RISOTTO AL CHIANTI CON FONTINA DOP

Il risotto al Chianti ha un sapore ricco, ideale per quando arriva il primo freddo, la mantecatura con la fontina poi, lo rende incredibilmente cremoso.

Da accompagnare rigorosamente con un calice del medesimo vino.

Consiglio di utilizzare prodotti di buona qualità per avere un risultato eccellente.

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 PERSONE
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Riso 300 g
  • Chianti DOCG (di buona qualità) 2 bicchieri
  • Fontina DOP 2 fette
  • Parmigiano reggiano (grattuggiato) 2 abbondanti cucchiai
  • Scalogno 1/2
  • Brodo vegetale 300 ml
  • Sale
  • Pepe
  • Alloro
  • Olio extravergine d'oliva

Preparazione

  1. Prima di tutto, tagliare a cubettini la fontina e mettere da parte.

    Tritare lo scalogno finemente e soffriggere in una padella per un paio di minuti con un filo di olio evo. Successivamente, aggiungere il riso e tostare per qualche altro minuto.

    Sfumare con una parte di vino e, quando evaporato, aggiungere il rimanente e cuocere per il tempo necessario.

    Bagnare con il brodo nel caso in cui si asciughi troppo.

    Salare, pepare e aggiungere una foglia di alloro per profumare (andrà poi rimossa a fine cottura).

    A fuoco spento, unire al riso i cubetti di fontina e il parmigiano e mantecare per un paio di minuti.

    Servire ancora fumante.

Note

Primi piatti

Informazioni su sedanocarotacipolla

Fino ai vent'anni non mangiavo niente. Solo pasta al pomodoro e bistecca. Niente verdure, formaggi, legumi... Poi ho deciso di andare a convivere e ho iniziato a pensare che non potevo far morire di fame quel poveretto del mio compagno :') Così ho iniziato a sperimentare qualche ricetta, abbinare gli ingredienti in modo creativo e soprattutto ho cominciato ad assaggiare. Mi si è aperto un mondo: la cucina ora è il posto dove mi rilasso dopo una giornataccia al lavoro, dove fantastico e provo nuovi piatti e gusti.

Precedente POLLO ALLE MANDORLE Successivo FILETTO DI BRANZINO ALLA PIASTRA CON TRIS DI PURÈ

Lascia un commento