Polpettone al forno (di carne avanzata)

1

     Passato un buon Natale ? Io e la mia famiglia ci siamo abbuffati a più non posso, e in attesa della classica dieta post festiva del 2017,  siamo in partenza per Andalo : festeggiamo i 39 anni di matrimonio  e la mia pensione : è la prima volta che non discuto per le ferie.   😉

     In attesa devo smaltire residui di cibo che non mi sento di buttare : il polpettone è il classico riciclo di noi nonne che viene sempre buonissimo, e mai uguale perchè in genere si utilizza la carne lessa in diverse proporzioni, e anche qualche fettina di arrosto che nessuno vuole più : nel mio caso coniglio, faraona, manzo, cappone …….

     Qui nel mio sito potete trovare anche diverse ricette di polpette, sempre buone e mai fuori moda …..

Ingredienti : circa 400 gr di carne passata al tritacarne, 300 gr di pane raffermo ricoperto di mezzo litro di latte e poi strizzato ben bene, sbriciolato e unito alla carne, 100 gr di prosciutto cotto e 200 gr di mozzarella tagliati a dadini, 130 gr di parmigiano reggiano, 1 spicchio di aglio tritato finemente, 1 ciuffo di prezzemolo, 3 uova, 2 albumi, farina, pangrattato, olio extra vergine di oliva, sale, pepe. Se piace : 2 cucchiai di uvetta, 40 gr pinoli.

Le foto di questa ricetta sono esattamente la metà degli ingredienti su elencati

da "Ricette della nonna" - Giunti  Demetra

2

Ecco qua la carne passata al tritacarne ed i diversi passaggi

3 4 5

Lasciare ammollare l’uvetta in acqua tiepida almeno mezz’ora e unirla all’impasto. Per legare il tutto utilizzare le uova e un albume, mescolando bene con le mani. Nel caso sia troppo morbido indurire con un po’ di pangrattato.

6

Mozzarella e prosciutto a dadini, che servono per farcire. (io non ho messo uvetta e pinoli)

7 8

Prendete la carta  da forno e metterci il polpettone, arrotolandolo e sagomandolo  : bisogna appiattirlo , mettere il ripieno al centro, e richiuderlo. Passarlo poi nella farina, lisciandolo bene.

Montare a neve l’albume rimasto e spennellare la superficie, in modo che possa crearsi una bella crosticina dorata.

11

Scaldare il forno a 180° e inserire la teglia antiaderente (se l’avete, quella da plum cake) e cuocere circa mezz’oretta. Si può servire sia caldo che freddo : in quest’ultimo caso le fette non si sbricioleranno. Io l’ho lasciato raffreddare, tagliato a fette e riscaldato 5 minuti. Ho anche messo nella teglia, prima di metterlo a cuocere in forno,  un goccino di brodo in modo che  non si secchi troppo.

Questa voce è stata pubblicata in Ricette tipiche reggiane. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*