SUPPLì DI RISO CON SCAMORZA AFFUMICATA E TRITO MEDITERRANEO

A chi non piacciono le crocchette? Anche i bambini le adorano, sopratutto se accompagnate da qualche gustosa salsa.

Io le ho servite con maionese e insalata calda agrodolce di radicchio e cipolle rosse.

  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 50 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: circa 15 Crocchette
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Riso Volano Grandiriso 250 g
  • Scamorza affumicata
  • Pomodorini datterini 4/5
  • Olive verdi 5/6
  • Capperi 1 cucchiaino
  • Uova 2
  • Pane grattugiato
  • Origano
  • Sale
  • Pepe
  • Olio extravergine d'oliva

Preparazione

  1. Per cominciare, cuocere il riso Volano in acqua salate per il tempo indicato dalla confezione.

    Nel frattempo, tagliare a pezzetti la scamorza e dopo aver tritato finemente pomodori, olive e capperi, condirli con pepe, origano e un pizzico di sale (non esagerare con il sale, vista la sapidità dei capperi).

    Dopodichè, scolare il riso e far intiepidire, unire al condimento e bagnare con un filo d’olio evo.

    Ora, mettere un cucchiaio di riso sulla mano, tenendola a coppa, aggiungere un pezzo di scamorza e coprire con un altro cucchiaio di riso. “Girare” tra le mani delicatamente, fino a formare una pallina.

    Procedere con la panatura, intingendo prima nell’uovo sbattuto e poi passando nel pane grattuggiato.

    Ripetere il procedimento per tutti i supplì.

    Per quanto riguarda la cottura, potete scegliere di friggere in abbondante olio di semi, oppure, come ho fatto io, mettere tutto in forno, con una generosa spruzzata di olio, a 200° per una ventina di minuti.

    Infine, servire con salse e verdure a piacere; io ho optato per una semplice maionese e un’insalata calda agrodolce di radicchio e cipolle rosse.

     

Note

/ 5
Grazie per aver votato!
Antipasti, Piatti tipici, Secondi piatti

Informazioni su sedanocarotacipolla

Fino ai vent'anni non mangiavo niente. Solo pasta al pomodoro e bistecca. Niente verdure, formaggi, legumi... Poi ho deciso di andare a convivere e ho iniziato a pensare che non potevo far morire di fame quel poveretto del mio compagno :') Così ho iniziato a sperimentare qualche ricetta, abbinare gli ingredienti in modo creativo e soprattutto ho cominciato ad assaggiare. Mi si è aperto un mondo: la cucina ora è il posto dove mi rilasso dopo una giornataccia al lavoro, dove fantastico e provo nuovi piatti e gusti.

Precedente RISOTTO AL LIMONE E FORMAGGIO DI CAPRA CON SALVIA FRITTA Successivo POLLO ARROSTO CON FAGIOLI SAPORITI E RISO

Lascia un commento