RISOTTO AI PORCINI E PROFUMO DI AGLIO NERO

L’aglio nero non è altro che l’aglio classico, sottoposto ad un particolare processo di fermentazione.

A differenza sua però ha molteplici proprietà e pertanto viene considerato un super food. Inoltre, si dice che sia addirittura a prova di bacio e soprattutto più digeribile.

Molti dicono ricordi la liquirizia ed effettivamente sono piuttosto d’accordo.

  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 35 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4 Persone
  • Costo: Alto

Ingredienti

  • Riso Arborio 300 g
  • Funghi porcini secchi 100 g
  • Aglio nero 1 spicchio
  • Scalogno piccolo 1/2
  • Parmigiano reggiano (per mantecare)
  • Vino bianco 1 bicchiere
  • Brodo vegetale 1 l
  • Prezzemolo
  • Olio extravergine d'oliva
  • Sale
  • Pepe

Preparazione

  1. Prima di cominciare con la preparazione, ammollare i funghi in una ciotola piena di acqua tiepida, che andrà cambiata diverse volte.

    Soffriggere delicatamente l’aglio in olio evo dopodiché aggiungere anche i funghi. L’aglio non andrà rimosso, infatti si scioglierà come un’acciuga, lasciando ai funghi un aroma molto particolare e profumato.

    Proseguire la cottura per una decina di minuti.

    Ora, tritare lo scalogno e soffriggerlo con l’olio evo. A doratura, aggiungere il riso e tostarlo per un paio di minuti. Sfumare il tutto con il vino bianco e a completa evaporazione, aggiungere i funghi con il loro sughetto e allungare con il brodo bollente per non far asciugare. Salare e pepare e cuocere per il tempo indicato dalla confezione.

    Un paio di minuti prima della fine della cottura, spegnere il fuoco, aggiungere il parmigiano e un giro d’olio (se preferite potete usare il burro) e mantecare fino ad ottenere un risotto super cremoso. Spolverare con il prezzemolo tritato e servire bollente.

Note

Primi piatti

Informazioni su sedanocarotacipolla

Fino ai vent'anni non mangiavo niente. Solo pasta al pomodoro e bistecca. Niente verdure, formaggi, legumi... Poi ho deciso di andare a convivere e ho iniziato a pensare che non potevo far morire di fame quel poveretto del mio compagno :') Così ho iniziato a sperimentare qualche ricetta, abbinare gli ingredienti in modo creativo e soprattutto ho cominciato ad assaggiare. Mi si è aperto un mondo: la cucina ora è il posto dove mi rilasso dopo una giornataccia al lavoro, dove fantastico e provo nuovi piatti e gusti.

Precedente TORTA NUTELLA E PERE Successivo RISOTTO CON CREMA DI ASPARAGI E ROBIOLA STAGIONATA

Lascia un commento