Cuocere in forno statico o ventilato?

Cuocere in forno statico o ventilato?

Ultimamente nei commenti alle mie ricette trovo spesso questa domanda: ma devo cuocere in quale modalità: statica o ventilata? Intanto devo precisare, come ben sapete, che ogni forno è diverso l’uno dall’altro, ognuno di noi ci prende la mano dopo averne conosciuto bene le potenzialità, perciò apro questo post mettendovi a disposizione tanti accorgimenti che nel tempo mi hanno dato una notevole mano in questo tipo di cottura.

Cuocere in forno statico o ventilato?  Blog Profumi Sapori & Fantasia

 La cottura in forno ventilato:

La cottura in forno ventilato: entra in funzione  la ventola, insieme alla sola resistenza inferiore oppure con entrambe le resistenze o solo grill, l’aria provocata dalla ventola arriva velocemente in ogni angolo della pietanza.

Questo tipo di cottura permette di cuocere anche più pietanze nello stesso momento,  senza che si mescolino gli odori, tipo: lasagne al forno nella parte superiore e pomodori in gratin in quello inferiore, oppure la carne e le patate ecc..

Questa modalità è ideale per cuocere tutte le paste al forno, formando una deliziosa crosticina in superficie e l’interno morbido, gli arrosti di carne, tutte le verdure ripiene e non, il pesce al cartoccio oppure in teglia protetto da carta stagnola che sarà eliminata negli ultimi minuti di cottura. Io sinceramente ho utilizzato anche la funzione ventilata per cuocere i lievitati, (per favorire la 2° lievitazione a 50° modalità statica, poi spento)  e senza togliere la teglia, imposto la temperatura a 180° ventilato e lascio cuocere fino alla doratura,  la temperatura cresce piano piano e ottengo ottimi risultati, oppure un’altro modo semplice è togliere le teglie dal forno, finita la lievitazione e, infornare solo a temperatura raggiunta.

La cottura in forno Statico:

Nella cottura statica invece entrano in funzione le resistenze sopra e sotto oppure solo sotto o grill, dipende da cosa e come si deve cuocere: vanno messe tutte le cotture con il lievito…dolci o salate…che devono crescere pian piano e asciugare bene l’interno, come: focacce, pane, pizze, torte e biscotti. Per i biscotti a volte, negli ultimi minuti io accendo il grill per dorarli, senza che brucino sotto.

Ogni forno è provvisto di termostato per impostare la temperatura che parte da i 40° e arriva fino a 250°C, ( dipende sempre dal forno acquistato), consiglio perciò di fare attenzione a teglie, stampi o casseruole che utilizzerete per la cottura. In commercio ce ne sono di svariati tipi: in vetro Pirex, in porcellana, in silicone, teglie antiaderenti, e tutta la gamma di contenitori monouso, avendo cura di impilarne almeno due per pietanza, per renderli più stabili e resistenti al trasporto dal forno al piano di cottura. Ho sperimentato anche con padelle a due manici in bakelite rivestendoli bene con della carta stagnola; i manici sono diventati caldi ma non si sono rovinati per niente.

Per cucinare i lievitati salati come la pizza, il pane, biscotti e dolcetti, troverete facilmente nei negozi preposti teglie apposite di ogni misura; sia di materiale antiaderente, di alluminio o di silicone.

A tale argomento vi inserisco anche il link di questo articolo che sono certa potrà essere utile

” Stampi in silicone come usarli al meglio

 

Come cuocere torte e lievitati in forno con partenza a freddo

 

 

Concludo il mio articolo consigliandovi la pulizia ottimale del forno, in commercio ci sono molteplici prodotti adatti, ricordate che il forno è una pentola, perciò va tenuto sempre al meglio.

Cuocere in forno statico o ventilato

Iscriviti alla mia Newsletter, riceverai gratuitamente le mie ricette nella tua posta! Seguimi anche su Facebook, clicca mi piace alla pagina e resteremo in contatto!

  • Iscriviti alla mia NewsletterSeguimi anche su Facebook
Share:
Condividi
Print Friendly
Altre ricette che ti possono interessare..
Vota questa ricetta:
Cuocere in forno statico o ventilato?
  • 4.00 / 55

38 thoughts on “Cuocere in forno statico o ventilato?

  1. Per il pan brioche il ventilato è fantastico!lo usavo di solito anche per il ciambellone e la torta d nocciole che è sempre un lievitato ma caso strano entrambi ultimamente si afflosciano al centro e rimangono crudi! Cosa sbaglio? E possibile ke devo infornarli nel ripiano piu basso invece ke al centro se uso il ventilato? Caso strano il pan d spagna i muffin e il plumcake m vengono bene con il ventilato.Lo statico mi cuoce molto piu lento rispetto al ventilato quindi tendo a nn usarlo a meno che nn sia specificato dalla ricetta. Grazie x tutti i consigli!

    • Ilaria facciamo una prova insieme? Io domani cucino con la partenza del forno a freddo, nel senso lo imposto a 180° modalità statica e pochi minuti prima di infornare lo accendo con il dolce già posizionato all’interno del forno. Qualche minuto in più del tempo previsto dalla ricetta e via..io ci provo e tu? Magari con una semplicissima ciambella ;-)

  2. Per il pan brioche il ventilato è fantastico!lo usavo di solito anche per il ciambellone e la torta d nocciole che è sempre un lievitato ma caso strano entrambi ultimamente si afflosciano al centro e rimangono crudi! Cosa sbaglio? E possibile ke devo infornarli nel ripiano piu basso invece ke al centro se uso il ventilato? Caso strano il pan d spagna i muffin e il plumcake m vengono bene con il ventilato.Lo statico mi cuoce molto piu lento rispetto al ventilato quindi tendo a nn usarlo a.meno che nn sia specificato dalla ricetta. Grazie x tutti i consigli!

    • Ciao Ilaria il forno è un caso a se si sa che non sono uguali per niente e faccio un esempio se un dolce a me riesce perfetto a te un disastro. prove su prove mi hanno portata alle conclusioni che hai letto nell’articolo, eppure a volte vado ancora a naso oppure non mi soddisfa la cottura. Il mio post non vuole essere una Bibbia ci mancherebbe, più che altro un diario e una serie di consigli sullo sperimentato in tanti anni. Ciao e a presto!

  3. Ciao! Prima di tutto ti voglio fare i complimenti per il tuo meraviglioso blog e per la tua pagina su facebook, sono sempre di grande aiuto per me.
    Volevo chiederti un consiglio: io ho sempre usato un forno a gas, ma adesso cambio casa e nella mia nuova cucina ho un forno ventilato. Ma adesso non so come usarlo. Per esempio, per fare l’arrosto o le verdure ripiene è meglio il forno statico o ventilato? E per il pane? Ho una macchina del pane e mi piacerebbe cuocerlo nel forno. Scusa le tante domande ma mi sento un pò persa. Grazie mille in antecipo e auguri di Buona Pasqua.

    • Ciao Paula e benvenuta..grazie per i complimenti. Come avrai letto nel mio articolo io utilizzo in maniera prevalente il forno in modalità statica per i dolci. Ma per altre pietanze uso anche il ventilato. Per il pane e i dolci inizia ad usare il forno statico, poi magari piano piano fai esperimenti anche con l’altra opzione. Paula ogni forno è storia a se, se nel mio forno a quella data temperatura e tempo il dolce è perfetto magari non viene assolutamente uguale a te col tuo. Spero di essermi spiegata e ti faccio tanti auguri di buona Pasqua!

  4. Grazie grazie grazie per i tuoi consigli, sono molto preziosi!
    io ho sempre usato un forno ventilato, ma adesso cambio casa e nella mia nuova cucina ho un forno statico. Non essendo abituata all’utilizzo di quest’ultimo volevo chiederti, prima di fare danno, quando usare il riscaldamento solo sotto, quando il solo sopra e quando il sotto e sopra.. ti ringrazio in anticipo

    • Valeria benvenuta, il sotto-sopra per tutti i dolci in generale, solo sotto lo uso quasi mai, solo sopra per gratinare. Ma vedrai che ci prenderai la mano esercitandoti. Ti faccio i miei più sentiti auguri di buon Natale!

  5. Ciao!
    Volevo chiedere un consiglio.
    Mi sono appena trasferita in una casa un po’ vecchia il forno è a gas. Io adoro cucinare (infatti ho anche un blog!) e ho sempre fatto dolci e mi sono sempre venuti benissimo. Purtroppo, da quando sono qui ogni dolce che ho fatto è venuto bruciato, specialmente sotto. Ho provato ad abbassare la temperatura e a tenercelo meno tempo e sembrava la cosa fosse riuscita, ma solo perché lo abbiamo mangiato appena sfornato. Già due ore dopo era duro e secco, come se avesse già qualche giorno, e il giorno dopo il sapore di bruciato si sentiva moltissimo. Ho bisogno di un bel dolce soffice! Non ce la faccio più ad andare avanti così…. :-( Non posso cambiare forno perché sono in affitto e anche se mi accollassi tutte le spese penso che la proprietaria non sarebbe d’accordo. Quindi, mi chiedevo… cosa ne pensi di quei piccoli fornetti elettrici ventilati? Secondo te potrei ottenere risultati migliori? Certo avrei dei dolci rettangolari, ma almeno sarebbero morbidi e senza quel cattivissimo sapore di bruciato.
    Aspetto un tuo consiglio.
    Agnese

    • Ciao Agnese, allora….io un’anno fa ho pubblicato un articolo dove spiegavo le due funzionalità più importanti per cuocere: forno statico o ventilato. Come ben sai ogni forno è diverso dall’altro ed è difficile dirti guarda devi fare così. Una cosa però è certa per cucinare i dolci è sempre meglio scegliere la modalità statica, resistenza di calore sotto e sopra, il dolce non si secca e ha una cottura uniforme. Col ventilato invece spesso è il contrario e resta crudo all’interno sicuramente più adatto ad altre pietanze. Magari prova a vedere un fornetto con entrambe le funzioni ce ne sono in commercio anche di dimensioni notevoli ma che si collocano bene in ogni cucina. Così puoi verificare facendo delle prove con l’una o l’altra modalità, una prova che purtroppo bisogna affrontare fino a trovare il tipo di cottura ideale. E’ stato un piacere averti qui e spero tanto di esserti stata d’aiuto. Buon fine settimana e fammi sapere se hai risolto.

    • se vuoi dei dolci davvero sofficissimi devi provare a farli nel microonde funzione combi (micro+grill) 650 watt per max 8 minuti, il pan di spagna in particolare viene meraviglioso ma attenzione devi adoperare il lievi per micro del Pane degli Angeli

      • Eh Annita non ho quel modello di microonde e poi sinceramente preferisco il forno tradizionale..grazie per la dritta! ;-) e benvenuta!

  6. Ciao a tutti…lunedì voglio provare
    A fare la sacher torte e volevo chiedere ma per il pan di Spagna il forno deve essere per forza statico? Con il mio forno per programmare lo statico devo mettere la percentuale di umidità qual’è quella ottimale??
    Grazie

  7. Ciao! Io ho un vecchio forno a gas. Alcuni dicono che sia molto buono per cucinare, ma io ho sempre qualche difficoltà nel preparare dolci e focacce perché cuoce solo da sotto. Se accendo il grill anche per pochi minuti, la superficie del dolce o della focaccia si ustiona :( non so come fare. Tu cosa mi consigli di fare?? a parte cambiare il forno, cosa al momento non fattibile ;)

    • Ciao Giorgia e benvenuta nel blog, guarda il forno a gas ce l’ha anche mia mamma e lo usa benissimo, l’unico problema è come dici tu cuoce sotto e sopra restano pallidi i dolci. Lei accende il grill ma lo tiene d’occhio….appena i dolci sono dorati li toglie. Potresti però coprirli in superficie con un foglio di carta d’alluminio, cuoce sotto senza ustionare, lo inserisci solo alla fine con il grill. Fai una prova…ciaoo e grazie!

  8. salve ho raccolto dal mio orto diversi pomodorini pachini e vorrei fare i pomodirini secchi sott’olio con questo tipo di pomodori, solo che non so quale sia il metodo migliore per essiccarli che non sia al sole. avete qualche consiglio da darmi.
    premessa io ho solo un forno micoonde e un forno a gas che fa anche grill. ciao e grazieeee

    • Eccomi Raffaella, nelle mie ricerche ho trovato questo suggerimento che mi sembra ottimo. Magari visto che l’essicazione in forno è lunga, cuoci nella stessa infornata, una teglia sopra ed una sotto, un’arrosto o qualcosa d’altro così unisci l’utile al dilettevole.

      1 kg di pomodorini (ciliegia, datteri o pachino)
      1/2 cucchiaio di zucchero
      sale q.b.
      origano a piacere
      olio extra vergine d’oliva q.b.

      Tagliare i pomodorini a metà. Mettere su una teglia con la parte tagliata in su. Spolverare col sale, lo zucchero, l’origano e infine l’olio. Infornare a 125°C per circa 1 ora e mezza. Potete anche usare i pomodori più grandi ma in questo caso penso che ci vorranno circa 2 ore.
      Dopo quando saranno freddi li invasi sott’olio. Cio e alla prossima!

  9. salve e grazie per gli appunti sulla cottura. era proprio quello che cercavo! non ho capito però un passaggio sui lievitati che lei cuoce anche con il ventilato. quali sarebbero? le chiedo perchè poi sotto elenca da cuocere con lo statico tutte le categorie da me conosciute di preparati che lievitano!!!!
    le riporto la frase in questione:
    “Io sinceramente ho utilizzato anche la funzione ventilata per cuocere i lievitati, (per favorire la 2° lievitazione a 50° modalità statica, poi spento) e senza togliere la teglia imposto la temperatura a 180° ventilato e lascio cuocere fino alla doratura, la temperatura cresce piano piano e ottengo ottimi risultati, oppure togliere le teglie dal forno, finita la lievitazione e, infornare solo a temperatura raggiunta.”
    con l’occasione le chiedo anche: ma la pizza è corretto farla cuocere solo sotto per non seccare il condimento sopra?
    grazie ancora moltissimo!

    • Benvenuta Giovanna, i lievitati che cuocio con il ventilato sono: il panbrioche, le brioche dolci e salate e anche il pane. Procedo in questi due modi: prima in forno statico acceso a 40-50° poi a temperatura raggiunta lo spengo e inserisco le teglie (se sono 2) e lascio lievitare (la 2°) in genere per 1 ora, poi raggiunta la lievitazione tolgo le teglie, imposto la temperatura che serve per la cottura in genere 180° ventilato, raggiunta inserisco la 1° teglia e lascio cuocere, poi successivamente la 2°. Mentre ho sperimentato anche la cottura senza estrarre la teglia dal forno impostandolo, e lascio cuocere fino a doratura. pensa che per alcuni dolci è prevista anche la cottura con partenza da freddo. Per la pizza sarebbe corretto cuocerla nel ripiano più baasso del forno in modo tale che resta croccante la base, ma ci sono tantissimi modi anche per chi piace più soffice ecc…l’ideale è sempre sperimentare fino a trovare la modalità giusta, perchè Giovanna ogni forno è diverso dall’altro e a volte pur seguendo le indicazioni i risultati finali sono diversi..Buona giornata carissima!

  10. Ciao stavo leggendo tutti i vostri consigli e vorrei sapere una cosa: ho preso dalla tv la ricetta di alcune brioches tipo Pangocciole e la ricetta dice che si cuociono con il forno ventilato a 220° per 12 minuti, ma il mio forno non e’ ventilato e le brioches vanno fatte lievitare 2 ore. Che dite: se le provo mi vengono uno schifo o e’ meglio con il forno statico? Ciao e buona serata!

    • Ciao sabrina e benvenuta nel mio blog, e diamoci del tu, anch’io ho una ricetta molto simile impastata sia con la macchina del pane che nella maniera tradizionale. L’impasto base va lievitato un’ora, poi si formano le brioche e si fanno lievitare ancora 1 ora. Ho cotto con il forno ventilato a 180° per 40′ circa ma puoi utilizzare quello statico ponendo sulla base del forno un pentolino con dell’acqua bollente..questo trucco favorisce un’umidità che lievita bene le brioche..ti metto la mia ricetta Sabrina poi vedi tu….http://blog.giallozafferano.it/silvanaincucina/2012/05/17/ricetta-brioche-con-gocce-di-cioccolato/

  11. Buongiorno a tutte,
    il forno ventilato ce l’ha con me! Ho sempre fatto dolci col forno statico e son sempre venuti deliziosi almeno a detta degli altri, ma da quando ho cambiato forno cioè ventilato, le torte mi vengono piatte come crepe, le tartellette di frolla si bruciano sopra e rimangono crudi sotto e via dicendo…………….! Ho provato a mettere i dolci ad una temperatura inferiore rispetto allo statico, ma nulla! Un disastro contrariamente al solito! Qualcuna può consigliarmi qualcosa? Grazie mille :)

  12. buongiorno a tutti…io sono contentissima di questa pagina,perchè imparo tante cose nuove e deliziose…grazie <3 !!!

    • Buongiorno Stefania…grazie..sono felice di esserti utile con le mie ricette e consigli..buona giornata!

  13. io uso spesso il forno statico e i mieidolci sono perfetti,anche le pizze vengono molo bene perchè il ventilato tende ad asciugare un pò le pietanze

    • Anch’io Dalmata..il ventilato per polpettoni e lasagne al forno è speciale però…ciao e buona giornata!

  14. Ottimi consigli,brava!!ne avevo bisogno.Proprio ieri ho preparato la Caprese e avevo questo dubbio,ho optato per il ventilato ma si è formata una crosticina troppo doppia in superficie….la prox volta sicuramente usewrò la cottura in forno statico :-)

    • Ma sbagliando s’impara Caterina..e se questi miei consigli ti fanno comodo ne sono felice!! Buona serata!!

    • Quando usi il ventilato no, ti può fare la base per un’altra pietanza, e comunque è l’aria calda cuoce, in modalità statica si, la teglia ti preclude il calore favorito dalla resistenza inferiore e quindi la leccarda va tolta. Ciao cipollina…buona serata!!

  15. ottimi appunti!usavo spesso il ventilato..i dolci non venivano bene ma la bolletta si..certe mazzate!bel post cara e utile!da quando mi avete suggerito lo statico per i dolci vengon sempre benino :D buona domenica ciaoo

    • Buongiorno Tina, procedi così…e certo altro che benino i tuoi dolci….:-D buona domenica tesoro!!

  16. Grazie mille per tutti questi preziosissimi suggerimenti. Nonostante conosca ormai il mio forno, tutte le volte che devo preparare una nuova ricetta ho sempre mille dubbi su quale funzione usare. Però di solito mi trovo molto meglio con il forno ventilato…

    • Infatti Ilaria ho premesso che ognuna di noi conoscendo il proprio forno, dopo esperimenti vari, riesce a trarre il meglio per le cotture….grazie carissima e buona serata!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>