Spaghetti con cipolle di Tropea

spaghetticonlecipolle1

Ed eccoci con un altro primo piatto gustosissimo: gli spaghetti con cipolle di Tropea! Questa è l’ottava tappa del contest #girodeiprimi in cui si utilizza nuovamente la Pasta di Canossa con la collaborazione di La Melagrana Food Creative Idea e per chiudere in bellezza oggi si parla di Calabria quindi ho cercato una ricetta tipica e mi sono soffermata su questa, adoro le cipolle e quelle di tropea hanno una dolcezza ed un profumo unico perciò una pasta con questi buonissimi ortaggi tipici della regione era l’idea giusta da portare in tavola, all’inizio mi sembrava un primo piatto povero di gusto invece…. Davvero ottima! La ricetta da cui ho tratto questo piatto la potrete trovare qui. La Calabria è una regione bagnata dal mar mediterraneo per la maggior parte del suo perimetro, come tutte le coste dell’Italia dunque anch’essa è terra di sbarchi, porti ricchi di storia proprio per l’approdo ed il passaggio di diverse culture che poi si riflettono nei vari siti e nella cucina, terra ricca di bellezze naturali, parchi ed oasi, abbazie e siti archeologici, monumenti, l’arte della ceramica e i famosi Bronzi di Riace, inoltre città e paesi da visitare e Tropea meta di migliaia di turisti ogni anno e patria della famosa cipolla rossa dolce e profumata che qui spesso viene venduta a trecce! 🙂

Ingredienti per 2 persone:

150 gr di spaghetti Pasta di Canossa

una cipolla rossa di Tropea (circa 300 gr)

un cucchiaio di zucchero di canna

mezzo bicchiere di vino bianco

noce moscata q.b.

sale e pepe q.b.

olio extravergine d’oliva q.b. (meglio se calabro)

Procedimento:

Mondate e sbucciate della parte più esterna la cipolla, affettatela a rondelle sottili e fatela imbiondire in una padella con dell’olio evo, aggiungete poi il vino bianco e lasciate cuocere a fuoco dolce per qualche minuto con un coperchio, quando saranno ammorbidite aggiungete lo zucchero mescolando bene e aggiustando di sale, nel frattempo iniziate la cottura degli spaghetti in abbondante acqua già salata, cuocere al dente, scolate e fatela saltare nel condimento di cipolle aggiungendo anche qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta se necessario. Servire gli spaghetti cosparsi di pepe e noce moscata! 😀

spaghetticonlecipolle

Con questa ricetta partecipo al contest di Pasta di Canossa #girodeiprimi in collaborazione con La Melagrana Food Creative Idea

contestpastadicanossa

Pasta con la mollica e acciughe

pastaconlamollica

Ed eccoci alla settima tappa del contest Pasta di Canossa, questa volta è protagonista la regione Sicilia a cui dedico la pasta con mollica e acciughe! La Sicilia è la più grande isola d’Italia e del Mediterraneo e vanta anche arcipelaghi di isole minori quali le Eolie, Egadi, Pelagie e l’isola di Ustica e Pantelleria. Due grandi città padroneggiano in quanto molto popolose: Palermo e Catania, da visitare sicuramente e poi è ricca di siti antichi, tre sono i vulcani presenti il più famoso è L’Etna, ricca di riserve e parchi naturali ma altrettanto ricca di storia profumi e sapori! Ma veniamo alla ricetta: leggo spesso di primi piatti ricchi e decisi, oggi faccio felice mio marito presentando la pasta con mollica e acciughe, presenti in molti primi di questa regione!

Ingredienti:

150 gr di pasta di Canossa Il Chitarrone

300 gr circa di salsa di pomodoro

4 filetti di acciughe sott’olio

una cipolla piccola

pane raffermo

sale e olio evo q.b.

1 pizzico di prezzemolo

Procedimento:

Mettete a bollire l’acqua per la pasta già salata, in una casseruola scaldare un po’ d’olio evo con la cipolla tagliata finemente, appena inizia a dorarsi aggiungere il pomodoro e far bollire a fuoco dolce, ridurre a pezzetti più fini possibili i filetti d’acciughe (io ho usato quelli sott’olio ma la ricetta prevede l’utilizzo di acciughe sotto sale lavate del loro sale e sciolte in una padella con poco olio) metterli appunto in una padella con un po’ del loro olio, in un altra padella tostate leggermente il pane raffermo grattugiato (una manciata può bastare) e aggiungerlo alle acciughe a pezzetti, fare amalgamare bene a fuoco basso aggiungendo un pizzico di prezzemolo. Quando la pasta avrà raggiunto la cottura desiderata scolatela e fatela saltare per un minuto nella salsa di pomodoro, portare in tavola in una ciotola il composto di acciughe e pan grattato in modo tale che ogni commensale possa servirsi a piacimento. E buon appetito! 😉

pastaconlamollica1

Con questa ricetta partecipo al contest di pasta di Canossa #girodeiprimi indetto da La Melagrana Food Creative Idea

contestpastadicanossa

Bucatini al pomodoro e fagiolini

bucatinipomodoroefagiolini1

Sesta tappa di #girodeiprimi e quì entra in gioco la Puglia: ho cercato un piatto semplice ma tricolore ed ecco i bucatini al pomodoro e fagiolini. La puglia, regione baciata dal sole, le sue spiagge sono decantate dalle migliaia di turisti che la visitano ogni anno, tipici i trulli, abitazioni ancora in uso, terra di ulivi secolari che ancora sanno produrre olive da cui ricavare un olio d’eccellenza, e poi le Tremiti, il Gargano, Bari, Foggia, castelli e oasi. Sicuramente da visitare tutta!

Ingredienti:

130 gr di bucatini pasta di Canossa

100 gr di fagiolini freschi

1/2 cipolla rossa

200 gr di passata di pomodoro fresco

cacioricotta q.b.

olio extravergine d’oliva q.b.

sale q.b.

Procedimento:

Lavate e spuntate i fagiolini e metteteli a cuocere al vapore per pochi minuti, intanto scaldate in una padella dell’olio evo e fatevi soffriggere la cipolla ben affettata, aggiungetevi la salsa di pomodoro e salate a piacere, ora ponete a bollire l’acqua per la pasta salandola, quando tufferete la pasta a cuocere aggiungete i fagiolini al sugo e lasciate sobbollire dolcemente, passati 6-7 minuti di cottura della pasta, scolatela e fatela saltare nel sugo con i fagiolini, servite i bucatini con una generosa spolverata di cacioricotta.
pastapomodoroefagiolini

Con questa ricetta partecipo al contest #girodeiprimi indetto da La Melagrana – Food Creative Idea e Pasta di Canossa.

contestpastadicanossa

Paccheri con crema ai carciofi

paccheriincremadicarciofi

Buonissimi i paccheri con crema ai carciofi, specie se la pasta è di Canossa! Eccoci alla quarta tappa del contest #girodeiprimi e questa volta si parla delle Marche! Piatti ottimi, posti ottimi, prodotti locali altrettanto ottimi da cui ho preso ispirazione per condire questi paccheri. Leggo di tartufo bianco, pecorino, salsa di olive, ricotta salata, carciofo violetto…. Questi carciofini aromatici e gustosi crescono anche nel nostro orto perciò usiamoli per farci una pasta! Le Marche anch’esse ricche di storia e tradizioni confinano con diverse regioni: Abruzzo, Toscana, Emilia Romagna, Umbria e in piccola parte anche con il Lazio, un lato poi è bagnato dal Mare Adriatico, meta di turismo balneare e poi, confina con un piccolo ma delizioso staterello: San Marino. Da vedere poi i suoi parchi naturali, castelli e musei, centri storici, teatri e le mitiche Grotte di Frasassi, ero ragazzina quando le vidi e ne rimasi affascinata, una bellezza della natura. Da visitare! 😉

Ingredienti (per due persone):

120 gr di paccheri pasta la Canossa

5-6 carciofi violetto

1 patata media

100 gr di ricotta salata

mezzo spicchio d’aglio

un cucchiaino di prezzemolo tritato

olio extravergine d’oliva

sale e pepe q.b.

Procedimento:

Pulite delle foglie esterne i carciofi e togliete la punta, mettete in acqua e limone, pulite e pelate una patata riducendola a pezzetti, in una casseruola ponete l’olio evo e lo spicchio d’aglio ben tritato, aggiungete anche i carciofi e la patata, salate e pepate e iniziate con la cottura aggiungendo circa un dito di acqua, regolandovi di volta in volta (se cuociono troppo a secco aggiungerne dell’altra ma sempre poca alla volta). Quando il tutto sarà ben cotto e tiepido frullate ottenendo una crema con cui poi condirete i paccheri, quest’ultimi andranno cotti in acqua già salata per 5 minuti, scolateli e fateli saltare nella crema ai carciofi, servite spolverati di ricotta salata grattugiata! 😀

 

pacchericoncremaaicarciofi

Con questa ricetta partecipo al contest #girodeiprimi indetto da La Melagrana – Food Creative Idea e Pasta di Canossa.

contestpastadicanossa

Antipasto di carciofo violetto e risotto agli spinaci

risottoeantipasto

Oggi vi propongo due ricette nelle quali ho utilizzato degli ottimi formaggi: Il risotto agli spinaci mantecato con del Blu di Mugello e un antipasto fatto con dei carciofi violetti (fortunatamente ne abbiamo nell’orto e spesso facciamo questa insalatina come antipasto) , noci e Gran Mugello Ubaldino, I formaggi della Storica Fattoria de Il Palagiaccio sono prodotti che si possono abbinare con tanti alimenti, anche con i più particolari, quindi vediamo insieme come si prepara il tutto! 😉

Ingredienti per l’antipasto:

5-6 carciofini violetto di San Erasmo

formaggio Gran Mugello

5 noci

olio evo

sale e pepe q.b.

Ingredienti per il risotto (2 persone):

120 gr di riso

60-80 gr circa di foglie fresche di spinaci (oppure due cubetti di quello congelato)

formaggio Blu del Mugello

500 ml circa di brodo vegetale

sale q.b.

Procedimento:

Lavate e mondate le foglie di spinaci, tritatele grossolanamente e cuocetele (non troppo) in acqua bollente, scolate. Pulite dalle foglie esterne i carciofini e tagliate anche parte delle punte, pulite esternamente anche i gambi togliendo la parte più filamentosa poi tagliate a rondelle sottili compresi i gambi, trasferite in una ciotola dove condirete i carciofini con delle noci a pezzetti, olio evo sale e pepe e con un’ abbondante grattugiata grossolana di Gran Mugello. Prepariamo il risotto portando ad ebollizione il brodo vegetale,versarne un mestolo in una casseruola e versarvi anche il riso e iniziate a cuocerlo, man mano che assorbe il brodo ne aggiungete, a metà cottura aggiungetevi gli spinaci ed il sale. Continuate così fino a cottura ultimata, a questo punto tuffate nel risotto dei pezzi di Blu del Mugello, circa 60-70 grammi e mantecate il risotto. Servite il tutto e buon appetito! 😀

 

risottoeantipasto1

Con queste ricette partecipo al contest Latti da Mangiare indetto da Il Palagiaccio!

download