con accostamenti improbabili , manipolazioni eccessive, pasticciacci complicati, ingredienti strani ed esotici a tutti i costi.
Con questo piatto ho ottenuto un risultato davvero eccellente evitando ogni esagerazione e rispettando i sapori naturali degli ingredienti senza camuffarli !

image

Ingredienti:
Kg. 1 baccalà ammollato
N. 2 o 3 peperoni rotondi e polposi
Una decina di pomodorini freschi
Una decina di olive nere dolci
Un peperoncino piccante
Gr. 150 olio evo
Una costina di sedano
Uno scalogno
Uno spicchio di aglio
Un ciuffetto di prezzemolo

image
Procedimento:

Armarsi di pazienza e liberare il baccalà dalla pelle e, con delicatezza, anche dalle spine. Sciacquarlo sotto acqua corrente e farlo asciugare su un quadruplo strato di carta assorbente.
In un tegame a fondo largo, soffriggere lentamente nell’ olio evo, lo scalogno affettato sottilmente, il peperoncino sminuzzato, lo spicchio di aglio intero e la costina di sedano tagliuzzata.
Quando il soffritto sarà diventato morbido, aggiungere i peperoni lavati, asciugati e tagliati a pezzettoni e dopo qualche minuto le olive nere. Quando i peperoni risulteranno quasi cotti unire i pomodorini tagliuzzati, lasciare cuocere a fuoco lento per una decina di minuti circa e per ultimo unire il baccalà e cospargere il tutto con il prezzemolo tritato. Continuare la cottura per altri dieci minuti, rigirare con delicatezza, eliminare l’aglio, assaggiare, aggiustare di sale con molta moderazione perché spesso il baccalà conserva il sale dell’ essiccazione e spegnere il fornello. Servire, volendo, con crostini di pane passati nell’ olio e rosolati a fuoco vivo in una padella antiaderente.