Cavatelli con la cicerchia “rascatielli ca cicercula”

 

I ” Cavatellini con la cicerchia è un primo piatto classico della cucina materana.

La cicerchia è un legume antichissimo che nasce da una pianta erbacea,  si caratterizza per il suo gusto particolare simile sia al cece che alla fava. Buonissimo …. 🙂

Cavatelli con la cicerchia “rascatielli ca cicercula”

Ricetta ” Cavatelli con la cicerchia “rascatielli ca cicercula”

Ingredienti ( per 4 persone )

  • 400 gr di cavatellini
  • 300 gr di cicerchie
  • 4 pomodori pelati
  • 2 foglie di alloro
  • 1 aglio
  • 1 cipolla
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • Olio Santo o pepe q.b.
  • sale q.b.

Raccogliete le cicerchie in una ciotola e sotto l’acqua corrente pulitele da eventuali residui di polvere. Mettetele a bagno in acqua tiepida salata per 12 ore circa.

Cavatelli con la cicerchia
Cavatelli con la cicerchia

Preparate i cavatelli ( a due dita sono perfetti con i legumi )

Cavatelli con la cicerchia
Cavatelli con la cicerchia

Trascorso questo tempo, riprendete le cicerchie, scolatele e fatele cuocere in una casseruola ( se di coccio è meglio ), in acqua salata,

Cavatelli con la cicerchia
Cavatelli con la cicerchia

con l’ alloro e l’aglio ( facoltativo ), fino a che saranno cotte. Una volta pronte, scolatele e mettetele da parte

Cavatelli con la cicerchia
Cavatelli con la cicerchia

e conservate un bicchiere di acqua di cottura delle stesse. In una padella soffriggete la cipolla, aggiungete i pomodori a pezzettini e una foglia di alloro

Cavatelli con la cicerchia
Cavatelli con la cicerchia

e cuocete per un quarto d’ora circa e salate. Aggiungete le cicerchie al pomodoro,

Cavatelli con la cicerchia
Cavatelli con la cicerchia

mescolate ed aggiungete l’acqua che avete tenuto da parte e cuocete per altri 5 minuti circa. Cuocete i cavatellini in abbondante acqua salata. Scolateli ed aggiungeteli al sugo di cicerchie,che nel frattempo si sarà ristretto, mescolate bene, impiattate, spolverate con il pepe nero o con un filino di olio santo

servite subito ….. e ” Buon appetito ”

Cavatelli con la cicerchia “rascatielli ca cicercula”

 
Precedente Trofie con melanzane Successivo Stella di Pan Brioche con Nutella

35 thoughts on “Cavatelli con la cicerchia “rascatielli ca cicercula”

  1. artù il said:

    sono magnifici i tuoi cavatelli!!! la ricetta è perfetta per questa stagione, non so se troverò facilmente la cicerchia!!

    • Nadina il said:

      Grazie 🙂 I cavatelli e le orecchiette si preparavano ogni domenica a casa mia. Mia nonna era una maga a farli. Non sono ancora bravissima come lei ma … l’esperienza mi aiuterà a migliorare 🙂

    • Nadina il said:

      … beh Eva … proprio tutto no. 😉 Si vede che non pubblicavo una ricetta da un mese. Diciamo che in questo momento vado a priorità. Ci vediamo presto …

  2. Conosco le cicerchie e le ho mangiate proprio a Maratea:-) Mi piacciono molto i legumi in generale e questi in aprticolare, sanno di antico di una volta!! Grazie per averle riproposte!!! Un bacione

  3. 2 Amiche in Cucina il said:

    la cicerchia si trova anche qui in Umbria, se ne fanno zuppe, mi piace questa ricetta con i cavatelli, da provare, un bacio

  4. I piatti autunnali devono essere caldi perché devono dare conforto e coccolare. E questo piattino è veramente stra-buono.
    Buona domenica.
    PS. Ti aspettiamo per il nostro contest. 🙂

  5. I tuoi piatti sono sempre quelli che vorrei mangiare alla prima cena… qualche giorno fa ho comprato delle cicerchie senza pellicina… di quanto cambia il tempo di ammollo??

    • Nadina il said:

      Ciao 🙂
      io penso e … mi sono anche confrontata con la mamma … che i tempi siano li stessi. Fammi sapere se ti è piaciuta. Nady

  6. donaflor il said:

    ciao cara…eccome se mi piace la cicerchia! questo è un tipico piatto che preparava spesso la mia mamma…quanti ricordi!
    che coccole che sono le ricette della tradizione! bravissima!
    un bacione

  7. Proprio ieri mio nipote mi diceva: “Azzì… devi da fa ‘a cicerchia”!! E va bè mi informerò per farla bene. E tu arrivi ben bene in aiuto. Io non l’ho mai cucinata. Se poi riesco pure a tirar fuori quei cavatelli meravigliosi, che io adoro con le minestre… sto a cavallo. Gran bella ricetta Nanà!!

Lascia un commento

*