Tortellacci verdi con pancetta

1

E’ una domenica buia, fredda, nuvolosa, piovosa. Le ultime tracce di neve se ne stanno andando, lasciando pozze d’acqua nelle strade che sono piccole voragini sull’ asfalto. I prati sono intrisi d’acqua e nebbia…. Con questo clima tutto ciò che mi viene  in mente è preparare qualcosa di stuzzichevole che illumini la giornata  :  “Che cosa c’è di più bello di un bel piatto di tortellacci ? ” Qui da noi li chiamiamo anche  ” Caplètoùn ”  (capelettoni)

2

Ancora una volta voglio spadellare alla maniera dei nostri nonni, cucinare un bel piatto tradizionale, quelli delle nostre belle campagne emiliane bagnate dal grande fiume Po o dai piccoli o grandi canaloni d’acqua così numerosi e preziosi. E’ un classico piatto contadino che si cucina “a occhio” : bastano un po’ di spinaci, bietole, pancetta, pane amore e fantasia ……

Ingredienti (4 persone) per il ripieno : 4-5 cubetti di bietole + 4-5 cubetti di spinaci surgelati fatti lessare, strizzati e passati in una noce di lardo macinato (o burro)  ;  1 tazza di parmigiano-reggiano gratt., ; 1 cipolla tipo scalogno, 1 pizzico di rosmarino, 1/2 spicchio di aglio, 1 fetta di pancetta di circa 100 gr. tritati finemente e fatti stufare 5 minuti sul fuoco e sfumata con un goccio di vino bianco secco,  ; 1 tazzina di  pangrattato possibilmente fatto tostare in forno se il tutto risultasse troppo morbido (oppure gratugggiate soltanto la crosta del pane) ; un pizzico di noce moscata ; 1 uovo ; sale q.b..

Un tempo gli spinaci si facevano stufare in un corposo passato di lardo macinato : con l’avvento del colesterolo, diabete, trigliceridi, sovrappeso,  questa tradizione è stata quasi abbandonata : vi assicuro però che un cucchiaino di lardo non ha mai mandato nessuno “in cielo” . Se fosse un’abitudine avrei qualche dubbio, ma una volta ogni tanto è d’obbligo !!!   😉 Dà ai  ripieni  un gusto particolare e inimitabile …..

una sfoglia : 260 gr di farina 0 + 40 gr di semola di grano duro, 3 uova medie, 3 gocce di olio (che servono per mantenere la pasta elastica e facile da lavorare)

3 4 5

Unire tutti gli ingredienti (lasciati raffreddare bene) per il ripieno. Tirare la sfoglia e confezionare : volendo si possono confezionare anche i classici tortelli. Per farli seccare più velocemente li ho messi ” al vento” , ovvero in in vassoio in forno …ventilato, freddo e mezzo aperto per un’oretta

La tradizione vuole i tortellacci conditi in un manto di burro fuso e spolverati di parmigiano-reggiano , ma si sposano benissimo anche con panna da cucina o un buon ragù di carne

Questa voce è stata pubblicata in Ricette tipiche reggiane. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*