Gonfietti di Carnevale

Intrigoni a volontà !!!  Qui nel mio blog potete trovare ottime ricette : è miracolosamente sparita la finestrella sul lato destro dove c’era scritto cerca : appena trovo un esperto che in cambio di un pessettino di torta me la rimette, risulterà più facile individuarle. Comunque sono registrate nei periodi febbraio o marzo di ogni anno.

Oggi ho voglia di cambiare con semplici dolcetti tipici emiliani. … Buoni,, buoni…buoni. Peccato che possa soltanto assaggiarli : ho smesso di fumare e qualche chilo in più è già arrivato ;-(

 

Ingredienti : 300 gr di farina bianca 00, 600 gr di acqua, 7 uova, 3 cucchiai di olio di oliva, 4 cucchiai di zucchero, una presa di sale, buccia grattugiata di un limone

 

 

In una pentola mescolare l’acqua con olio e zucchero e scaldare sul fuoco sinchè non bolla.

Fuori dal fuoco aggiungere la farina setacciandola,  facendo attenzione che non si formino dei grumi. E qui mi sono trovata leggermente in difficoltà, per cui ho chiamato in aiuto qualcuno. ;-). La prossima volta metto tutto nel robot   e lascio fare a lui da subito ……

Porre nuovamente sul fuoco fino a quando la pasta che non avrete cessato di mescolare non si staccherà dai bordi della pentola.

Lasciare raffreddare prima di aggiungere le uova, una alla volta.

Fare riposare l’impasto prima di friggerlo in strutto o in abbondante olio di arachidi.

Spolverare con zucchero semolato o a velo

da La Cucina Reggiana -Franco Muzzio Editore

Pubblicato in Ricette tipiche reggiane, Tutti fritti | Lascia un commento

Torta cioccolato

1

Quando vedo una ricetta di torta senza lievito

Ingredienti : cioccolato fondente gr 200, zucchero gr 150, burro gr 150,farina gr 100, 3 uova. Zucchero a velo vanigliato per decorazione finale

da “filo diretto CUCINA e….”   ediz. AGE Grafico-editoriale

2

Fate sciogliere a bagnomaria in due tegamini il burro e il cioccolato.

3

Aggiungete al burro raffreddato la farina,

4

 i tuorli e, sempre mescolando,

6

gli albumi a neve e il cioccolato.

7

Versate il composto in uno stampo imburrato e infarinato

8

Infornate per 25 minuti a 180°

9

Pubblicato in Torte | Lascia un commento

Polpettone al forno (di carne avanzata)

1

     Passato un buon Natale ? Io e la mia famiglia ci siamo abbuffati a più non posso, e in attesa della classica dieta post festiva del 2017,  siamo in partenza per Andalo : festeggiamo i 39 anni di matrimonio  e la mia pensione : è la prima volta che non discuto per le ferie.   😉

     In attesa devo smaltire residui di cibo che non mi sento di buttare : il polpettone è il classico riciclo di noi nonne che viene sempre buonissimo, e mai uguale perchè in genere si utilizza la carne lessa in diverse proporzioni, e anche qualche fettina di arrosto che nessuno vuole più : nel mio caso coniglio, faraona, manzo, cappone …….

     Qui nel mio sito potete trovare anche diverse ricette di polpette, sempre buone e mai fuori moda …..

Ingredienti : circa 400 gr di carne passata al tritacarne, 300 gr di pane raffermo ricoperto di mezzo litro di latte e poi strizzato ben bene, sbriciolato e unito alla carne, 100 gr di prosciutto cotto e 200 gr di mozzarella tagliati a dadini, 130 gr di parmigiano reggiano, 1 spicchio di aglio tritato finemente, 1 ciuffo di prezzemolo, 3 uova, 2 albumi, farina, pangrattato, olio extra vergine di oliva, sale, pepe. Se piace : 2 cucchiai di uvetta, 40 gr pinoli.

Le foto di questa ricetta sono esattamente la metà degli ingredienti su elencati

da "Ricette della nonna" - Giunti  Demetra

2

Ecco qua la carne passata al tritacarne ed i diversi passaggi

3 4 5

Lasciare ammollare l’uvetta in acqua tiepida almeno mezz’ora e unirla all’impasto. Per legare il tutto utilizzare le uova e un albume, mescolando bene con le mani. Nel caso sia troppo morbido indurire con un po’ di pangrattato.

6

Mozzarella e prosciutto a dadini, che servono per farcire. (io non ho messo uvetta e pinoli)

7 8

Prendete la carta  da forno e metterci il polpettone, arrotolandolo e sagomandolo  : bisogna appiattirlo , mettere il ripieno al centro, e richiuderlo. Passarlo poi nella farina, lisciandolo bene.

Montare a neve l’albume rimasto e spennellare la superficie, in modo che possa crearsi una bella crosticina dorata.

11

Scaldare il forno a 180° e inserire la teglia antiaderente (se l’avete, quella da plum cake) e cuocere circa mezz’oretta. Si può servire sia caldo che freddo : in quest’ultimo caso le fette non si sbricioleranno. Io l’ho lasciato raffreddare, tagliato a fette e riscaldato 5 minuti. Ho anche messo nella teglia, prima di metterlo a cuocere in forno,  un goccino di brodo in modo che  non si secchi troppo.

Pubblicato in Ricette tipiche reggiane | Lascia un commento

Tortelli emiliani della Vigilia

p1060176

Tradizionalmente la Vigilia di Natale è nel cuore della mia famiglia uno dei momenti più importanti dell’anno : ci si ritrova tutti intorno al tavolo per trascorrere una serata serena godendo della  reciproca compagnia. Approfittiamo quindi della serata tranquilla e ci consoliamo piacevolmente davanti al televisore : un buon panettone prima di mezzanotte ci addolcisce il palato in attesa della mattinata di festa ; non mangiamo carne ma abbondiamo poi con tutto il resto. . I tortelli li cucino con le classiche verdure verdi dell’orto, ricotta e besciamella. Tanti anni fa nonna raccontava che in città la ricotta non era alla portata di tutti e costava cara, venendo sostituta con successo dalla besciamella, che era chiamata “la ricotta dei poveri”. Ora che i tempi sono “meno grami”, (o per lo meno sembrano…) metto tutti e due gli ingredienti, sia i ricchi che i poveri. Nel ripieno non andrebbe utilizzato il lardo che è di origine animale, ma da sempre qui dalle nostre parti,  lo si mette anche la Vigilia di Natale : il burro è sempre stato un alimento da ricchi, mentre nelle nostre campagne il lardo lo si poteva trovare facilmente. I contadini dicevano che “senz’altro il Cielo non se ne sarebbe avuto a male” per una piccola trasgressione momentanea….

Ingredienti per 6 persone   : 250 gr di spinaci, 250 gr di bietole (congelate) lessate e tritate finemente, 1 cipolla bionda, 1 spicchio piccolo di aglio, 300 gr di ricotta, 1 tazza di formaggio parmigiano reggiano grattugiato, 1 uovo, 1 bicchiere grande di besciamella cucinata con un bicchiere di latte, 1 cucchiaino di olio, 1 cucchiaio di farina, 1 cucchiaino di burro, sale, pizzico di noce moscata.  Una sfoglia : 450 gr di farina 0 più 50 gr di farina di semola di grano duro, 5 gocce di olio, 5 uova.

Besciamella senza grumi

2

Si inizia facendo sfrigolare la cipolla e l’aglio sminuzzati in un po’ di lardo (o burro) senza lasciarla soffriggere troppo

3-2

si aggiungono le verdure

3

la besciamella e si lascia raffreddare bene.

4

Amalgamare la ricotta,  1 uovo e il formaggio

5

6

procedendo poi alla confezionatura dei tortelli

7

p1060175

Siccome sono un po’ stanca… 😉  mi venivano di dimensione extra large, che poi non sono molto eleganti : per ovviare ho preferito adottare gli stampini….

8

p1060177

buoni… buoni…buoni

Pubblicato in Ricette tipiche reggiane | Lascia un commento

Tortellini dolci di Natale reggiani

1

 

Eccoci qua. Dopo tanti natali non riesco a smettere di sperimentare e cucinare gli squisiti tortellini delle feste. Questa è la quinta versione che trovate sul mio blog : la ricetta l’ho scovata dal mitico ricettario del 1987 (ora introvabile)

2

Le dosi degli ingredienti sono indubbiamente abbondanti : presumo che la ricetta provenga da un forno – pasticceria. Io ne ho fatto la quarta parte e confezionato 30 tortellini : ciò che basta, alla famiglia per saziarsi e mantenere la tradizione.

Ingredienti : farina kg 1 (io ho utilizzato la 00), 300 gr di zucchero, 6 uova, la buccia grattugiata di un limone, una presa di sale, 3 bicchierini di sassolino (se non lo avete va bene lo Strega o il rum per dolci),  100 gr di burro, 2 bustine lievito per dolci, strutto per friggere, zucchero a velo per guarnire.  Tradizionalmente il ripieno è il pesto di castagne e cioccolato : io ho fatto la crema pasticcera. Per friggere : strutto. Io ne ho utilizzato mezzo kg. Strutto abbondante, pochi per volta,  in modo che i tortellini galleggino, non diventano untuosi ma perfettamente gustosi e friabili : Importante è anche friggere in un pentolino di acciaio . (Alternativa olio di arachide)

3

Impastare bene tutti gli ingredienti come per una normale pastafrolla, lasciandola  riposare per almeno 2 ore prima di spianarla sino allo spessore voluto

4

5

6

Procedere come per i tortelli : per fare la forma tonta a mezzaluna ho utilizzato un bicchiere.

7

8

9

Provateci : buoni….buoni….buoni…Uno tira l’altro !!!

Pubblicato in Ricette tipiche reggiane | Lascia un commento