Dal mio orto: Fave

FAMIGLIA E STAGIONALITA’

Fresche o essiccate, le fave appartengono alla famiglia delle verdure a seme, che comprende i legumi, ovvero tutti i semi commestibili racchiusi in baccelli, dotati di un alto contenuto proteico e ricchi di sali minerali, carboidrati e vitamine del gruppo B. In essi è presente un importante aminoacido essenziale, la lisina.

Sono di stagione in aprile e maggio.

PROPRIETÀ BENEFICHE

Sono ricche di ferro, potassio, magnesio, rame, selenio e vitamine, soprattutto acido ascorbico. Purtroppo la maggior parte di questi sali minerali e vitamine vengono persi con la cottura.

Svolgono un’azione ricostituente, remineralizzante depurativa e tonica sull’organismo.

Hanno un alto contenuto di proteine, tant’è che venivano considerate in passato “la carne dei poveri”. Per questo motivo sono ottime per integrare l’alimentazione di vegani e vegetariani.

Tra i legumi si distinguono come i meno calorici (70kcal / 100g).

COME SI PULISCONO LE FAVE

  1. Sgranate le fave, aprendo il baccello a metà ed estraendo i semi.fave
  2. Eliminate poi dai semi la cuticola esterna, più dura ed amara. Per facilitare questa operazione, consiglio di scottare appena le fave in acqua bollente (1 minuto massimo), scolarle, raffreddarle ed eliminare appunto la pellicina esterna per poi estrarne il seme, come si vede in questo video:
  3. Ora potete cucinarle oppure conservarle in frigorifero così sgusciate per circa 3 giorni, oppure ancora surgelarle e conservarle in freezer

    fave

LE MIE RICETTE
CONTROINDICAZIONI

Attenzione: in alcuni soggetti sensibili e predisposti il consumo di fave può scatenare una reazione allergica che nei casi più gravi può indurre al coma. Le allergie sono provocate dal consumo a crudo solitamente.

 

FONTI

http://www.my-personaltrainer.it/benessere/fave.html

Il Montersino

Ci piace cucinare

 

Precedente Riso mele e gamberi - Black and white Successivo Risotto alle fave, formaggio Casera e mandorle tostate