Panini dolci

…..ma non troppo …

 

Che buoni !!!  Sono semplicemente panini   dolci  ma non troppo che fanno iniziare bene la giornata,  indicati e ottimi accompagnati da latte o the. Non eccessivamente burrosi “non faranno neanche quasi rimordere la coscienza” …..   Adoro tutte le paste lievitate dolci o salate : ciò che smorza il mio entusiasmo culinario sono i lunghi tempi di lievitazione ed il lievito di birra, che proprio non voglio utilizzare perchè non ne sopporto  “l’aroma”.  Stavolta però  “c’ho beccato” e vi trasmetto volentieri questa ricetta, fatta totalmente senza fatica  con la planetaria e  il frigorifero …..

Ingredienti

  • g 250 farina manitoba (quella per pizza)
  • g 250 farina 00

poi       

  • g 100  zucchero semolato  fine
  • g 70 burro freddo
  • un pizzico di sale
  • g 5 lievito di birra (praticamente la quinta parte di un cubetto da 25 g)
  • g 170 latte freddo
  • 2 uova
  • qualche goccia di aroma al rhum, vanillina, limone
  • 1 tuorlo con un cucchiaino di latte sbattuto insieme;   un po’ di zucchero semolato fine e a granella per la decorazione finale

Procedimento : Dopo cena ho fatto  sciogliere il lievito di birra in un mezzo bicchiere di latte ed un cucchiaino di zucchero   

Nella planetaria ho messo  farine,  zucchero e il  lievito sciolto,  ed  iniziato a lavorare l’impasto

per circa 30 -35 minuti aggiungendo man mano le uova – una alla volta, sciolto il pizzico di sale nel latte (freddo) rimanente , il burro   amalgamato sempre gli ingredienti a velocità minima – media.

Pian piano l’inmpasto si  è staccato da solo dalla ciotola : a volte  si aggrovigliava troppo quindi gli davo un aiutino fermando e staccandolo con le mani, , comunque il tutto è  diventato  “bello” elastico e nello stesso tempo sodo e un po’ appiccicoso

Tolto la palla, messa in un contenitore, coperta con la carta trasparente  eppoi in frigorifero per 1 notte

Verso mezzogiorno  mio marito  (ero al lavoro…) ha  capovolto  sul tagliere infarinato lasciando a temperatura ambiente per circa 2 ore emmezzo (scarse) senza toccare nulla .

Appena arrivata  ho confezionato  15  palle (circa g 50  l’una : qui ce ne sono 13 perchè due le ho congelate…)  e messe a lievitare  nel forno a 25° per circa un’oretta emmezzo, ovvero finche sono raddoppiate di volume

sbattuto velocemente con la frusta il tuorlo e il latte  e spennellate , spruzzandole  in alto con un po’ di zucchero semolato fine e in ordine sparso a granella

Un’ idea in più :  se ne rimangono, scaldati nel fornetto (e presumo nel microonde) anche nei giorni seguenti riacquistano friabilità e freschezza     🙂

In forno caldo a 190 – 200° per  mezz’oretta

Micca male eh ??  ….      😉

Da “filo diretto in CUCINA” – AGE Grafica Editoriale” RE – 1981

Questa voce è stata pubblicata in Ricette tipiche reggiane. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Panini dolci

  1. sabrina scrive:

    vorrei un consiglio, se possibile. sto cominciando ad usare da poco la planetaria e leggevo nella ricetta di far lavorare l’impasto x 30 minuti, io non so mai x quanto tempo usarla? e’ questo il tempo giusto x gli impasti lievitati? grazie

  2. vickyart scrive:

    sono bellissimi!ma xkè non passi alla pm? o al licoli? non senti più l’odore del ldb! cn la pm resta un po’ nel licoli invece non lo si sente x niente! ciao buon weekend

  3. eleme scrive:

    Bellissimi! Complimenti

  4. susanna.f22 scrive:

    somigliano alle veneziane, belli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.