Spaghetti alle vongole

1

Vongole vongole vongole ….  😉          Voglia di sole, voglia di mare

Sono sempre state la mia passione, ma a cucinarle sono veramente comica, per dirla tutta anche un po’ imbranata … …Evvabbè : non amo cucinare il pesce, ma “mi piace mangiarlo” ….  L’ultima frittura mista cucinata, l’ho digerita il giorno dopo. Ecco perchè non ve la racconto proprio ……

Con le vongole invece sono diventata cuoca perfetta : non è un piatto difficile da preparare; occorre procedere abbastanza velocemente e pensare un attimo per evitare che le vongole siano pronte e la pasta no … o viceversa ….Come per tante cose del mondo vale più la pratica della grammatica….

 La cosa che detesto è filtrare il “brodino” : stare in bilico con il colino rivestito di cotone per escludere l’eventuale sabbia è un’operazione che m’intriga la vena poetica culinaria ….   🙁

1 (2)

Ho proceduto così : Ingredienti per 2 persone – circa mezzo kg  di vongole (preferisco acquistare  quelle “più piccoline” : per me sono più saporite delle veraci, ma non le ho trovate) già spurgate e comprate fresche al supermercato, 2 etti abbondanti di spaghettini, 1 acciuga, olio oliva, prezzemolo tritato finemente, aglio tritato finemente con lo “schiacciaglio”, che è poi uno schiacciapatate in miniatura, da mettere alla fine….        Il pepe no : a noi non piace ….

2

Ho messo bollire l’acqua e buttato  gli spaghetti. In una pentola bassa e larga insieme ad 1  cucchiaino di olio ho adagiato le vongole, che hanno iniziato ad aprirsi e a produrre l’acquetta, che ho filtrato per togliere eventuali tracce di sabbia ….

3

Con un mescolino forato le ho tolte dal fuoco man mano che si aprivano, eliminando  anche qualche guscio

5

Ho rimesso nella pentola 1 cucchiaino di olio, “sbriciolata” dentro 1 acciuga, che esalta “meravigliosamente” il gusto delle vongole

4

riunito il sughetto e tutto il resto …. Il tocco finale è una bella spolverata con olio d’oliva e aglio : se non vi piace troppo l’aroma utilizzatene uno spicchio nella pentola quando schiudete le vongole, poi toglietelo. Se non volete mangiarlo temendo l’alito pesante, basta sgranocchiare a fine pasto  qualche chicco di caffè …….

Questa voce è stata pubblicata in pesce. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.