Sugo al tonno

1

Semplice, veloce, gustoso. Se avete fretta è un piatto unico che sazia e non appesantisce la digestione. Ho letto in un allegato televisivo che il tonno era già molto apprezzato dagli Etruschi, che fornisce i grassi Omega 3, sostanze che aiutano il corpo a regolare la pressione arteriosa, contribuiscono a prevenire il diabete e l’insorgenza di dolori causati dall’artrite.              Ehi !!!   Se siete un po’ acciaccati correte a cucinare il sugo di tonno !!!!   😉   Se non lo siete, “prevenire è meglio che curare”…..

                      Ingredienti per due persone : 250-300 gr di polpa di pomodoro (mezza lattina) , 1 spicchio di aglio,  2 cipolline tipo scalogno, un’acciuga sott’olio (o sotto sale…) olio oliva, 2 scatolette piccole ( o una grande) di tonno in scatola ; 200 gr di pasta se siete dei mangioni, altrimenti 150 gr. ;  . sale q.b.

Facoltativo : un pizzico di peperoncino, capperi sotto sale, olive, prezzemolo tritato fine a fine cottura.

3

Mettete un cucchiaino di olio e fate appassire le cipolle tagliate a rondelle e l’aglio, che toglierete dopo pochi minuti : basterà per aromatizzare il tutto.

4

Aggiungete il tonno e le acciughe : servono ad esaltare (così come nel sugo alle vongole) l’aroma e il gusto del sugo

5

                                                       mescolando bene.

p1060053

 Amalgamate nel sugo la polpa di pomodoro e lasciare cuocere lentamente 10-15 minuti.

2

Nel frattempo cuocete la pasta e mescolate il tutto. Che bontà !!!! In genere è un sugo consigliato per la pasta “lunga” : vi assicuro che anche con quella corta è

 b u o n i s s i m o !!!

Pubblicato in primi piatti | Lascia un commento

Ricette della Nonna

Finalmente un libro di ricette bello da leggersi e da seguire passo passo… Come al solito quando vado in libreria, non compro più libri sentimentali ma avventurosi libri di ricette. Con l’avvento della tecnologia in molti pensano siano soldi spesi inutilmente : navigando con il PC si trovano milioni di consigli per tutti usi e gusti. Non so se siano gli “anta” o la soddisfazione che provo sfogliando un testo, ma i libri rimangono per me un tesoro unico e irripetibile.

     Non mancano le delusioni : in testi sfavillanti e con immagini paradisiache, le ricette sono poi delle “ciofeche” ; a volte ci sono torte senza burro, senza uova, che poi si sono rivelate immangiabili : nelle ultime settimane ne ho buttate 2.  Deludente. Ho scoperto in libreria (Lido degli Estensi, – Feltrinelli, nello scaffale delle offerte, che è sempre molto aggiornato ed il personale gentile e disponibile )

lib

questo testo,  479 pagine , che mi ha incuriosito…. Ricette e  indicazioni  sono tratte da vari volumi editi  “Giunti”  : è un libro da leggere, gustare e provare non soltanto da esperti di  settore, ma anche dalla più frettolosa delle cuoche.

Sommario : Crostini e bruschette;  Polpettine e piccole fritture; Stuzzichini; Paste asciutte; Pasta fresca e ripiena; Risi asciutti; Minestre, zuppe e polenta;  Pesce : mare, molluschi e crostacei, pesci d’acqua dolce; le portate di carne : arrosti, umidi e brasati, fritture, selvaggina, uova, sformati e torte salate….; focacce; patate; funghi; torte; conserve; fritture; marmellate; liquori, creme………. e via via tante altre,

p1060060

Ci sono racconti e ricordi in cui mi rispecchio e non … ma sorrido….…..  

     Ricordo che da bambina guardavo mia madre con la forchetta in mano che sbatteva la maionese mentre la nonna faceva cadere l’olio a filo nella tazza… Puntualmente la maionese impazziva e diventava simile alla ricotta….   😉     Mamma non era una cuoca esperta : era nonna che teneva tutto sotto controllo, ovvero “il mestolo in mano”. Le riusciva sempre tutto, e se qualcuno osava affermare il contrario si beccava una “pentolata sul groppone”  …. !!!!

p1060061

p1060062

p1060063

     Consigliate per quattro persone, in realtà le quantità sono un po’ abbondanti e a volte le diminuisco : la scelta degli ingredienti è molto spesso uguale a quelli che utilizzo quotidianamente, come nel caso dei tortelli di patate. Non mancano ricette d’epoca, come il fagiano alla Gabriele d’Annunzio o il vitello alla romantica.

2

     Rileggendo ciò che ho scritto sembra un libro riservato alle vecchiette : non è vero. Le ragazze più giovani troveranno consigli utili per gli acquisti senza passare dalla pubblicità televisiva, come cucinare velocemente senza lambiccarsi il cervello, stanco dopo una giornata di lavoro. Con una scatoletta di tonno o poco più, un pezzettino di prosciutto cotto, mozzarella e 2 olive, si può scegliere tra pastasciutta o un paio di polpette veloci e gustose.

     Magari saranno indicazioni riposte in qualche parte nella nostra mente che sappiamo già : il pregio di questo testo è che sono tutte elencate insieme, semplici, a portata di mano,  e non divise in più volumetti dimenticati sullo scaffale.  “Ma sì” : è stato un acquisto buono e da gustarmi a poco a poco, spaziando con la mente nel tempo passato e nel presente con un pizzico di gioia e nostalgia, da ricordare quando il frigorifero “piange” vuoto e sconsolato; oppure quando è pieno di alimenti che non so come utilizzare tutti insieme   😉 e che rischiano di invecchiare anzitempo, o  da utilizzare nei periodi di festa per  pranzi e  cene importanti, quando voglio stupire rispettando gusto e tradizione.

Da regalarsi o regalare, conviene spendere qualche euro ….  😉

1

Pubblicato in Leggiamo un po'.... | Lascia un commento

Foto e ricette copiate

Con gli “anta” sono diventata polemica, e so che c’è di peggio, ma mi sono un po’ stancata di venire copiata e che la gente sfrutti le mie foto e le spacci per sue.

Mi hanno copiato totalmente il

Dolce Amore

 

1-2

Stessa cosa con queste bomboniere da me fatte all’uncinetto, comparse miracolosamente   su un video a Napoli, dove un negozio la inseriva tra le sue produzioni.

Questa foto

zuppa

della mia zuppa inglese è comparsa su www.modenatoday.it  – Francesco Folloni, che ha  “giustamente” tagliato il mio nome. Grazie Francesco !

Che dire .  Ora sono troppo agitata per replicare. Da ora in avanti mi vedo costretta ad inserire fastidiose scritte  nelle foto con il mio nome scritto nel mezzo… anche se non soffro di megalomania e non mi piace. Altre volte non “ho registrato” mentalmente  copie in giro ner i vari blog… però ….. 🙁

                                                                                nonna Nadia

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Tortelli – ravioli di patate

1

Tortelliamoci !! Mitici tortelli di patate !!! Anche questo è un piatti tipico di molte regioni italiane. Un tempo venivano cucinati spessissimo : con 2-3 patate lesse “salta fuori” un piatto da re, e soprattutto piatto unico. Le patate infatti si prestano ad essere mescolate con molti ingredienti : dalla salciccia al semplice prezzemolo. Questa ricetta è tipica emiliana : semplice, con poche verdure che,  chi ha la fortuna di avere nell’orto, mescolate tra loro e confezionate in un “pessettino” di sfoglia, rallegrano il palato di tutta la famiglia. Stanca dei soliti tortelli, questa volta ho utilizzato degli stampini che ho trovato riordinando in un cassetto della cucina : a volte scopro attrezzi che non ricordo a cosa servono !!!!. Sopra la scatola c’è scritto “raviolatrice”, ma viste le dimensioni risultano proprio dei “ravioloni”. Bene bene, così economizzo i tempi !!! Sono ottimi cucinati in un po’ di “sugo matto” ( ragù con pomodori rossi o pelati  fatti saltare in cipolla e olio), ma a noi piacciono semplicemente con burro e alcune foglioline di salvia fresca.

Ingredienti per 2-3 persone, ovvero 55-60 ravioloni : E’ una di quelle ricette i cui ingredienti vanno “ad occhio” e con quello che si ha in casa. Servono infatti 2-3 patate a pasta bianca (circa mezzo kg) un ciuffo di prezzemolo sminuzzato finemente, 1 spicchio di aglio,  (togliete il filetto nel mezzo, che è amaro) 30-40 gr di parmigiano-reggiano, olio di oliva 1 cucchiaino da the, sale, un pizzico di noce moscata, Se non vi piace mettete il pepe, ma non lo consiglio : l’aroma della noce moscata è inimitabile. Alcuni mettono anche, sempre nel ripieno,  qualche foglia di basilico sminuzzato : io no…. lo digerisco il giorno dopo. La combinazione aglio-basilico per me è micidiale ……

una sfoglia con 3 etti di farina (270 gr. di 0 + 30 gr di semola di grano duro), 3 uova, 2-3 gocce di olio, così risulta bella elastica….

2

Lessare le patate e schiacciarle bene. Lasciare raffreddare. In un pentolino fate appassire il prezzemolo e l’aglio tritati finemente. Mettere il sale e impastare .
p1060011

Lasciare raffreddare. Unire  le patate

p1060012

il formaggio, la noce moscata e amalgamare bene.. Sarebbe bene fare riposare il tutto alcune ore, se non si ha fretta…..

p1060014

Spolverare con la farina la raviolatrice, appoggiare una lista di sfoglia pressando un po’ e mettete il ripieno.

p1060015 p1060016

Coprire con un’altra lista di sfoglia e pressare bene con l’aiuto del matterello.

p1060017

10

Ricordatevi di spolverizzare il vassoio con un po’ di farina, così non si attaccano. In pochi minuti la cena è confezionata !!!  Buoni buoni..buoni.. I frutti della terra non tradiscono mai. Lasciate seccare per 2-3 ore  : se avete fretta metteteli nel forno a freddo, ventilato e mezzo aperto. Basterà mezz’ora.

Ciao dieta !!!! Però ne mangerò pochi …. 😉

Pubblicato in Ricette tipiche reggiane | Lascia un commento

Brutti ma buoni con mandorle e amaretti

1

 

Coccoliamoci ! Con dei buoni biscottoni  e una tazzina di caffè la giornata trascorre veloce e serena. Chissà perchè adoro tutto ciò che è dolce : quando entro in libreria finisco immancabilmente vicino ai libri di cucina, vicino vicino a quelli con in copertina immagini di torte giganti,  cioccolatose e magnifiche che mai riuscirò a fare….   😉

(PS : quando fanno foto per i libri di ricette, quasi  MAI riprendono dolci appena fatti, sotto i riflettori si scioglierebbero. Sono riproduzioni “fedeli” in plastica  !!!)

Ingredienti per circa 20 biscottoni : gr 170 mandorle tostate con una noce di burro, 20-30  gr di amaretti (circa 8-9),  125 gr di zucchero fine, 2 albumi, mezzo cucchiaino raso di scorza di limone gratugiato non trattato.

2

Tritate grossolanamente le mandorle (io ho preferito triturarle abbastanza finemente, visto che li mangerà anche la mia nipotina, quindi ho poi dato un altro giro di tritatutto…)

e tostatele : in un pentolino, con il burro fatele dorare lentemente

3

 

4

Mettete tutto in una terrina, aggiungete gli amaretti, la scorza di limone, lo zucchero e

5

mescolate bene

6

Montate a neve gli albumi, aggiungendo 3-4  gocce di succo di limone e un pizzichino di sale fino, unendoli al composto cercando di amalgamare bene dall’alto verso il basso con una spatola o un cucchiaio . (non di acciaio !) .

7

8

Con l’impasto ottenuto fate delle palline, adagiandole magari su una teglia ricoperta da carta da forno.

Lasciate riposare coperte un’oretta circa.  Con i tempi di riposo e la cottura le palline si stendono e aumentano di volume : distanziatele bene.

Cuocere in forno caldo a 160° per circa 25-30 minuti, controllando la cottura. Nella teglia del forno ci staranno tutte  (sembreranno più dei dischetti   )   😉 , ma diventeranno abbastanza voluminose. Se preferite palline piccole, cuocete in due tempi. Prima di toglierle lasciare raffreddare.

Se gradite, servite i dolcetti spolverizzandoli con zucchero a velo.

 

Il libro d’Oro dei dolci

 

Pubblicato in Dolci e Dessert | Lascia un commento