Torte che si sgonfiano a fine cottura in forno, cosa fare

Torte che si sgonfiano a fine cottura in forno, cosa fare. Quante volte abbiamo preparato con cura tutti gli ingredienti per fare una bella e buona torta?  Poi il procedimento: seguire il passo a passo della ricetta scelta, versare l’impasto nello stampo e ultima fase la cottura in forno. Controllarne la cottura dal vetro dello sportello del forno e guardarla crescere, poi.. alla fine vederla cadere inesorabilmente al centro, afflosciarsi! Che rabbia, si sa già che sarà una torta da inzuppare a colazione proprio per non buttarla via, ma viene un gran nervoso.

I consigli sono tanti, si legge di tutto e di più e magari alcuni di questi già li applicate. In questo articolo consiglio cosa fare per avere dei buoni risultati (le mie esperienze vissute con tanti errori e successi)

Torte che si sgonfiano a fine cottura in forno, cosa fare Blog Profumi Sapori & Fantasia

Ingredienti liquidi a temperatura ambiente

Gli ingredienti conservati in frigo tipo: uova, yogurt, panna fresca, burro, latte devono essere sempre a temperatura ambiente: prelevarli dal frigo almeno 1 ora prima di iniziare la preparazione. Se avete fretta e vi siete dimenticate/i di toglierli per tempo, ecco come fare: Il latte come la panna fresca e il burro si possono intiepidire o fondere al Micro oppure in un pentolino. Le uova invece si immergono (intere col guscio) per 15′ minuti in acqua calda (non bollente), saranno perfette, questi accorgimenti per non creare shock termico agli ingredienti che comprometterebbe il risultato finale.

L’impasto 

Montate con le fruste elettriche ad alta velocità le uova con lo zucchero, fino ad avere un composto spumoso, (sollevando le fruste l’impasto dovrà scendere a nastro o “scrivere” come viene definito dagli esperti)

Burro e zucchero invece, meglio montarli con un cucchiaio di legno, energicamente per renderli a crema. (il burro dovrà essere morbido non fuso)

Setacciate sempre la farina con la fecola, amidi e cacao ( se previsti nella ricetta)  il lievito in polvere e la vanillina, saranno pronti da aggiungere a cucchiaiate all’impasto, montato di uova e zucchero o burro e zucchero, mescolandoli sempre a mano con un cucchiaio di legno o una spatola, con movimenti dall’alto al basso per non smontare il composto cremoso. Se sono previste frutte sciroppate o fresche, sgocciolatele bene e tamponatele con carta da cucina, resteranno più asciutte e non comprometteranno la riuscita del dolce.

Il forno la temperatura e le modalità

Preriscaldare il forno (sempre) in modalità statica (calore sopra e sotto dato da resistenze elettriche) alla temperatura prevista dalla ricetta. Il forno, al momento di infilarvi il dolce, deve avere una temperatura un poco più alta di quella indicata dalla ricetta, perchè aprendolo il calore si abbassa, dato che vi entrano aria e cibo freddi. Solo dopo avervi introdotto il dolce, regolatelo come previsto dalla ricetta. Il forno in modalità ventilata cuoce in fretta l’esterno del dolce ma lascia l’interno umido e a volte crudo, almeno a me è successo questo, però non escludo nella maniera più assoluta che si riesca a cucinare anche col ventilato ed avere buoni risultati. ( con questa modalità ho avuto ottimi risultati con i lievitati, utilizzando lievito di birra e lievitazione prima della cottura). In genere si pone lo stampo della torta o dolce nel ripiano centrale del forno, a meno che nella ricetta sia specificata la posizione corretta. Accertatevi inoltre che all’interno del forno non ci sia la teglia chiamata leccarda sotto alla griglia dove cuoce la torta, è consentita solo per la modalità ventilato, per cotture a più piani, in quanto il forno è riscaldato da aria calda che circola in tutte le sue parti.

Consiglio di non aprire lo sportello del forno per i primi 20′ di cottura della torta, solo quasi a fine cottura, se notate che la torta si colora troppo in superficie, potete coprirla con un foglio di carta d’alluminio, senza estrarre lo stampo dal forno. Controllarne la cottura a fine tempo previsto, infilando uno stecchino nel cuore del dolce: se esce caldo e asciutto la torta è cotta a puntino, se invece esce umido o intriso di impasto allungate la cottura per almeno 10-15′.

Quando e come togliere i dolci dal forno e dallo stampo

Qualsiasi tipo di dolce, cotto in forno, deve essere subito sfornato, al massimo ve lo si può lasciare, a forno spento, per 2 o 3 minuti. A questo punto lasciarlo riposare a temperatura ambiente per almeno 10′ poi toglierlo dallo stampo. Per fare questo, con la lama di un coltellino passare fra la torta e le pareti dello stampo, (se lo stampo è a cerniera bastano poche mosse per sformare la torta) quindi posizionare sopra allo stampo una gratella poi, tenendo strette tortiera e gratella, capovolgerle entrambe. Togliere lo stampo e lasciare raffreddare la torta sulla gratella affinchè l’aria possa circolare sia sopra che sotto, asciugando bene la pasta.

Auguro un buon lavoro a tutte/i, spero di esservi stata d’aiuto.

Torte che si sgonfiano a fine cottura in forno, cosa fare Blog Profumi Sapori & Fantasia

Iscriviti alla mia Newsletter, riceverai gratuitamente le mie ricette nella tua posta! Seguimi anche su Facebook, clicca mi piace alla pagina e resteremo in contatto!

Iscriviti alla mia NewsletterSeguimi anche su Facebook

Print Friendly
Altre ricette che ti possono interessare..

40 thoughts on “Torte che si sgonfiano a fine cottura in forno, cosa fare

  1. Ciao Silvana,
    ho comprato un nuovo stampo x ciambella in silicone da 24 cm ed effettivamente la ciambella è venuta abbastanza bene….ma ho fatto il plumcake ( che altre volte mi è venuto benissimo ) e nuovamente dopo la cottura, nonostante era cresciuto benissimo, si è sgonfiato ed è diventato gommoso :-(
    Sono disperata….

  2. ciao silvana, vorrei chiederti un consiglio su una torta al pistacchio ke diventa sempre una ciambella!!! hai letto bene il centro sprofonda cosi tanto da sembrare una ciambella!ho provato a sostituire ad un normale pandispagna 50gr di farina 00 con 50gr di pistacchi finemente tritati e stessa cosa x una normale ricetta ke li prevedeva già! appena spengo il forno sprofonda il centro! il resto è perfetto, ho seguito tutti i tuoi consigli, cosa ne pensi?

    • Fai una bella cosa Maria Grazia, tu utilizza la prossima volta uno stampo da ciambella con il tubo all’interno. Vediamo come viene, sai he anche a me una torta faceva sempre così? Prova e riprova alla fine esasperata ho escogitato questo sistema..ed è venuta una ciambella perfetta!

      • un consiglio grazie:ci si può fidare di questi lieviti bio..senza glutine!!non sempre ho avuto buona

        riuscita..ma non sapevo se dipendesse da questo lievito….aspetto risposta…grazie ancora!!Maria

      • Ciao Maria, sono sincera non ho mai usato i lieviti bio, però la ricetta del lievito naturale, adatta sia per intolleranti che ciliaci è ottimo da usare, a base di cremor tartaro..l’hai mai provato)

  3. anche a me succede talvolta che le torte si sgonfino. seguirò passo passo tuoi consigli. Ultimamente per esempio sto litigando con la Pavlova. Viene buona ma una volta cotta si è abbassata della metà e si è allargata. Non so se è normale o se sbaglio qualcosa. Grazie dei tuoi consigli ciao a presto

    • Purtroppo non ho avuto successo, nonostante gli ottimi consigli oggi il ciambellone mi e’ venuto gommoso.
      Qualcuno mi puo’ aiutare con una spiegazione di perche’ questo succeda? Non seguo sempre la ricetta a menadito, a volte diminuisco l’olio d’oliva. Oggi per esempio ne ho messo abbastanza meno. Questo lo faccio ad occhio, poiche’ la ricetta originale secondo me ne ha veramente troppo, 180 grammi di olio per 350 di farina. Facendo ad occhio, ne metto un terzo di un bicchiere. Di solito non ho problemi, ma oggi, avendo quasi fnito l’olio, ne ho messo meno. Secondo voi e’ questo il motivo per cui si e’ sgonfiato ed e’ gommoso? Grazie in anticipo!

      Per il resto ho seguito tutti i consigli riguardo il forno. il mio non e’ ventilato.

      • Ciao Marco nella pasticceria soprattutto, le dosi consigliate nella ricetta sono da seguire alla lettera, infatti basti pensare che se si utilizza una teglia di maggiore o minore grandezza poi si ricapitola su tutti gli ingredienti, aumentando o diminuendo le dosi. Io generalmente per i dolci utilizzo olio di semi di mais o di girasoli perchè inodore anche se l’olio d’oliva è sempre il migliore, a tal proposito ti metto un link sulla sostituzione di olio al posto del burro ..magari ti sarà utile…http://blog.giallozafferano.it/silvanaincucina/2011/06/27/come-sostituire-il-burro-con-olio-nei-dolci/
        A tal proposito voglio mostrarti che anche in una ciambella come quella che preparo spesso su 500 g di farina ci vanno 200 g di burro o margarina oppure metà e metà, trasformato in olio, andrebbe circa 132 g di olio, quindi hai ben ragione che 180 g di olio su 350 g di farina sono tanti. Comunque ti consiglio di seguire attentamente le indicazioni delle ricette, perchè basta davvero poco a compromettere il risultato finale. Ti allego la ricetta della mia ciambella tipica romagnola, magari puoi provarla, è testata. http://blog.giallozafferano.it/silvanaincucina/2011/06/26/ciambella-romagnola/

  4. Sai Silvana che io sono costretta a posizionare sempre tutto direttamente sulla leccarda altrimenti le pietanze non mi si colorano mai sotto?non so quale sia il problema di questo forno, ma è così…bah!!!!!!

    • Una domanda sciocca Antonietta, ma quando metti lo stampo sulla griglia togli la leccarda dal forno in modalità statica? No perchè altrimenti lasciando la leccarda sotto alla griglia non filtra il calore..oppure controlla bene il termostato calore sotto sopra a quale numero corrisponde. Buona serata carissima

      • Buondì Silvana cara… :-)
        sì lo faccio sempre e sai perché?la mia mamma a forno spento la riempie di integratori, x cui quando vado ad accenderlo è la prima cosa che mi ricordo di svuotare!
        proprio non capisco, anche perché selezionare la modalità di cottura è l’unica cosa semplice che ha questo forno: c’è la cottura tradizionale che emette calore dall’alto e dal basso, quella che emette calore solo dall’alto consentendo di grigliare la superficie delle pietanze, quella che emette calore solo dal basso, la cottura ventilata e poi la ventola x scongelare i cibi…è un caso perso ;-)
        ps: Antonietta è il nome della mia mamma Silvana, questo è il suo indirizzo e-mail :-)

  5. Complimenti per il blog e per le miriadi di consigli e ricette, sempre in aumento, che contiene. E’ un ottimo punto di riferimento anche per chi ha poca esperienza in cucina e ha mille dubbi/perplessità su come procedere in ogni fase della preparazione delle ricette.
    Continua così che sei come un faro che illumina la via maestra in una notte buia pesta ! ;-)

    • Grazie Cap, una poesia il tuo commento ahahahaah troppo simpatica/o, io procedo si….a presto allora e buona serata! ;-)

    • Grazie Marisa, ma sono sicura che conosci tutti questi accorgimenti visto la bella e buona riuscita delle tue torte…un bacione anche a te!

  6. Ciao Silvana,e buona giovedì di Ognissanti !!!!
    Grazie x tutti i consigli che ci hai regalato oggi,ne farò tesoro !!!! baci,Pina :)))

    • Eh no..non basta proprio, mille accorgimenti che solo col tempo si acquisiscono e si migliora…grazie e buona giornata!

  7. oh capperi ma tu avevi tutti questi articoli di istruzioni di cucina e io non lo sapevo? WOW bello! E brava Silvana ^_^
    ps: il mio forno non ha l’opzione statico, è solo ventilato… :/

    • Ahahahah ora lo sai Giovanna, quando ti serve..consulta pure è tutto gratissssssssssss..un’abbraccio e per il forno, sono sicura, come ho scritto, che anche col ventilato si ottengono ottimi risultati..e tu li hai! :-D

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>