#GiornataMondialeDelLibro: i miei 5 libri di cucina che non possono mancare nella vostra

Pubblicato il 23 Apr 2015 - 4:43pm da Sonia Peronaci

Se li abbiamo presi, ci sarà un motivo, no?

Così mi sono detta da piccola di fronte alla grande libreria di casa. E così è iniziato il mio grande amore per la lettura.  La Giornata Mondiale del Libro mi ha fatto ricordare quel candore ingenuo tipico dei bambini con cui ho scoperto la bellezza di perdermi in tanti mondi diversi senza muovere un passo dal pianerottolo, semplicemente girando una pagina dopo l’altra.

Il tempo è passato e la passione per i libri e i loro mondi nascosti è cresciuta insieme a me, subendo tutti quei cambiamenti che ci accompagnano attraverso le varie fasi della vita. Ad esempio da piccola la storia non mi andava proprio giù, ora non solo sono un’appassionata di documentari e libri storici, ma mi sono anche fatta rapire dal fascino degli antichi egizi!

Poi sono nate le “bimbe” (concedetemi le virgolette, ora sono delle Piccole Donne) e a quel punto è giunto il momento di fare ciò che mia madre aveva fatto con me ai tempi della grande libreria di casa: trasmettergli l’amore per la lettura. Difficile? Non saprei. Leggere è sempre stato naturale per me e con la stessa naturalezza le ho abituate ad avere in mano un libro sin da bambine, un po’ per imitazione diciamo. Il resto – cioè l’appassionarsi ad una storia e ritagliarsi un momento per isolarsi con il naso tra le pagine – è venuto da sé.

Il cambio epocale, poi,  è arrivato quando ho fondato Giallozafferano e cucinare è diventato il mio lavoro. Ora ho ancora una grande libreria – per grande intendo un mega scaffale che occupa un’intera parete della redazione da cima a fondo – solo che è piena zeppa di volumi di cucina, pasticceria etc.  E in questo post voglio proprio riassumere i 5 libri di cucina che, secondo me, è bello consultare tra una mestolata e l’altra 😉

libri blog

  • “Il Grande libro dei cuochi – Tecniche e ricette nella scuola di cucina dei più grandi chef del mondo” di Gualtiero Marchesi. Questo, come spesso dico ironicamente, è il volume che tutte le massaie alle prime armi dovrebbero avere nella propria cucina. Qui dentro sono spiegate tecniche, cotture, tagli…insomma si tratta di una vera e propria scuola di cucina che comprende anche le ricette di molte preparazioni base dei più grandi chef del mondo a portata di cuochi alle prime armi!
  • “Tradizione in evoluzione – Arte e scienza in pasticceria di Leonardo Di Carlo”. Quando ho un dubbio tecnico su una preparazione, la giusta temperatura di un composto o un procedimento su dolci e dessert, beh, corro a consultare “il Di Carlo”, come ormai lo chiamiamo a Giallo. Perché mi piace? In un unico volume è concentrato tutto ciò che serve sapere sulla pasticceria!
  • “Patisserie!” di Christophe Felder. Non è più un segreto che sia una patita di dolci, quindi non stupitevi se inserisco in lista un altro libro sulla pasticceria. Vi sembrerà assurdo, ma la mia stima per Felder e il suo libro deriva dal fatto che…le sue ricette riescono perfettamente. La promessa di questo grande maestro di pasticceria viene mantenuta fino all’ultima pagina, quindi chapeau!
  • “Super Gâteaux – Qui sera le plus gourmand?” di Marabout. Eh sì, anche l’occhio vuole la sua parte. Che si tratti di dolci o piatti salati, ora non si guarda più solo alla sostanza, ma anche all’apparenza. Devo ammettere che, in effetti, una bella foto di un piatto, stimola ancora di più l’appetito e la voglia di mettersi alla prova quindi…se siete in cerca di ispirazione, questo è il libro giusto!
  • “Non ho tempo per cucinare! – ricette per il turbinio della vita moderna” di Donna Hay. Questo libro per me è stata quasi una piccola Bibbia quando ho iniziato a preparare le prime ricette per Giallo. La adoro perché cucina da sempre piatti leggeri, ma completi e con le sue foto fa venire subito voglia di mangiarli. Quindi se anche voi avete voglia di lanciarvi nel magico mondo del food, lei è una grande fonte di ispirazione che arriva dall’altro emisfero (Australia).

Mi piacerebbe aggiungerne altri alla lista – confesso che è stata un’impresa titanica essere sintetica – come ad esempio il libro dei nodi. Penserete che sono impazzita e invece mi è tornato davvero utile per…intrecciare a regola d’arte il pane! La regola che vale per tutti i tipi di libri, a partire dalle biografie, passando per quelli sulle piramidi, e concludendo con i manuali di fai-da-te, è una sola: non mollo l’osso fino a quando non ho finito di leggerli! Vale lo stesso per voi? Buona Giornata Mondiale del Libro 😉

Firma pera

 

Sonia Peronaci
Innamorata della cucina in tutte le sue forme, ho fatto di questa passione un lavoro creando GialloZafferano, ho condotto una trasmissione su Fox-Life e ogni tanto mi diverto a pubblicare dei libri di cucina.
Nella mia vita, 3 figlie, un compagno, 2 simpaticissimi e rumorosissimi pincher, oltre a una ventina di ragazzi in redazione a Giallozafferano.

1 Commento fino ad adesso. Perché non ti unisci alla conversazione?

  1. annalisa giugno 25, 2015 at 7:07 pm -

    Caspita Sonia ..ne ho solo 2 su 3, dovrò rimediare seguendo le tue preziose indicazioni! Grazie e se posso un abbraccio ancora ricordando il nostro incontro nella cucina di Giallo!!!!