Cestini con crema alla ricotta e baby kiwi

cestinipastafillo

Buongiorno, oggi ho preparato una merenda semplice e veloce: i cestini con crema alla ricotta e baby kiwi Nergi! Non avevo mai provato fino ad oggi la pasta fillo e devo dire che mi è piaciuta molto, per questa merenda poi l’ho trovata versatile e semplicissima da utilizzare, ho nascosto nella crema un baby kiwi intero così i bambini trovano una dolce sorpresa ricca di vitamine sul fondo dei cestini, vi spiego come realizzare questa golosa e sana merenda, ma anche dessert per un fine pasto! 😉

Ingredienti:

1 vaschetta di baby kiwi Nergi

due fogli di pasta fillo da circa 35-38 cm per lato

250 gr di ricotta

2cucchiai di zucchero al velo

1 cucchiaio di gocce di cioccolato

 

Procedimento:

Ungete di burro uno stampo da muffin del diametro di circa 7-8 cm spolverando di farina, riscaldate il forno a 180°, in una terrina mescolate la ricotta con un cucchiaio di legno aggiungendo lo zucchero al velo e poi le gocce di cioccolato, ora stendete i due fogli di pasta fillo uno sopra l’altro, incidete in tre parti (otterrete tre colonne) e poi altrettante parti in orizzontale, ne  ricaverete 9 quadrati doppi. Adagiate ogni doppio quadrato nello stampo da muffin dando bene la forma, infornate per circa 8 minuti. Appena saranno dorati togliete lo stampo dal forno, disponete i cestini su un piatto con molta delicatezza, mettete sul fondo di ognuno un baby kiwi, copritelo con due cucchiai di crema alla ricotta e guarnite con un baby kiwi tagliato a metà. Servite e gustate! 🙂

blog-nergi_madri

E adesso frutta!!

spiedinidifrutta

Oggi vi propongo un modo diverso di presentare la frutta ai vostri bambini, non si tratta di una ricetta ma di un paio d’idee utili per invogliarli, molte mamme hanno a che fare con bimbi testardi che proprio non ne vogliono sapere di assaggiarla quindi provate anche voi a realizzare gli spiedini di frutta con miele e granella di pistacchi e l’isola con la palma. Per l’occasione ho usato i mini kiwi Nergi, sono ottimi da gustare così al naturale o con uno yogurt oppure come guarnizione su dolci e crostate, non vanno sbucciati e sono uno tira l’altro in più sono apprezzati dai bambini anche da quelli che si rifiutano di mangiare frutta ed è per questo che ho provato a “cambiare” il modo di servirla proprio perché spesso si mangia prima con gli occhi, ecco queste idee sono stuzzicanti per i bimbi perciò provate, vedrete che sarà divertente realizzarli e vi sorprenderete di come i vostri figli spazzoleranno i piatti! 😀

Ingredienti per gli spiedini:

una vaschetta di mini kiwi Nergi

2 – 3 albicocche

1 mela

un cucchiaio di miele d’acacia o millefiori

una manciata di pistacchi tritati (o di nocciole tritate)

alcuni bastoncini in legno

Procedimento:

Lavate accuratamente tutta la frutta, tagliate a dadini la mela ed a spicchi le albicocche lasciando i mini kiwi interi, ora inseriteli in un bastoncino in legno (io ho utilizzato gli stecchi dei gelati per evitare quelli appuntiti) alternando alle albicocche o alla mela, disponete in un piatto e fate cadere sopra il miele con l’aiuto di un cucchiaino, spolverare con i pistacchi tritati. Potrete utilizzare anche altri tipi di frutta oltre ai mini kiwi Nergi ovviamente!

Per realizzare la palma ho utilizzato sempre i mini kiwi Nergi per fare l’erba e le foglie, il fusto è la metà di una banana, le noci di cocco sono acini d’uva piccoli e il sole una fetta di limone, i raggi sono realizzati con la buccia! Anche qui spazio alla fantasia, io ho solo proposto un’idea! 😉

fruttamista

blog-nergi_madri

 

Pasta con la mollica e acciughe

pastaconlamollica

Ed eccoci alla settima tappa del contest Pasta di Canossa, questa volta è protagonista la regione Sicilia a cui dedico la pasta con mollica e acciughe! La Sicilia è la più grande isola d’Italia e del Mediterraneo e vanta anche arcipelaghi di isole minori quali le Eolie, Egadi, Pelagie e l’isola di Ustica e Pantelleria. Due grandi città padroneggiano in quanto molto popolose: Palermo e Catania, da visitare sicuramente e poi è ricca di siti antichi, tre sono i vulcani presenti il più famoso è L’Etna, ricca di riserve e parchi naturali ma altrettanto ricca di storia profumi e sapori! Ma veniamo alla ricetta: leggo spesso di primi piatti ricchi e decisi, oggi faccio felice mio marito presentando la pasta con mollica e acciughe, presenti in molti primi di questa regione!

Ingredienti:

150 gr di pasta di Canossa Il Chitarrone

300 gr circa di salsa di pomodoro

4 filetti di acciughe sott’olio

una cipolla piccola

pane raffermo

sale e olio evo q.b.

1 pizzico di prezzemolo

Procedimento:

Mettete a bollire l’acqua per la pasta già salata, in una casseruola scaldare un po’ d’olio evo con la cipolla tagliata finemente, appena inizia a dorarsi aggiungere il pomodoro e far bollire a fuoco dolce, ridurre a pezzetti più fini possibili i filetti d’acciughe (io ho usato quelli sott’olio ma la ricetta prevede l’utilizzo di acciughe sotto sale lavate del loro sale e sciolte in una padella con poco olio) metterli appunto in una padella con un po’ del loro olio, in un altra padella tostate leggermente il pane raffermo grattugiato (una manciata può bastare) e aggiungerlo alle acciughe a pezzetti, fare amalgamare bene a fuoco basso aggiungendo un pizzico di prezzemolo. Quando la pasta avrà raggiunto la cottura desiderata scolatela e fatela saltare per un minuto nella salsa di pomodoro, portare in tavola in una ciotola il composto di acciughe e pan grattato in modo tale che ogni commensale possa servirsi a piacimento. E buon appetito! 😉

pastaconlamollica1

Con questa ricetta partecipo al contest di pasta di Canossa #girodeiprimi indetto da La Melagrana Food Creative Idea

contestpastadicanossa

Bucatini al pomodoro e fagiolini

bucatinipomodoroefagiolini1

Sesta tappa di #girodeiprimi e quì entra in gioco la Puglia: ho cercato un piatto semplice ma tricolore ed ecco i bucatini al pomodoro e fagiolini. La puglia, regione baciata dal sole, le sue spiagge sono decantate dalle migliaia di turisti che la visitano ogni anno, tipici i trulli, abitazioni ancora in uso, terra di ulivi secolari che ancora sanno produrre olive da cui ricavare un olio d’eccellenza, e poi le Tremiti, il Gargano, Bari, Foggia, castelli e oasi. Sicuramente da visitare tutta!

Ingredienti:

130 gr di bucatini pasta di Canossa

100 gr di fagiolini freschi

1/2 cipolla rossa

200 gr di passata di pomodoro fresco

cacioricotta q.b.

olio extravergine d’oliva q.b.

sale q.b.

Procedimento:

Lavate e spuntate i fagiolini e metteteli a cuocere al vapore per pochi minuti, intanto scaldate in una padella dell’olio evo e fatevi soffriggere la cipolla ben affettata, aggiungetevi la salsa di pomodoro e salate a piacere, ora ponete a bollire l’acqua per la pasta salandola, quando tufferete la pasta a cuocere aggiungete i fagiolini al sugo e lasciate sobbollire dolcemente, passati 6-7 minuti di cottura della pasta, scolatela e fatela saltare nel sugo con i fagiolini, servite i bucatini con una generosa spolverata di cacioricotta.
pastapomodoroefagiolini

Con questa ricetta partecipo al contest #girodeiprimi indetto da La Melagrana – Food Creative Idea e Pasta di Canossa.

contestpastadicanossa

Torta con fragole creme fraiche e ricotta

crostatayogurtgrecoefragole

Ed eccoci con qualcosa di dolce: torta con fragole creme fraiche e ricotta! Dopo alcuni primi piatti ci vuole un po’ di zucchero e cremosità perciò vi propongo un dolce buono buono e per nulla difficile da realizzare! Serve il forno, questo sì ma, se vi capita una giornata piovosa in cui le temperature scendono e sentite il bisogno di indossare una felpa anzichè un prendisole allora provatela! 😀 Giorni fa ero dal fruttivendolo, ci vado raramente perchè l’orto fornisce tutto quello che serve ma la frutta in genere pochissima perciò la acquisto ed ecco che dopo il conto il tipo mi regala una vaschetta di fragole dicendomi che sono le ultime, io già me le vedo sul gelato con la panna oppure intinte nel cioccolato oppure così al naturale invece poi al supermercato, sempre dopo il conto, mi rifilano un vasetto di creme fraiche o panna acida che scopro si può fare anche in casa (leggete qui), e con questa che ci faccio? Mai vista e mai usata! Quindi complice una giornata uggiosa e la voglia di un dolce da forno e complici pure le fragole (che si vedeva chiaramente essere le ultime!!) e sta creme fraiche  mi metto alla ricerca di un dolce (ma dove? quì) per poter utilizzare entrambi gli ingredienti, ed ecco che trovo questa torta che fa al caso mio, ma anche vostro se volete! 😀

Ingredienti per la base:

250 gr di farina

125 gr di burro

2 uova

100 gr di zucchero

1/2 busitna di lievito per dolci

Per il ripieno:

250 gr di ricotta

1 vasetto di panna acida da 200 gr (ovvero creme fraiche)

120 gr di zucchero

1 uovo

1 cucchiaio di farina

250 – 300 gr di fragole

Procedimento:

Impastate insieme nel robot (o velocemente a mano) gli ingredienti per la base della torta. Formate un panetto che avvolgerete nella pellicola e lasciate riposare in frigo per un’ora. Intanto preparare la crema del ripieno lavando e pulendo le fragole e mettendole da parte, mescolate in una ciotola la ricotta e la panna acida aggiungendovi lo zucchero. In un piatto fondo sbattete l’uovo con la forchetta e poi aggiungetelo al composto di ricotta, versate il cucchiaio di farina e per ultime le fragole a pezzetti. Imburrare ed infarinare uno stampo da torte con bordo apribile del diametro di circa 22 cm, stendete la pasta sul fondo e sul bordo (circa 4 cm), versatevi la crema con le fragole e infornate in forno già caldo a 180° per circa 40 minuti. A cottura ultimata lasciate raffreddare e poi servite, conservare poi in frigo. 😉

crostatayogurtgrecoefragole1