Torta di semolino

 

dolcealsemolino

Vi propongo oggi una torta morbida e delicata, anche i più piccoli l’apprezzeranno: la torta di semolino. Da tempo volevo utilizzare una busta di semolino ma in versione dolce ed ecco che cercando in rete ho trovato un dolce che è piaciuto a tutta la famiglia, la ricetta arriva dal blog Dolce&Amara a cui ho apportato lievi modifiche, davvero buona da provare!! ;) L’aspetto della mia è di una torta rustica ma al palato vi soddisferà. Eccovi la ricetta!

Ingredienti

1 lt di latte

250 gr di semolino

100 gr di zucchero

i semi di mezza bacca di vaniglia (o la buccia grattugiata di un’aracia o un limone)

2 uova intere

80 gr di burro

Procedimento:

Portate a bollitura il latte a cui aggiungerete i semi di vaniglia, o una bustina di vanillina o a piacere la scorza grattugiata di un limone o di un’arancia non trattata, ammollate l’uvetta in acqua calda, appena il latte bolle aggiungere a pioggia il semolino mescolando bene per evitare grumi, quando si sarà ben addensato il tutto spegnete e lasciate intiepidire, nel frattempo imburrate ed infarinate uno stampo da dolci, portate il forno a 200°. Ora versate nel composto di latte e semolino l’uvetta ben strizzata e mescolate, versatevi anche le uova già precedentemente sbattute con una forchetta e sempre mescolando, lo zucchero e il burro a pezzettini, amalgamate bene il tutto, trasferite il composto nella tortiera ed infornate, lasciate cuocere per circa 30 minuti, fino a doratura della superficie. Servite anche tiepida! :D

dolcealsemolino1

 

 

 

 

Muffin di pesche noci

muffinpesche   Buongiorno a tutti! Solo oggi mi accorgo che è davvero da molto che non pubblico le mie ricette nel blog, non mi accorgo invece del tempo che passa, tante sono le cose da fare in famiglia con due bambini e tanti impegni che mi tengono lontana dal mio angolino, beh quindi ora voglio presentarvi una ricetta dolce,i muffin di pesche noci, virtualmente ne offro uno ad ognuno che viene a leggermi, sono semplici e veloci da preparare, una sana merenda per tutti, piccoli e grandi. Qualche giorno fa sono andata dal fruttivendolo, non che io ci vada spesso anzi dato che verdure e qualche frutto arriva dall’orto però mi servivano giusto un paio di cosette, alla cassa c’erano delle noci pesche in regalo, ultimissime dato che oramai la stagione è passata, quindi ne ho portate a casa una decina, tre di loro le ho utilizzate per preparare questi dolcetti, provate anche voi, ma se non avete le pesche potrete prepararli con altri frutti, mele pere banane ecc.! ;)

Ingredienti

220 gr di farina 00

120 gr di zucchero

3 pesche noci ( o anche mele, banane, pere, ecc.)

1 vasetto (125 gr) di yogurt bianco o alla vaniglia

2 uova

80 gr di burro fuso

1 pizzico di sale

1 bustina di lievito per dolci

Procedimento:

Lavate, asciugate e tagliate a piccoli pezzi le pesche, ungete una teglia da muffin (o utilizzate dei pirottini) con burro e farina, portate il forno a 180°, in una ciotola iniziate a montare le uova con lo zucchero finchè saranno ben spumose, aggiungete ora lo yogurt ed il burro fuso, mescolate bene ed infine versate la farina setacciata con il lievito, da ultime incorporate all’impasto i pezzetti di pesche. Se l’impasto dovesse risultare troppo denso aggiugete un po’ di latte finchè avrete ottenuto la consistenza desiderata 8tipo una crema) Infornate e lasciate cuocere per circa 20 minuti finchè saranno ben dorati, una volta raffreddati potete spolverare di zucchero al velo. :D

muffinpesche1

Penne ai peperoni e olive taggiasche

penne ai peperoni e olive

 

Voglia d’estate anche nel piatto? Che ne dite di provare queste penne ai peperoni e olive taggiasche? In questi giorni che spesso si presentano piovosi c’è bisogno di portare un po’ di colore e gusto a tavola perciò vi suggerisco di gustare questa pasta dall’aspetto solare!!!

Ingredienti (4 persone):

300 gr di pasta corta tipo penne

1 peperone giallo ben carnoso

400 gr di passata di pomodoro

1 scalogno

15 – 20 olive taggiasche

qualche foglia di basilico

Procedimento:

Mettete sul fuoco la pentola con l’acqua ed il sale per cuocere la pasta. Finchè attendete che prenda il bollore, lavate e pulite dai vari filamenti e semini il peperone, tagliatelo a listarelle ed infine a cubetti, scaldate un po’ d’olio d’oliva in una padella e fateci rosolare lo scalogno ben tritato, aggiungetevi ora il peperone e fatelo saltare per 10 minuti, dopo aggiungetevi il pomodoro e cuocete per altri 10 minuti salando q.b., dopo aver spento mettete le olive amalgamando il tutto. Cuocete la pasta al dente. Due minuti prima di scolarla accendete a fuoco vivace la padella del sugo, versatevi la pasta e fatela saltare per bene. Servite con qualche foglia di basilico e una bella spolverata di parmigiano grattugiato. Buon appetito! ;)

penne ai peperoni e olive1

Torta mojito

torta mojito1In questi giorni fa molto caldo, pochi accenderebbero il forno e io sono tra quei pochi che l’hanno fatto contenta poi del risultato:  una buonissima torta simil crostata con un ripieno a base di ricotta, buccia di lime e foglie di menta piperita tritate, la torta mojito! L’ho trovata in un ricettario della Paneangeli. Particolare e profumata va gustata come fine pasto, magari dopo una cena con gli amici o semplicemente in famiglia quando si vuole una coccola dolce! ;)

Ingredienti per l’impasto base:

225 gr di farina 00

75 gr di zucchero di canna

i semi di mezza bacca di vaniglia o in alternativa 1 bustina di vanillina

1 uovo

125 gr di burro

1/2 bustina di lievito per dolci

Per il ripieno:

40 gr di zucchero

12 foglie di menta

3 lime

2 uova

2 cucchiai di rum

150 gr di formaggio spalmabile (io ho usato del mascarpone ma anche tipo philadelphia va bene)

250 gr di ricotta

Procedimento:

Setacciate la farina dentro una capiente terrina, fate un buco al centro e mettetevi lo zucchero di canna, i semi di mezza bacca di vaniglia (o la bustina di vanillina), uovo, burro morbido e il lievito setacciato. Impastate il tutto velocemente fino ad ottenere un’impasto liscio e morbido, nel caso la pasta fosse troppo morbida ponete in frigo 30 min. Stendere l’impasto in uno stampo a cerniera imburrato ed infarinato formando un bordo di circa 2 cm. Preparate il ripieno mescolando in una ciotola lo zucchero, 8 foglie di menta tritate finemente, la scorza grattugiata di due lime, l’uovo e il rum e da ultimo la ricotta e il formaggio spalmabile. Versate la crema ottenuta sulla base già stesa e porre a cuocere in forno a 180° per 40 min nella parte inferiore del forno già caldo. Decorate la torta una volta raffreddata con foglie di menta e listarelle di lime. Porre in frigo a riposare in frigo per un paio d’ore prima di servire. :D

 

torta mojito

 

Con questa ricetta partecipo al contest di Sabrina del blog Les Madeleines di Proust

 

banner

Carciofi violetto di S. Erasmo fritti

castraure fritte

 

Il carciofo violetto di S. Erasmo sono di piccola taglia e un prodotto di nicchia, un boccone prelibato da provare assolutamente! L’isola di S. Erasmo si trova nella laguna veneziana, la sua terra è particolarmente adatta per la coltivazione di questi gustosi carciofi violacei, quando la pianta presenta il primo frutto apicale (castraura) viene raccolto in modo tale da far spuntare altri frutti (botoi) sulla pianta che in genere ne produce almeno una dozzina. In orto abbiamo alcune di queste favolose piante e così ho voluto prepararli fritti. Ora vi spiego come ho fatto! ;)

Ingredienti per la pastella:

1 uovo

farina q.b.

sale q.b.

birra bionda

10/12 castraure

il succo di 1 limone

abbondante olio d’arachidi per friggere

acqua q.b.

Procedimento:

Pulite e togliete le foglie più esterne dei carciofi in genere quelle più dure e togliete un paio di centimetri di punte, metteteli in acqua acidula con il succo di limone in modo che non anneriscano. Nel frattempo preparate la pastella: sbattete bene l’uovo con un pizzico di sale, versatevi a cucchiaiate la farina una alla volta amalgamandola bene all’uovo finchè diventerà la consistenza di una crema rassodata, ora aggiungete qualche cucchiaio di birra finchè la pastella diverrà morbida ma non troppo liquida, sarà molto simile ad una crema appena tolta dal fuoco, amalgamate bene. Ora scaldate abbondante olio in una padella, intanto scolate i carciofini, tagliateli a metà o in tre parti e tuffateli nella pastella rigirandoli bene. Quando l’olio sarà caldo al punto giusto (immergete la punta di uno stecchino, se fa le bollicine è pronto), mettete qualche spicchio di carciofo pastellato a friggere, toglieteli quando prenderanno un colore dorato. Metteteli su carta assorbente per togliere l’eccesso d’olio, serviteli tiepidi cospargendoli con una spruzzata di sale! :D

castraure fritte1