Risotto alle fave, formaggio Casera e mandorle tostate

Dopo aver raccolto le fave cosa si fa? Ci si diverte in cucina ūüėČ E’ iniziata la stagione dei baccelli, finite le fave sono iniziati anche i piselli.

Ho preparo un risotto alle fave, formaggio Casera (ne avevo ancora un po’ dal viaggio a Livigno) e mandorle tostate. Buonissimo! Ovviamente il formaggio Casera non si trova facilmente in tutte le zone di Italia perci√≤ potete sostituirlo con un qualunque formaggio delicato non stagionato, o ancora con della¬†ricotta salata. O semplicemente potete mantecare il risotto con del parmigiano o del pecorino. Io ho fatto delle scaglie di formaggio e le ho adagiate sul risotto caldo, in modo che pian piano questo si sciogliesse.

risotto alle fave

E’ un primo piatto di stagione semplice da realizzare ma di grande effetto, le fave sono buonissime e ricche di ferro, proteine e a basso contenuto calorico. Per sapere come pulirle al meglio e per scoprire le caratteristiche principali leggete qui¬†in questo articolo!

 

‚ąö MEDIO¬†

‚ąö PREPARAZIONE 20 minuti¬†

‚ąö COTTURA 20¬†minuti

‚ąö¬†DOSE¬†per 4¬†persone

 

RISOTTO ALLE FAVE, FORMAGGIO CASERA E MANDORLE TOSTATE

INGREDIENTI

  • 320g di riso carnaroli
  • 2 scalogni
  • 200g di fave pulite
  • 50g di formaggio Casera (o altro formaggio delicato tipo fontina o¬†parmigiano grattugiato o pecorino grattugiato)
  • 80g di mandorle con la pelle
  • brodo vegetale q.b.
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 noce di burro
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • pepe

risotto alle fave

PROCEDIMENTO

  1. Preparate il brodo vegetale se non l’avete gi√† pronto. In un pentolone pieno d’acqua mettete una carota, un gambo di sedano, una cipolla e una foglia di alloro. Portate ad ebollizione e lasciate poi cuocere a fuoco basso per circa un’ora. Regolate di sale e filtrate
  2. Tostate le mandorle: disponetele su una teglia rivestita di carta forno e infornatele a 200 gradi (in forno gi√† caldo) per circa 10 minuti, controllando che non si brucino. Lasciatele poi raffreddare e tritatele grossolanamente. La tostatura, oltre a dare pi√Ļ croccantezza, dar√† un profumo fantastico al piatto, oltre che a dare un sapore pi√Ļ gradevole al frutto
  3. Ora occorre pulire le fave, privandole del baccello ed eliminando la pellicina attorno ad ogni seme. Per maggiori dettagli sulla pulizia delle fave leggete¬†qui¬†. Una volta pulite, tritate uno scalogno e fatelo appassire in un tegamino con un filo d’olio. Rosolatevi le fave qualche secondo, aggiungete un mestolo di brodo vegetale e dopo 5 minuti frullate in tutto per ottenere¬†una crema (aggiungete brodo se necessario)
  4. Soffriggete l’altro scalogno in una padella con l’olio, tostatevi il riso qualche minuto poi sfumatelo con il vino bianco. Una volta evaporato, coprite con brodo vegetale, aggiungendone mano a mano che verr√† assorbito
  5. A metà cottura, aggiungete la crema di fave e mescolate. Portate a completa cottura il riso aggiungendo il brodo poco alla volta e al bisogno. Per un risotto mediamente ci vogliono dai 15 ai 18 minuti
  6. Una volta cotto, mantecate con una noce di burro
  7. Servite nei piatti e subito adagiatevi sopra le scaglie di formaggio in modo che si sciolgano (nel caso abbiate optato per il parmigiano / pecorino, uniteli in fase di mantecatura con in burro) . Decorate il risotto alle fave con le mandorle tostate. Buon appetito!



    risotto alle fave risotto alle fave

Precedente Dal mio orto: Fave Successivo Crostata frangipane al cacao, con pasta frolla integrale