POLLO PICCANTE ALL’ARANCIA E MIELE, VERDURE BRASATE, CUORE DI PECORINO E RISO BASMATI

Come già ripetuto in altre ricette, adoro il pollo. Con questa ricetta ho voluto creare un piatto fatto da ingredienti tipicamente italiani, ma dal sapore tutto particolare, etnico, diverso dai nostri canoni.

Inoltre, può essere considerato un piatto unico, visto che è completo di riso, carne e verdure.

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    40 minuti
  • Porzioni:
    4 porzioni
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Petto di pollo 300 g
  • Riso Basmati 200/240 g
  • Cipolla 1
  • Peperone rosso 1
  • Peperone giallo 1
  • Songino
  • Peperoncino verde piccante 1
  • Arance 2
  • Farina 0
  • Miele di castagno
  • Shichimi togarashi 1 cucchiaino
  • Sale
  • Pepe verde in grani
  • Olio extravergine d’oliva
  • Pecorino senese grattuggiato 4 cucchiai

Preparazione

  1. Per cominciare, bollire il riso per il tempo indicato dalla confezione. Dopodichè, condirlo con un filo d’olio, sale e pepe e tenere da parte.

    Tagliare la cipolla finemente e i peperoni a listarelle finissime (eliminando i semi) e cuocere il tutto con un giro d’olio, a fuoco basso per circa 40 minuti.

    Nel frattempo, tagliare il pollo a bocconcini, infarinarlo e metterlo a cuocere con un filo d’olio e il peperoncino tritato. Quando inizierà a dorare, sfumare con il succo d’arancia e unire anche poca scorza grattuggiata, il miele, il sale, il pepe e il shichimi togarashi e cuocere per una mezz’ora.

    Infine, quando è tutto pronto, comporre il piatto: con un coppapasta creare un tortino di riso, porre al centro il pecorino grattuggiato e intorno l’insalata, poi aggiungere le verdure e infine il pollo.

     

Cucina Etnica, Piatto unico, Ricette di carne, Secondi piatti

Informazioni su sedanocarotacipolla

Fino ai vent'anni non mangiavo niente. Solo pasta al pomodoro e bistecca. Niente verdure, formaggi, legumi... Poi ho deciso di andare a convivere e ho iniziato a pensare che non potevo far morire di fame quel poveretto del mio compagno :') Così ho iniziato a sperimentare qualche ricetta, abbinare gli ingredienti in modo creativo e soprattutto ho cominciato ad assaggiare. Mi si è aperto un mondo: la cucina ora è il posto dove mi rilasso dopo una giornataccia al lavoro, dove fantastico e provo nuovi piatti e gusti.

Precedente QUINOA E LENTICCHIE SALTATE ALLO SCALOGNO E ANETO SU GAZPACHO DI POMODORO "ALL'ITALIANA" Successivo FINTO TIRAMISU' AL PROFUMO DI ARANCIA

Lascia un commento