Crema di lattuga, come preparare una gustosa minestra calda

Ciao amici, oggi vi propongo un modo diverso per gustare l’insalata, non come contorno ma come primo piatto! Una crema di lattuga da servire con crostini croccanti.

Crema di lattuga

Ieri ho passato un piacevole pomeriggio in campagna, il nostro orto ricomincia a prendere forma, non vedo l’ora di poter cucinare ogni giorno con le nostre verdure fresche e biologiche! Adoro questo periodo dell’anno, con le prime semenze, i primi raccolti e i profumi aromatici delle erbe. Ieri abbiamo raccolto tutta l’insalata dalla serra e non sapendo cosa farne ho pensato di sperimentare una minestra con i cuori di lattuga, anche se lo ammetto.. ero molto scettica! E invece il risultato è stato inaspettatamente favoloso, questa crema di lattuga è venuta buonissima, la ripeterò presto! E poi diciamolo, è economica! L’ho accompagnata con crostini di pane croccante, fatto in casa con farina biologica di tipo 2 e semi di papavero.

Vi lascio la ricetta, provare per credere, non vi aspetterete un piatto così gustoso!

 

CREMA DI LATTUGA

INGREDIENTI:

  • 250g circa di cuori di lattuga freschi
  • 2 patate
  • 1 porro
  • brodo vegetale
  • olio evo
  • sale e pepe

 

PROCEDIMENTO:

  1. Come per tutte le vellutate/creme, occorre per prima cosa preparare il brodo vegetale se non lo avete già pronto
  2. Lavate e strizzate la lattuga e tagliatela a striscioline. Pelate anche le patate, lavatele e tagliatele a fettine sottili
  3. In una pentola da minestra fate appassire un porro tagliato a rondelle con un goccio di olio EVO
  4. Dopo qualche minuto aggiungete i cuori di lattuga tagliati e le patate e coprite con il brodo. Basterà giusto coprire le verdure, la lattuga rilascerà comunque acqua e se occorrerà potrete aggiungerlo durante la cottura. Lasciate cuocere per circa 30 minuti a fuoco basso o comunque finché non saranno cotte le patate, che hanno un tempo di cottura più lungo rispetto alla lattuga
  5. Passate il tutto con un frullatore ad immersione, aggiungete brodo se necessario. Salate e pepate a piacimento
  6. Servite con una manciata di crostini croccanti e un filo di olio EVO a crudo. Buon appetito!

Precedente Garganelli rucola e speck Successivo Mela Val Venosta, fra tradizione e innovazione