Plumcake allo yogurt con le pesche

Oggi un dolce buonissimo e leggero, il plumcake allo yogurt con le pesche. E’ da quando la pesca ha fatto capolino sui scaffali del fruttivendolo che avevo la voglia matta di fare un dolce con le pesche, e, finalmente è arrivato il momento. La scelta di farne uno leggero non è casuale, alcuni accertamenti medici mi costringono a eliminare alcuni ingredienti e di conseguenza mangiare cibi leggeri. Ecco che questa ricetta posso definirla quasi ligth, burro quasi zero, uova ridotte al minimo indispensabile e tanta frutta che la fa da padrona. Anzi non solo la fa da padrona,  rende il dolce leggero morbido, tanto che quando lo assaggi ti sembra di aver mangiato solo frutta.

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    35 minuti
  • Porzioni:
    8 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 2 pesche gialle
  • 90 g di farina 00
  • 80 g di burro
  • 70 g di zucchero
  • 1 uovo intero
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 125 g di yogurt
  • 8 g di lievito per dolci
  • 1 limone bio
  • 1 pizzico di sale

Preparazione

  1. Fare fondere il burro e lasciarlo intiepidire.
    Pulire le pesche e tagliare una a pezzetti e una a fette.
    Montare l’uovo il tuorlo con lo zucchero fino a che diventi una massa spumosa.
    Incorporare il burro fuso, quindi la farina setacciata con il lievito alternandola con lo yogurt e il pizzico di sale.
    Aggiungere la scorza di limone grattugiata e la pesca a pezzetti.
    Versare l’impasto nello stampo, foderato con carta forno, livellarlo e mettere sopra la pesca a fettine, quindi cuocere in forno caldo a 180° per 35 minuti circa, fa fede la prova stecchino.
    Sformare e quando è freddo mettere sopra lo zucchero a velo

Note

Buonissimo e leggero, si conserva benissimo per 3 o 4 giorni, sempre se dura. Io ho usato yogurt magro , ma va benissimo anche quello intero.

Ricetta presa dal giornalino Da noi dell’Esselunga

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Petto di pollo in salsa tonnata allo yogurt Successivo Pollo in fricassea per Quanti modi di fare e rifare

Lascia un commento

*