Crostata di frutta secca

crostata di frutta secca1

La crostata di frutta secca vi permette di utilizzare la frutta a guscio che magari avete ancora in casa dalle passate festività. Questo dolce è piuttosto calorico ma ne resterete deliziati dopo averlo assaggiato, vale la pena provare a farlo. Sono peraltro certa che durerà al massimo due giorni da quando lo sfornerete, il profumo che avvolgerà la vostra cucina poi vi ripagherà dal lavoro certosino dello sbucciare tutta la frutta secca che la ricetta richiede perciò fatevi aiutare da qualcuno, così si guadagneranno una fetta di crostata di frutta secca in più! ;)

Ingredienti per il ripieno:

150 gr di mandorle sgusciate

150 gr di nocciole sgusciate

100 gr di arachidi sgusciati

3 albumi

150 gr di zucchero

Per la base:

200 gr di farina

3 rossi d’uovo

3 cucchiai di zucchero

100 gr di burro

2 cucchiai di marsala

la buccia grattugiata di un limone

mezzo cucchiaino da caffè di lievito per dolci

un pizzico di sale

qualche cucchiaio di latte se serve

Procedimento:

Iniziate a sgusciare tutta la frutta secca, passatela nel robot e tritatela il più finemente possibile, dunque mettete da parte in una terrina capiente. Preparate la base in questo modo: dividete i tuorli dagli albumi che metterete in una terrina a sponde alte, lavorate con le fruste i tuorli con lo zucchero finchè il tutto sarà chiaro e spumoso, aggiungetevi il burro a pezzetti e a temperatura ambiente e lavorate nuovamente, aggiungetevi il marsala, la buccia di limone (sempre lavorando) e aggiungete poco per volta la farina miscelata con il lievito ed il sale. Nel caso in cui il composto risultasse troppo granuloso aggiungete un cucchiaio alla volta di latte finchè l’impasto sarà più compatto e lavorabile con le mani. Preparate uno stampo a cerniera ungendolo di burro e infarinatelo. Stendete la base sulla tortiera facendo risalire il bordo per circa tre centimetri. Scaldate il forno a 180°. Iniziate ora a montare gli albumi a neve ben ferma, il sale vi aiuterà. Aggiungete alla frutta macinata lo zucchero mescolando con un cucchiaio di legno, ora aggiungete anche gli albumi avendo l’accortezza di mescolare dal basso verso l’alto, incorporandoli bene. Versate il ripieno sulla base della crostata, livellate e ora cuocete per circa 30 minuti o quando la pasta sarà dorata sui bordi, allora potrete spegnere e lasciar raffreddare il dolce in forno. Volendo, servitela spolverata di zucchero al velo. :)

 

crostata di frutta secca3

 

Radicchio di Treviso al forno

radicchio precoce

 

Il radicchio di treviso al forno è per me una sorpresa: io che non mangiavo radicchio di nessun tipo perchè troppo amaro per i miei gusti ora sta diventando sempre più protagonista nella mia cucina. Questo contorno è semplice da preparare e davvero gustoso come accompagnamento ai vostri secondi sia di carne che di pesce o con i formaggi, provatelo ;) . Una volta cotti non sono una bellezza da vedere però sarà un contorno buonissimo. Io ho scelto la varietà tardiva, ora è ad un buonissimo prezzo, potrete usare anche il precoce che è davvero ottimo! :D

Ingredienti:

500 gr circa di radicchio di treviso

olio extravergine d’oliva

sale e pepe q.b.

Procedimento:

Tagliate a spicchi il radicchio sulla lunghezza (lungo la costa) ottenendone quattro o sei a seconda della grandezza del cespo, immergeteli in acqua fredda e cambiatela almeno un paio di volte. Fatto questo sgocciolateli per bene e metteteli stesi su carta casa, accendete il forno a 180°, ungete il fondo di una pirofila da forno con poco olio evo, disponetevi i vari spicchi di radicchio, irrorate con olio extravergine d’oliva, salate e pepate. Coprite il tutto con carta stagnola, mettete in forno per 15 minuti circa, poi togliete la stagnola e lasciate cuocere per altri 10 minuti. Servite caldi. :)

radicchio precoce al forno

 

Con questa ricetta partecipo al contest del blog La Stufa Economica

cucina-viola

 

 

 

 

Ciambelle fritte

ciambelle fritte1

Buone buone buone! Torno dopo più di due mesi con una ricetta che ricorda le frittelle delle feste paesane: le ciambelle fritte! In altri paesi vengono chiamate in altri modi: graffe, zeppole, frittelle, ma il gusto è sempre lo stesso……. buonissime!!! Ne parlavo via web con Lory del blog Mani amore e fantasia, lei le aveva fatte e mi sono convinta di volerci provare e devo dire che sono riuscitissime, assolutamente da rifarle, certo che con una buona impastatrice il lavoro verrebbe dimezzato ma, che bello mettere le mani in pasta! ;)

Ingredienti:

500 gr di farina 00

80 gr di zucchero

50 gr di strutto fuso

1 cubetto di lievito fresco o una bustina di quello secco

1 buccia di limone grattugiata

2 uova

1 bustina di vanillina

2 cucchiai di grappa

250 ml di latte

1 pizzico di sale abbondante

olio di arachidi per friggere

zucchero per la finitura

Procedimento:

Fate la fontana con la farina in una ciotola capiente, io l’ho fatta sul tavolo, e al centro metteteci la buccia del limone, lo zucchero e il lievito che avrete sciolto in un po’ di latte intiepidito (tolto dai 250 ml) e mescolate grossolanamente. Aggiungete le uova sbattendole con una forchetta, e anche la grappa. Aggiungete ora il sale impastando tutto con lo strutto tiepido o raffreddato, aggiungendo anche il latte poco per volta finchè la pasta sarà morbida e che non si appiccichi più alle mani, utilizzate poca farina se serve per staccarla. Lasciate lievitare in luogo tiepido coperta da un canovaccio per almeno mezz’ora (anche un’ora). Trascorso il tempo indicato riprendete l’impasto e formate delle palline (circa una decina) da porre su un vassoio infarinato, copritelo con pellicola trasparente e mettete a lievitare nuovamente per mezz’ora in forno  tiepido, 30° o è sufficiente la luce accesa per intiepidirlo. Ora scaldate abbondante olio in una padella, riprendere l’impasto e formare con la pressione di un dito, un buco al centro senza sgonfiarli, fatele friggere finchè diventano dorate su entrambi i lati, mettete a sgocciolare su carta assorbente da cucina, ma garantisco che non saranno unte. Passatele poi nello zucchero rigirandole, servitele tiepide. :D

ciambelle fritte

Torta salata con patate scamorza e rosmarino

tortapatatescamorza1 Eccomi con una profumata torta salata con patate scamorza e rosmarino, ingredienti semplici che però hanno reso questa pietanza gustosa e golosa, abbinata poi a salumi ed affettati a mio avviso è la scelta giusta. Allora proviamo a farla insieme! ;)

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia rotonda da 250 gr

tre patate medie

200 gr di scamorza affumicata

1 uovo

sale q.b.

1 rametto di rosmarino tritato fine

Procedimento:

Lavate e lessate le patate, oppure bollitele a vostra discrezione, quando saranno cotte pelatele e schiacciatele con lo schiacciapatate mettendole in una ciotola capiente. Quando saranno tiepide, aggiungetevi l’uovo amalgamando bene e un po’ di sale, aggiungete ora la scamorza tagliata a cubettini, e le foglie di rosmarino precedentemente tagliate finemente. Mescolate bene. Portate il forno a 180°, foderate uno stampo a cerniera con la pasta sfoglia srotolata tenendola però nella carta in cui è generalmente avvolta, versate all’interno il composto di patate e scamorza livellando. Fate scendere un po’ di bordo di pasta sfoglia tutto intorno, ponete in forno a cuocere per 20 minuti circa. Servite a fette ben calde, spolverando la superficie con pepe nero macinato a piacere. ;)

 

tortapatateescamorza

Cheesecake cappuccino

Questo cheesecake cappuccino nasce dall’intenzione di provare ad aggiungere agli ingredienti anche la panna acida che, leggendo in vari siti, viene descritta come ingrediente usato per preparare le cheesecake in America. In frigo c’era una vaschetta di mascarpone che avevo acquistato per tutt’altra ricetta ma che poi non avevo utilizzato, tempo fa al super mi hanno regalato due confezioni di panna acida perciò mi sono decisa e ho fatto il mio esperimento, certo da vedere così forse non è invitante ma, posso assicuravi che è buonissima, infatti non ho fatto in tempo a fotografare il dolce intero ma una fettina sì, giusto per dare l’idea di ciò che uscirà dal forno. In effetti mi sembra che gustandola, somigli un po’ al tiramisù ma ogni interpretazione delle papille gustative è a sè.  ;)

Ingredienti:

150 gr di biscotti secchi o tipo digestive

100 gr di burro fuso

250 gr di mascarpone

180 gr di panna acida

2 cucchiai di farina 00

100 gr di zucchero

una tazzina di caffè

3 cucchiai di marsala

cacao in polvere q.b.

Procedimento:

Tritate finemente i biscotti, riuniteli in una ciotola capiente e versatevi anche il burro fuso e versate anche il marsala e amalgamate bene tutto, trasferite sul fondo di uno stampo a cerniera a cui avrete precedentemente imburrato ed infarinato il bordo, premendo in modo tale da ottenere una base ben compatta. In un’altra ciotola a sponde alte lavorate con le fruste elettriche lo zucchero con il mascarpone, aggiungete poi la panna acida e la farina ben setacciata e da ultimo il caffè, amalgamate tutto e trasferite la crema sopra la base di biscotto. Infornate la cheesecake per 20 minuti a 180°. Una volta raffreddata sformatela e cospargete la superficie con cacao amaro. :D

 

Questa ricetta partecipa al contest ” Una torta per Lucia” del blog Perle di Sapore:

Contest