Tortelli verdi della Vigilia 2

 

 

Buoni …. buoni …. buoni…. in ogni occasione. Tradizionalmente alla Vigilia di Natale sono obbligatori e non possono mancare in ogni tavola …

  • Ingredienti
  • gr 800 circa tra spinaci e bietole lessati strizzati bene, e sminuzzati fini
  • 1 cipolla bianca grossa sminuzzata   (l’ho tagliata grossolanamente, perchè a noi piace così…)
  • 2 tazze di parmigiano reggiano grattugiato ( circa 250-300 gr)
  • 2-3 manciate di pane grattugiato, meglio se tostato
  • 2 pizzichi di noce moscata
  • sale q.b.
  • 3-4 cucchiai di lardo macinato  (o 5 cucchiai di olio d’oliva, 1 noce di burro)
  • 1 spicchio di aglio 

Una sfoglia formata da mezzo kg di farina ( 450 di 0 e 50 di semola di grano duro) e 5 uova : se mettete 3 gocce di olio d’oliva diventerà più elastica e facile da lavorare

 

 Ho fatto appassire la cipolla e l’aglio nel lardo

aggiunto gli spinaci e fatto rosolare un altro po’ : potete togliere l’aglio o lasciarlo, come “più vi piace” ….

amalgamato  formaggio, pane, un pizzico di sale e noce moscata.  

 

 

Una volta tagliato i tortelli ricordate di passare ai bordi la forchetta pressando leggermente

 

 

 Per farli asciugare alla svelta mettete il vassoio nel forno spento, ventilato e mezzo aperto (così “gira l’aria” ) per circa un’oretta (d’estate è sufficiente mezz’ora), poi se volete “fare scorta”,  in congelatore per 30-40  minuti : raccoglieteli, uniteli nei sacchettini, meglio un  un vassoietto e rimetteteli in congelatore.  Ho sempre pensato che andassero cotti, quindi buttati nell’acqua che bolle ( con sale e 1 cucchiaio di olio, così non si attaccano anche in molti mettono in dubbio questa convinzione) appena tolti dal freddo, invece è meglio aspettare una ventina di minuti poi preocedere : la temperatura dell’acqua non si abbassa repentinamente e “non si rompono” ……

 vi ricordo anche    http://blog.giallozafferano.it/sioranadia/2010/12/15/tortelli-della-vigilia/    che è la versione con la ricotta nel ripieno 

 

Questa voce è stata pubblicata in Ricette tipiche reggiane. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.